lunedì 12 ottobre 2015

Il libro del maestro Orzan su Baldasseria presentato a Udine

Emozionato, ma col suo "spagnolet" acceso, il maestro Alfredo Orzan aspettava sulle scale della scuola e fumava. Ottantacinque anni suonati e la voglia di scrivere ancora lì "su almeno quattro o cinque idee, riguardo al quartiere". Questo è l'antefatto della presentazione pubblica del suo libro su Baldasseria, quartiere di Udine.
Come una grande celebrità, il maestro Alfredo Orzan firma le dediche sul suo libro dedicato a Baldasseria. Fotografia di Elio Varutti.

È come una guida turistica di Udine sud. Fresco di stampa è uscito il volume scritto da lui. “Baldasseria vista da Orzan. Storia e cultura della periferia di Udine sud”. Si intitola così la nuova produzione culturale edita dalla Associazione Insieme con Noi, di cui è presidente Germano Vidussi. Contiene la premessa di don Tarcisio Bordignon, parroco dei San Pio X, fino al 2014, oltre al saluto di Silvano Barbiero, presidente della Saf Autoservizi FVG SpA.
Questo libro contiene la raccolta di articoli di Orzan, pubblicati dal 1979 in poi soprattutto sul numero unico di «Baldasseria Festa Insieme», in occasione della tradizionale sagra parrocchiale. Poi Orzan ha scritto anche in altri giornali, comunque riprodotti nel libro. Ci sono, inoltre, altri articoli di “amici” di Orzan, riferiti sempre ai fatti del borgo udinese. Ci sono gli scritti di don Aldo Moretti, Arduino Cremonesi, Aldo Candussio, Guerrino Cecotti e Aldo Cettul. Alla fine del Novecento era una circoscrizione, con la denominazione di “Udine Sud”. Un tempo era frazione, oppure come scrivevano i vecchi parroci del Settecento o dei primi anni dell’Ottocento “un Corpo Santo” della città.
Aula magna della scuola "E. Fermi", Udine - Germano Vidussi apre l'incontro di presentazione del volume, accanto a Elio Varutti, Alfredo Orzan e don Tarcisio Bordignon. Foto di D&C.

La presentazione del bel volume, di 184 pagine, si è svolta nell’aula magna della scuola “E. Fermi”, in Via Pradamano sabato 10 ottobre 2015. Ha aperto i lavori del folto incontro Germano Vidussi, ricordando le attività svolte dall’associazione di volontariato che ha stampato il volume, poi ha parlato don Tarcisio Bordignon, che assieme all’autore del libro ha lanciato un appello “per cercare vecchi documenti e fotografie nelle soffitte e nei bauli, per arricchire la storia della zona”. Ha partecipato all’incontro poi Federico Pirone, assessore alla Cultura del Comune di Udine, che oltre al saluto del sindaco Furio Honsell e dell’amministrazione comunale ha sottolineato “l’importanza di testimonianze come queste sulla storia del quartiere”. Poi l’assessore si è unito all’appello di don Tarcisio di raccogliere vecchi materiali negli album di famiglia “poiché la comunità può crescere se ognuno di noi fa la sua parte per migliorare la storia da trasmettere alle nuove generazioni”.
Mentre scorrevano sullo schermo oltre cento diapositive, con le immagini del testo, alcune delle quali del fotografo Carlo Innocenti, ha parlato il professor Elio Varutti, curatore del volume. “Era quasi doveroso raccogliere tutti gli articoli, scritti dal 1979 ad oggi dal maestro Orzan – ha detto Varutti – raccoglierli e riordinarli assieme a lui, per proporre ai lettori un libro di storia del territorio. Qui troverete dei bei brani di storia industriale, di economia agraria – con  sconfinamenti nella botanica –, di  ecologia e salvaguardia delle acque, di economia dei trasporti e di tecnica delle comunicazioni. Tutto in riferimento alla zona di Baldasseria, dove dopo il 1945 in Via Pradamano funzionò il Centro di Smistamento Profughi per gli italiani fuggiti dall’Istria, da Fiume e dalla Dalmazia. Di qui passarono oltre 100 mila esuli, che furono poi ricollocati soprattutto nell’Italia settentrionale ”.
 Orzan assieme a tre suoi allievi della scuola elementare di Via Napoli, nel quartiere di Sant'Osvaldo e col suo amico Antonio Adami, dietro Orzan; il primo a sinistra è Alessandro Toniutti. 
Fotografia di Elio Varutti

Elio Varutti presenta il libro di Alfredo Orzan, lì accanto. Foto di D&C.

