sabato 26 novembre 2016

Strolic pal 2017 presentât a Udin li de Filologjiche

«Al è plui penç dal solit il Strolic pal 2017 – al à dit Federico Vicario, president de Societât Filologjiche Furlane – al è stât rincurât di Dani Pagnucco, cuntune redazion fate di Aldo Di Bernardo, Gianluca Franco e Annalisa Gasparotto».
Dani Pagnucco, Federico Rossi e Federico Vicario

Fevelin di un librut di 320 pagjinis, dutis in marilenghe. E je la edizion numar 98, stant che la socie e je nassude tal 1919 a Gurize.
Culì e si conte cualchi strolegaments, storiutis di ridi, ma ancje robis di biologjie, su la vite des plantis o pûr di filosofie. Dopo si pues lei tant di storie. Nuie mancul cualchi toc al è di astronomie, poesie, storie de Art, di teatri furlan e alc altri.
Fidrì dai Ros, clamât a screâ chest Strolic al à fevelât di une “opare messedade ben cun tantis rubrichis e dopo al è un strument par induvinâ il futûr di caratar tradizionâl e une vore popolâr, une volte al coventave ai contadins, par capî ben ce che si veve di fâ cui cjamps”.

Tra i tancj che  àn fevelât si pues nomenâ Odorico Serena, partît cu la filosofie antighe, o Angela Felice che, dut un cun Paolo Patui, e à contât tantis robis dal teatri furlan, tirant dentri ancje chê comedie “Amôr in canoniche” che tal passât e tirât sù lui di cinccent replichis. Gabriella Bucco, la uniche che e à doprât la lenghe taliane par contâ i siei intervents tal librut, che a son su la creativitât artistiche di fâ etichetis pes butiliis di vin, che a zirin pal mont, une specialitât dute furlane.
Tra un autôr e chel altri, e à cjacarât ancje Nila Braidotti, di Fontanebuine di Pagnà. Come ogni an. Cheste siore, aromai di 88 primeveris, e à volût dâ in regâl ae Filologjiche un ûf piturât di jê, simpri cun snait di artist.
L'intervent di Odorico Serena

Altris autôrs dal Strolic pal 2017 a son: Angelo Floramo, Antonino Danelutto, Gianni Colledani, Beppino Ponte, Aldo Tomè, Elisabetta Brunello Zanitti, Claudio Mattaloni, Giacomo Vit, Ermanno Dentesano, Monica Tallone, Mauro Fiorentin, Giannino Angeli, Carlo Zoldan e altris ancjemò.
Prime di lâ vie al è stât presentât ancje il Lunari pal 2017 dut fat cu lis cartulinis dal font de Filologjiche, cul intervent di Feliciano Medeot, diretôr de Societât Filologjiche Furlane.

La presentazion dal Strolic e je stade fate tal Salon d’onôr “Guglielmo Pelizzo”, di Palaç Mantica, in Vie Manin 18 a Udin, come te tradizion, la dì di Sante Catarine, ai 25 di Novembar, a lis cinc e mieze sore sere.
Angela Felice e nomene la comedie Amôr in canoniche

Gabriella Bucco e conte i siei intervents tal librut, che a son su la creativitât artistiche di fâ etichetis pes butiliis di vin, che a zirin pal mont, une specialitât dute furlane

Roberto da Cevraia al à fat la cuviertine dal Strolic e lis pituris che a son dentri il libri

La prime pagjine dal Lunari oal 2017

 Un ûf piturât di Nila Braidotti

Nila Braidotti, une femine che no mole mai! 
Foto di Leoleolulu

---
Servizi gjornalistic, fotografic e di networking par cure di Elio Varutti, se nol è scrit in maniere diferente.
---

martedì 22 novembre 2016

La vita di Carlo IV di Lussemburgo, libro presentato a Udine

Nel salone di Palazzo Belgrado, sede della Provincia di Udine, il 21 novembre 2016 è stato presentato il volume intitolato “Vita Caroli”, autobiografia dell’imperatore del Sacro Romano Impero. La traduzione in italiano del testo è dovuta a ad Arianna Marchiol e Tiziana Menotti, che ha curato anche l’intera pubblicazione, fresca di stampa.
Pietro Fontanini apre l'incontro di presentazione del libro "Vita Caroli". Da sinistra: Arianna Marchiol, Bruno Figliuolo, mons. Sandro Piussi e, sulla destra, Michaela Krčmová e Tiziana Menotti.