Il libro si articola in varie parti. Per esplicito intendimento di Orzan contiene testi scritti da altri autori, che vanno ad arricchire l’offerta culturale dell’intero prodotto editoriale. Si inizia con la preistoria, per arrivare a Napoleone e ai moti risorgimentali del 1848. Poi ci sono i fatti del Novecento, con grande spazio agli eventi delle guerre mondiali. C’è la storia della chiesa di Santa Maria degli Angeli, la chiesetta di Baldasseria, oltre alla nascita della parrocchia di San Pio X.
Si descrivono, in seguito, le industrie della zona e i mestieri di un tempo. Non si trascurano gli aspetti dell’agricoltura, fattore economico fondamentale per la vita degli abitanti locali, i corsi d’acqua, le fontane e gli aspetti dell’architettura rurale. Ci sono le curiosità sui toponimi, come la “peccaminosa” Piccola Parigi, o altri momenti della vita popolare del quartiere. Il tutto è raccontato con minuziosa precisione e con un certo garbo da quella gran penna d’oro che è il maestro Orzan, classe 1930.
Egli è venuto in Baldasseria da San Lorenzo Isontino, provincia di Gorizia, per insegnare alla scuola elementare “Ada Negri” di via Zucchi. Poi in questo quartiere di Udine ha trovato la sua dimora, acquisendo con gli anni un senso di appartenenza tale da portarlo a scrivere tanti articoli su di esso.
Nel volume, ricco di fotografie inedite, ci sono pure le biografie di alcuni talenti della zona, come Giulio Menossi, Mario Baldan, Corrado Barazzutti, Lucia Gazzino, Toni Menossi, Carlo Tolazzi, Bruno Sebastian, Giovanni Clochiatti, Daniele D’Agaro, Ezio Rojatti, Roberto Lestani e i missionari Padre Alberto Chiappa, nonché Padre Aldo e Padre Bramante Marchiol.
Per informazioni sul nuovo libro, in vendita presso la cartoleria di piazzale Cavalcaselle, rivolgersi alla Associazione Insieme con Noi.

E-mail:      insiemeconnoi@gmail.com

 Don Tarcisio Bordignon (Palmanova 1930), parroco di San Pio X a Udine fino al 2014. Fotografia di D&C.

Orzan al microfono mentre spiega come è nato il libro su Baldasseria. Foto di D&C.
--
Una versione di questo articolo è stata pubblicata il 12 ottobre 2015 su infofvg.it col titolo: 
---
Rassegna stampa:
Il maestro Orzan racconta Baldasseria, "Messaggero Veneto", 1 agosto 2015.

Ecco l'articolo pubblicato il 6 luglio 2015 nel blog di Elio Varutti: "Baldasseria vista da Alfredo Orzan".

 Alessandro Toniutti mentre dice al maestro Orzan di essere stato suo allievo alle scuole elementari di Sant'Osvaldo di Udine. Emozioni pure...  Fotografia di Elio Varutti.

Un momento dell'incontro che ha visto oltre 70 partecipanti. 
Foto di D&C.


Al microfono don Tarcisio Bordignon, sullo schermo l'ascia preistorica trovata in Baldasseria nel '900, foto di M.G.U.



 L'intervento del fotografo Carlo Innocenti, che ha donato al volume una serie molto bella dei suoi magnifici scatti; foto di M.G.U.



Altre immagini della bella serata; foto di M.G.U.

Il giorno 11 febbraio 2017 moriva  a Udine il maestro Alfredo Orzan. Il funerale si è tenuto nella chiesa di San Pio X, con il nuovo parroco don Paolo Scapin e il parroco in quiescenza don Tarcisio Bordignon ed una grande presenza di pubblico.
Vedi sul "Messaggero Veneto" del 13 febbraio 2017 l'articolo intitolato "Addio al maestro Orzan, cantore di Baldasseria".