Ha aperto l’incontro l’onorevole Pietro Fontanini, presidente della Provincia di Udine. «Questo libro è dedicato ad un grande imperatore che fu grande amico del Friuli». Ha preso la parola poi Tiziana Menotti, curatrice e traduttrice del volume edito da Medusa di Milano. La curatrice ha tratteggiato gli aspetti biografici di Carlo IV di Lussemburgo (1316-1378), re di Boemia e Imperatore del Sacro Romano Impero. Nella Repubblica Ceca è considerato un “padre della patria”. Egli nacque a Praga il 14 maggio 1316 – quest’anno cade dunque il 700° anniversario della sua nascita – dal matrimonio della principessa Elisabetta, dell’antica casata reale dei Přemyslidi, e Giovanni, conte di Lussemburgo, che divenne così re di Boemia. Carlo fu battezzato col nome di Venceslao e trascorse l’infanzia alla corte dello zio, il re di Francia Carlo IV.
Il secondo relatore è stato monsignor Sandro Piussi, direttore degli Archivi storici e Biblioteche dell’Arcidiocesi di Udine, che ha voluto soffermarsi sulla figura di “Due boemi divenuti Patriarchi di Aquileia”. Si tratta di Nicolò di Lussemburgo, che governò dal 1350 al 1358 e, tra l’altro, era fratello minore di Carlo IV, e su Giovanni Sobieslaw di Moravia, che resse il titolo dal 1387 al 1393.
Michaela Krčmová, giornalista della radio nazionale ceca Český rozhlas, ha parlato (in lingua italiana) del viaggio di Carlo IV in Italia, per l’incoronazione a imperatore. «Carlo IV passa per Udine – ha detto la Krčmová – il giorno 14 ottobre 1354 e in compagnia del fratello Nicolò di Lussemburgo, patriarca di Aquileia, arrivò a Milano, dove il 6 gennaio 1355 cinse la corona ferrea di re d’Italia nella basilica di Sant’Ambrogio e, infine, il 5 aprile successivo, fu incoronato a Roma nella basilica di San Pietro, imperatore del Sacro Romano Impero, mentre il Papa risiedeva ad Avignone».

L’intervento di Bruno Figliuolo, docente di Storia Medievale all’Università di Udine, ha elogiato l’articolazione del volume per un personaggio della storia che non ebbe alti significati, se non quello di aver scritto per primo una autobiografia e di essere stato un imperatore pio e capace di spiegare le Sacre Scritture al popolo. «È raro trovare un’opera così – ha detto Figliuolo – è una vera novità, un fatto irrituale nel panorama del tempo, per un imperatore che dovette impegnarsi in una defatigante corsa per l’Europa per cercare di placare le ribellioni, le congiure e i colpi di mano».
Arianna Marchiol, infine, ha spiegato le difficoltà incontrate nella traduzione dal latino medievale, che era una lingua per dotti e intellettuali. Non era una lingua viva, né morta. Era una lingua con scarso rigore grammaticale rispetto alla lingua latina classica.
Prima di chiudere l’incontro i relatori hanno risposto ad una serie di domande poste dal pubblico.

La struttura del libro
Il testo è composto dall’originale latino medievale scritto da Carlo IV stesso, con traduzione italiana a fronte. La Prefazione è di Eva Doležalová, direttrice del Dipartimento di Storia medievale dell’Istituto di Storia dell’Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca. A seguire c’è una breve biografia di Carlo IV, scritta da Tiziana Menotti, che ha seguito l’abbondante apparato di note al testo latino. Si trova, infine, una Postfazione di Michaela Krčmová, già pubblicata in lingua ceca e, qui, tradotta da Tiziana Menotti.

Quattro parole con Tiziana Menotti, curatrice e traduttrice del volume
Domanda: Questo imperatore si chiamava Carlo oppure Venceslao?
Risposta: «Al battesimo gli fu imposto il nome Venceslao – spiega la Menotti – poi lo zio, il re di Francia, al momento della Cresima gli impose il proprio nome: Carlo.»
D.: C’erano delle sue mire sull’Italia? 
R.: «Nel 1331, all’età di quindici anni, quando secondo il diritto medievale una persona poteva dirsi adulta, Carlo fu chiamato in Italia dal padre Giovanni, che intendeva estendere la signoria dei Lussemburgo nella penisola. Per ben due anni Carlo rimase in Italia, dove imparò l’arte della politica e della diplomazia pur tra intrighi e pericoli di ogni genere. Nel 1334 il padre lo nominò margravio di Moravia e, nonostante i dissapori dovuti alla dispartità di carattere, intrapresero insieme numerose imprese diplomatiche e militari, sia in patria che al di là dei confini del regno boemo. Nel 1346 i principi elettori lo elessero all’unanimità re dei Romani  al posto dell’imperatore Ludovico il Bavaro e l’anno seguente, dopo la morte del padre, divenne re di Boemia».

D.: Cosa successe nel 1354-1355?
«Con l’elezione a re dei Romani Carlo ottenne in pratica la corona imperiale e infatti nell’autunno del 1354 intraprese il lungo viaggio che dalla Boemia lo portò dapprima a Milano, dove il 6 gennaio 1355 cinse la corona ferrea di re d’Italia, quindi a Roma, dove il 5 aprile, giorno di Pasqua, fu incoronato imperatore del Sacro Romano Impero. I grandi umanisti e intellettuali dell’epoca, tra cui Francesco Petrarca, anelavano alla restaurazione dell’antica tradizione dell’impero romano e alla restituzione della centralità dell’impero alla sua città di origine, Roma. Le loro speranze, però, rimasero disattese. Carlo, infatti, in totale ubbidienza al papa, si intrattenne a Roma un solo giorno e Praga rimase per trentadue anni la capitale indiscussa dell’impero».
D.: Carlo IV di Lussemburgo, re di Boemia e il Friuli. È vero che può dirsi amico del Friuli?
R.: «La storia di Carlo si intrecciò fortemente con la storia dell’Italia e del Friuli, in particolare con quella del patriarcato di Aquileia. Il primo contatto che egli ebbe con lo stato patriarcale fu nel 1337, quando, sfuggito alla cattura da parte della flotta veneziana nelle acque dell’Adriatico nei pressi di Grado, fu accolto con grandi onori dal patriarca Bertrando di San Genesio, che lo ospitò a Udine e con il quale strinse un rapporto di solida amicizia. Bertrando descrive così il suo primo incontro con Carlo: “Restituita la pace al Friuli (dopo la guerra di Venzone) Carlo, che divenne poi re dei Romani, sbarcò in Aquileia (aprile-giugno 1337) e lo accogliemmo come si conveniva a tanto signore; ed egli condusse seco Bartolomeo (conte di Segna e di Veglia) e rimase con noi a Udine a nostre spese per un mese e più”. Qualche anno più tardi, nel dicembre del 1340, Bertrando fu attaccato dal conte di Gorizia e dai duchi d’Austria, che si erano accampati nei pressi di Venzone. Trovandosi in grave difficoltà, chiamò in aiuto l’allora margravio di Moravia, che accorse prontamente e insieme assediarono la città di Gorizia dopo aver devastato la contea. B. M. De Rubeis riporta nei suoi Monumenta Ecclesiae Aquileiensis questo brano tratto dall’autobiografia di Carlo IV Vita Caroli, contribuendo tra l’altro a chiarire l’etimologia del toponimo Veronium, che egli identifica per l’appunto con il borgo di Venzone».

D.: Ci dice qualcosa sugli ultimi anni di vita dell’Imperatore, quando la sua vita pubblica si incontrò con quella di suo fratello Nicolò di Lussemburgo?
R.: «Nel 1350 Bertrando fu assassinato in un’imboscata da alcuni nobili friulani. Il suo successore fu Nicolò di Lussemburgo (1350-1358), fratellastro di Carlo e suo uomo di fiducia. Nell’autunno del 1354 Carlo passò i valichi alpini del Friuli e il 14 ottobre entrò a Udine per ricongiungersi con il fratello Nicolò, che fu il suo fedele compagno durante il lungo e non sempre facile viaggio verso l’incoronazione imperiale».
D.: Carlo IV tornò altre volte a Udine e in Friuli?
R.: «Sì. La città di Udine ebbe l’onore di accogliere il grande sovrano ancora una volta. Nel 1368, infatti, in occasione del suo secondo viaggio in Italia per l’incoronazione a imperatrice della sua quarta moglie, Carlo IV sostò nuovamente a Udine, dove incontrò per la terza volta Francesco Petrarca, con il quale aveva mantenuto per anni un vivace carteggio. Nella prima lettera inviata dal Petrarca al sovrano boemo e che risale al 1351, il grande poeta invita Carlo ad assumere il governo dell’impero e a scegliere Roma come sua capitale, perché, come egli scrive: “Noi, o Cesare, già tel diceva, qualunque nato altrove per italiano ti abbiamo”. Anche se poi le cose andarono diversamente, il rapporto tra i due intellettuali, basato sulla stima e sull’ammirazione reciproche, crebbe nel tempo, rendendo possibili anche alcuni incontri. Il primo a Mantova nel 1355, durante il viaggio per l’incoronazione di Carlo, il secondo a Praga l’anno seguente e, finalmente, a Udine nel 1368».

D.: L’Imperatore Carlo IV era devoto? 
R.: «Carlo IV era un sovrano estremamente colto. Conosceva cinque lingue, amava l’arte, si dilettava di letteratura e di esegesi biblica. Era molto devoto alla Vergine, a san Venceslao e a santa Caterina d’Alessandria, che riteneva lo avesse protetto durante la difficile battaglia sostenuta contro una coalizione formata da illustri famiglie italiane presso il castello San Felice il 25 novembre 1332».
D.: In conclusione, che tipo di libro è Vita Caroli?

R.: «Poco dopo l’elezione a re dei Romani, Carlo iniziò a scrivere la propria autobiografia dal titolo Vita Caroli, un’opera appartenente a quel genere letterario di tipo educativo molto diffuso durante il Medioevo noto come specula principis e la cui traduzione dal latino viene oggi proposta dalla casa editrice milanese Medusa. L’opera fu terminata pochi giorni prima dell’elezione imperiale e probabilmente Carlo avrebbe voluto proseguirne la stesura ben oltre i suoi primi trent’anni di vita. Probabilmente i numerosi impegni glielo impedirono. Anche se con la stesura dell’opera Carlo intendeva soprattutto ammaestrare i propri successori, in particolare il figlio Venceslao IV che gli sarebbe succeduto su entrambi i troni, Vita Caroli è una preziosa fonte di informazioni riguardanti la figura del giovane principe, le sue gesta e i principi cristiani su cui fondò tutta la sua vita. Carlo IV morì a Praga il 29 novembre 1378».  
---
Servizio giornalistico, fotografico e di networking di Elio Varutti.   
---
Carlo IV, Vita Caroli. Autobiografia, a cura di Tiziana Menotti, titolo originale: Karoli IV imperatoris Romanorum Vita Ab Eo Ipso Conscripta, traduzione di Tiziana Menotti e Arianna Marchiol, Milano, Medusa, 2016, pagg. 201, 21 fotografie a colori e b/n.

ISBN 978-88-7698-359-7

domenica 20 novembre 2016

L’Albergo Italia a Udine e la piazza intorno

L'albergo si trova in Piazza XX Settembre, anticamente “Place dai Grans”, ovvero: Piazza dei grani. Il nome attuale della Piazza XX Settembre ricorda l’entrata in Roma delle truppe italiane il 20 settembre 1870, dopo la celebre breccia di Porta Pia. Ebbe quel nome per la deliberazione del Consiglio comunale di Udine del 7 settembre 1895.
Udine - Albergo Italia in una cartolina ai primi del Novecento

1. Forme estetiche sparse
Questo luogo vide la prima rivolta contadina del 1511, quando i popolani assieme ai nobili Savorgnan, schierati con Venezia, assalirono le case dei ricchi della Torre, che erano del partito filo imperiale.
L’area, nel 1717, era occupata dai ruderi e dalle restanti case della famiglia Torriani, che furono confiscate dal governo Veneto e demolite. Si salvarono le due statue di Ercole e Caco, trasportate presso la Loggia del Lionello in Piazza Contarena (oggi Piazza Libertà).
Qui aveva sede pure la Confraternita dei bombardieri, che aveva per protettrice Santa Barbara. Nel 1797, caduto il veneziano governo della serenissima Repubblica di San Marco, i Torriani ottennero la restituzione del fondo, che fu adibito a mercato dei polli, del pesce e di altri generi. Poi lo spazio fu venduto alla famiglia dell’industriale Antivari che, nel 1864, a sua volta lo cedette alla famiglia Angeli, dalla quale il Comune l’acquistò nel 1868.
La piazza, livellata e selciata fu destinata al mercato delle granaglie. Queste notizie spiegano come la località sia stata chiamata “Place Toriane, dal Fisc, di Sante Barbare, dai Grans” (G.B. Della Porta).

2. La zobia grassa del 1511
Questi luoghi, in particolare a sud, nella vicina Piazza Venerio, il 23 febbraio 1511 che era un giovedì grasso “la zobia grassa”, videro l’amore infelice tra Lucina Savorgnan e Luigi Da Porto. Loro furono fonte d’ispirazione del  celebre dramma “Romeo and Juliet” di William ShakespeareIl tema dell’infelice amore del 1511 dei cugini Lucina Savorgnan e Luigi Da Porto ha portato a sviluppare certe idee innovative sulla piazza, per ampliare l’offerta turistica di Udine, potenziandone l’estetica con un monumento all’amore. 
Alcuni allievi dell’Istituto Stringher hanno proposto al Comune di Udine, con messaggi “on-line” di installare una statua dedicata alla Giulietta friulana.

Si tratta delle allieve Valentina Cimador e Katia De Luca, della classe 5^ A Tecnico dei Servizi Turistici, oltre a Alice Bianchi, Giulia Colussi, Ilaria Coppa, Rebecca Driussi e Alice Milocco, classe 5^ C Tecnico dei Servizi Turistici dell'Istituto "Stringher" di Udine – anno scolastico 2010-2011.
Prof. Elio Varutti, Economia e Tecnica dell’Azienda Turistica. Dottoressa Anna Maria Zilli, Dirigente scolastico – Isis “B. Stringher”, Udine.

3. L’estetica di una piazza
Al n. 14 della piazza si trova Palazzo Antivari Kechler. Progettato da Giuseppe Jappelli nel 1831, ci propone una delle più belle facciate neoclassiche della città, costruita sotto la direzione dell’architetto Gian Battista Bassi. Contiene stucchi di Giulio Luccardi e decorazioni di Giovanni Pontoni. Durante la Prima guerra mondiale palazzo Kechler ospitò numerose delegazioni degli stati alleati all'Italia. Spesso gli udinesi accorsero a salutare gli illustri ospiti come il primo ministro francese Aristide Briand o i deputati russi.
Nel link seguente si può vedere come Palazzo Kechler sia stato inserito in un tour virtuale intitolato dagli allievi e dagli insegnanti dell’Istituto Stringher: "Due passi per la capitale della guerra. Percorso virtuale per le vie, le piazze, gli edifici e le case di Udine".
Il piano nobile dell’edificio, collegato con l’adiacente Albergo Astoria Italia, è adibito a centro congressi. Qui si possono ammirare un salottino con mobilio originale stile Impero ed alcune camere di tradizione veneta, con alcove decorate di motivi mitologici e paesaggi.
L’Astoria Hotel Italia, al n. 10, è frutto di modifiche del Settecento e Ottocento; qui si sono alternati vari alberghi e caffé.
Sul lato nord della piazza c’è il Palazzo dell’INA, costruito dall’architetto Provino Valle nel 1925. Sul lato orientale della piazza c’è la casetta veneziana, che era in Via Rialto e venne qui ricostruita nel 1929, con stemmi del XVI secolo. Sul fianco sinistro della casetta veneziana si apre la Corte Savorgnan, nella quale ha sede l’Ufficio di Udine de “Il Gazzettino”, giornale quotidiano di Venezia dal 1887.
Il lato meridionale della piazza è occupato dall’edificio dell’ex ospedale cinquecentesco. Al n. 3 B portale originale del Collegium Pauperum, costruito per volontà della Confraternita dei Battuti nel 1523; si vede il monogramma di Santa Maria della Misericordia (come ha scritto Maurizio Buora).
Udine, Piazza XX Settembre, dal sito web Visit Udine Locali Storici

4. Il mercato
La merce giungeva in piazza con carri agricoli, carrette, carrettine trainate da cavalli ma anche, fino alla guerra 1915-18, da asini. Per tutta la mattina e fino alle primissime ore del pomeriggio, le strade che portavano al mercato erano animatissime. Era tutto un parlare, un vociare, un chiamarsi, un raccogliersi in gruppetti, un darsi manate sulle spalle, un trascinarsi nell’osteria vicina, dove i boccali non si contavano. Sul mezzogiorno questa animazione si trasferiva nelle affollatissime e fumose osterie (Giuseppe De Piero).
La piazza è stata destinata a parcheggio dagli anni Sessanta fino al 2008, quando l’amministrazione comunale ha dato impulso ai lavori di pedonalizzazione del centro storico: la nuova piazza è stata inaugurata il 23 dicembre 2010.
I lavori, cominciati nell’estate 2010, sono terminati nell’anno con la sistemazione completa della pavimentazione, il risanamento del sottofondo, la creazione di sotto-strutture per gli scarichi delle acque. La sistemazione delle lastre in pietra è stata differenziata: i masselli e le lastre in pietra dei bordi sono state restaurate, mentre nella zona centrale, dove si prevede un deterioramento per l’ingresso dei mezzi pesanti, le lastre di pietra attuali, di circa 5-8 cm di spessore, sono state sostituite con altre identiche per tipo di materiale e dimensione ma di spessore di circa 15 centimetri posato su letto di sabbia. 
I ritrovamenti archeologici rinvenuti durante i lavori sono stati documentati con appositi rilievi e protetti con geo-tessuto: tutti gli interventi sono stati eseguiti con la supervisione della Soprintendenza archeologica.
È stata stuccata e restaurata la Vera da Pozzo nel lato nord est della piazza, per restituirla alla città in tutta la sua bellezza cromatica originale (marmo bianco-rosato di matrice veneta). Un trattamento di restauro (olio di lino cotto) è stato riservato anche alla cimasa (ornamento superiore) che sovrasta la vera da pozzo, poi ritinteggiata nel colore originale.

5. I nuovi servizi della piazza
A Piazza XX Settembre viene restituito il ruolo di area mercantile. Per sei giorni alla settimana ospita diverse tipologie di mercato, da quello tradizionale a quello del riciclo e del riuso, fino al Farmer market, in collaborazione con la Coldiretti.
Ma il mercato non è l’unica novità. Attrezzata con panchine, la piazza diventa ancora di più spazio di socializzazione, grazie al servizio di “bookcrossing”: contenitori per lo scambio dei libri e la lettura. Inoltre, l’area è stata dotata di un servizio di connessione WiFi gratuito per cittadini, commercianti ed esercenti della zona e loro clienti (per un massimo di 15 utenti collegati nello stesso momento), caratterizzandosi come luogo per lo svago e il tempo libero ad alto contenuto di servizi tecnologici.
Funziona anche il totem informativo, installato all’esterno del plateatico, sull’angolo della piazza dove sorge l’Hotel Astoria Italia. In una prima fase ha ospitato informazioni su musei e itinerari per scoprire Udine, oltre a una sezione specifica dedicata a Piazza XX Settembre. Poi sono disponibili le sezioni dedicate alla piazza, ai musei e agli itinerari, tradotte in inglese e in friulano. Il totem si arricchirà, infine, di sezioni con la mappa della città e gli eventi organizzati in città.

6. Focus sull’Astoria Hotel Italia
Ci sarà pure un motivo se l’Astoria Hotel Italia è il primo albergo menzionato nella Guida Michelin del 1973, quando nasce il turismo di massa. Il motivo è che è sempre stato un luogo di accoglienza di grande profilo. Nel 1922-1923 fu visitato da Mussolini e dal principe di Piemonte. Nel 1932, essendo tutto esaurito per il Giro d’Italia, Achille Campanile (1899–1977) scrittore, drammaturgo, sceneggiatore e giornalista italiano, accetta di dormire su un biliardo! Cosa accadeva nell’Ottocento?
L’Astoria Hotel Italia e il Risorgimento. Nel 1841 qui c’era la locanda Stella d’Oro, gestita da Giuseppe Francesconi. Qui come dice la lapide sulla facciata dell’Astoria Hotel Italia, posta a 5-6 metri da terra, il 9 agosto 1866 – anno dell’annessione del Friuli al Regno d’Italia – Quintino Sella si adoperò con i capi dell’esercito italiano per scongiurare la possibilità di un ritorno degli austriaci. Che cosa succedeva? Era la fine della III Guerra d’Indipendenza e gli Austriaci, spadroneggiando e requisendo ogni cosa, si erano accampati a Manzano, a Buttrio e a Pavia di Udine, come ricorda Caterina Percoto in una delle sue lettere.
Caterina Percoto, Studio Rovere & Madussi, 1875,
Fototeca dei Civici Musei di Udine.

7. Il racconto di Caterina Percoto sul Manzanese nel 1866
Era il mese di settembre del 1866. Manzano, Buttrio, Pavia vengono rioccupate dagli Austriaci per due mesi, fino al plebiscito del 21 ottobre 1866. A Manzano 723 ammessi al voto. Per il sì: 718 (99,3%).
«Vedo invece tre luride compagnie di austriaci; – scrive Caterina Percoto all’amica Marina Baroni – di austriaci è piena la casa e fin qui fuori della porta della mia camera sta un tenente con i suoi servitori che nel loro barbaro linguaggio insultano e bestemmiano a questa mia povera patria… voci di saccheggio, voci di estorsioni in altre città. Poi le requisizioni di buoi, di vino, di grani. Un giorno chiuse le porte a Udine e dodicimila austriaci pronti al saccheggio se entro sei ore non si dava loro oltre il mantenimento non so che ingente somma di denaro… al mio povero villaggio sono toccati 25 buoi dovuti condurre al loro campo e vino ed altro, insomma ci hanno spogliati… si erano ritirati su Gorizia… in casa abbiamo due compagnie di slovacchi… lordano tutte le stanze come se fossero tante bestie. Per 25 giorni in antecedenza abbiamo avuto i volontari viennesi i quali ci hanno portato il cholera.»
La “contessa contadina” (definizione di Pacifico Valussi nei confronti di Caterina Percoto) nasce il 19 febbraio 1812 a San Lorenzo di Soleschiano, Comune di Manzano, vicino a Udine. Morì nel suo paese il 15 agosto 1887. 

8. I commenti sul Web elaborati dagli studenti
I commenti sul sito Internet di “Booking.com” riguardo all’Astoria Hotel Italia di Udine sono di questo genere: “Ottimo albergo, posizione centrale, ottimo il ristorante”. La valutazione è di “Eccellente”, corrispondente in decimi a “9,3”. Il punteggio è stato ottenuto da 313 giudizi espressi dai clienti fino alla data del 25 ottobre 2012. La clientela fidelizzata è soprattutto austriaca e bavarese, ma ci sono molti altri stranieri, oltre alla clientela italiana.

booking.com.”网上对乌迪内Astoria宾馆的评论是这样:卓越的宾馆,位处中心,一流的餐厅以十分制为基准的评分为“9.3”,评价是:优秀
这个分数是从截止20121025日的313条顾客评论中得出的。忠实客户基本上是奥地利人和巴格利亚人,但是也有其他意大利以外的外国顾客。

Versione in lingua cinese di Wu Meng Qi “Elena”, classe 5^ B Tecnico dei Servizi Turistici – anno scolastico 2012-1013. Prof. Giancarlo Martina, Italiano e Storia. Dottoressa Anna Maria Zilli, Dirigente scolastico – Isis “B. Stringher”, Udine.

Versione in lingua spagnola. Los comentarios del sitio de Internet “Booking.com” sobre el Astoria Hotel Italia de Udine son de este tipo: “Optimo hotel, ubicado en el centro, optimo el restaurante”. La valutaciòn es “excelente” correspondiente en decimale “9,3”. El puntaje ha estrado obtenido de 313 juicios esprimidos de los clientes hasta el día 25 de octubre del 2012. La clientela mas cercana es sobretodo Austriaca y Alemanas, pero hay muchos extranjeros, mas alla de la clientela Italiana.

Versione in lingua russa. Комментарии на сайте booking.com об Oтеле Астория из Удине, Италия, таковы: " Превосходный Oтель, расположен в центре, с хорошим рестораном ". Оценка "отлично", соответствующее в "9,3"десятых долей. Счет был получен из 313 отзывов клиентов до 25 октября 2012 года. Лояльные клиенты, в основном австрийцы и баварцы, а также итальянцы и много других иностранцев.

Versione in lingua rumena. Comentariile de pe siteul booking.com despre Hotelul ”Astoria” Italia din Udine sunt de acest tip: „Un Hotel excelent, situat in centrul oraşului cu un restaurant excepţional”. Hotelul a fost evaluat cu calificativul ”Excelent”, ce corespunde cu nota 9,3. Totalul a fost obţinut din 313 evaluări ale clienţilor pîna la data de 25 octombrie 2012. Cei mai fideli clienţi sunt: Austriecii şi Bavarezii, de asemenea Italienii ş.a.

Versione in spagnolo di Jennifer Rodriguez, Tamara Michelle Serrano e Benjamin Pavan, classe 3^ B
Tecnico dei Servizi Commerciali – anno scolastico 2012-2013.
Versione in lingua russa e rumena di Bulduma Dumitriţa e di Volodymyr Yakubyak (per il russo), classe 5^ C Tecnico dei Servizi Turistici – anno scolastico 2012-2013
Prof. Elio Varutti, Economia e Tecnica dell’Azienda Turistica. Dottoressa Anna Maria Zilli, Dirigente scolastico – Isis “B. Stringher”, Udine

9. Gli Americani all’Albergo Italia nel 1945
“Nel 1945 all’Albergo Italia di Udine alloggiavano i soldati americani” – ha raccontato nel 2009 il signor Petronio Olivieri, nato a Ovaro il 29 marzo 1929 ed emigrato in Canada, a Vancouver, nel 1957.
“Io, nel 1945, ero stato garzone da Gattolin, in Piazza San Giacomo a Udine, in un negozio laboratorio di paste fresche (ravioli e cappelletti), chiuso nel 1979”.
“A Vancouver, nel 1957, ho aperto la ditta Olivieri’s Ravioli Store di pizze, cappelletti, pasta fresca e ravioli di carne. Nel 1980 la Olivieri Food Ltd aveva 75 dipendenti e si vendeva non solo in Canada, ma anche negli USA. Io e mia moglie siamo andati in pensione nel 2002. Nel 1986 la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, la Camera di Commercio di Udine e l’Ente Friuli nel Mondo mi hanno dato l’incarico di ambasciatore del Made in Friûl perché ho fatto conoscere nelle Americhe, non solo la mia pasta fresca, ma anche il prosciutto di San Daniele, il formaggio Montasio, la “brovada” (rape nella vinaccia) e il cotechino e la polenta friulana.

I Americans intal Albierc Italia tal 1945. “Tal 1945 lì dal Albierc Italia di Udin a stavin i soldâts americans” – al à contât tal 2009 il siôr Petronio Olivieri, nassût a Davâr ai 29 di Març dal 1929 e emigrât in Canadà, a Vancouver, tal 1957. “Jo, tal 1945, o vevi cjapât sù il mistîr cuant che o jeri a vore lì di Gattolin, in Place Sant Jacum a Udin, intun negozi laboratori di scaletîr di sâl, sierât tal 1979”.
“A Vancouver, tal 1957, o ai metût sù la dite Olivieri’s Ravioli Store di pizis, capelets, pastis frescjis e cjalçons di cjar. Tal 1980 la Olivieri Food Ltd e veve 75 dipendents e si vendeve no dome in Canadà, ma ancje intai Stâts Unîts di Americhe. Jo e la mê femine si sin ritirâts dai afârs intal 2002. Tal 1986 la Regjon Autonome Friûl Vignesie Julie, la Cjamare di Cumierç di Udin e lu Ent Friûl tal Mont mi àn dât la incjarie di ambassadôr dal Made in Friûl par vie che o ai fat cognossi pes Americhis, no dome la mê paste frescje, ma ancje il presut di San Denêl, il formadi Montâs, la broade cul muset e la polente furlane”.

Allievi del Gruppo di friulano, classe 5^ C tur – anno scolastico 2010-2011.
Prof. Elio Varutti, Economia e Tecnica dell’Azienda Turistica.
Dottoressa Anna Maria Zilli, Dirigente scolastico – Isis “B. Stringher”, Udine

Bibliografia
Maurizio Buora, Guida di Udine. Arte e Storia tra vie e piazze, Trieste, Lint, 1986.
- Lucia Burello, Osterie dentro le mura in Udine tra il Quattrocento e i giorni nostri, Monfalcone, Ediz. della Laguna, 1998.
- Giovanni Battista Della Porta, Toponomastica storica della città e del Comune di Udine, nuova ed. a cura di Lelia Sereni; con note linguistiche di Giovanni Frau, Udine, Società filologica friulana, 1991.
- Giuseppe De Piero, I borghi e le piazze dell'antica città murata di Udine nella storia e nella cronaca, Udine, Graphik Studio, 1983.
- Bruno Grizzaffi, Andrea Romanici et alii, Saluti da Udine. Visioni udinesi dall’Archivio Cartolnova, Udine, Comune di Udine, 2012.
- Lettera di Caterina Percoto a Marina Baroni, ai primi di settembre 1866, in AA.VV, Quintino Sella. Regio Commissario Straordinario in Friuli 1866, Udine, 2001.
- E. Varutti, Dal Friûl a Vancouver, “Sot la Nape”, 1, Zenâr-Març 2010, pp. 63-64. 


lunedì 14 novembre 2016

Ricordato padre Turoldo a San Pio X, Udine

Il 22 novembre 2016 cade il centenario della nascita di padreDavid Maria Turoldo. In tutto il Friuli si sono svolte e si stanno svolgendo manifestazioni in ricordo e in onore del padre servita, originario di Coderno di Sedegliano, in provincia di Udine. Non tutti, tuttavia, conoscono bene il grande friulano, sacerdote, frate dei Servi di Maria, predicatore potente, scrittore acceso e soave poeta.

Adelfo Galli, Busto di padre David Maria Turoldo, 2016

Chi è padre David Maria Turoldo? Carlo Maria Martini,arcivescovo di Milano, quando celebrò il suo funerale, il giorno 8 febbraio 1992, tra l’altro lo presentò così: “Poeta, profeta, disturbatore delle coscienze, uomo di fede, uomo di Dio, amico di tutti gli uomini”.
Tra le varie iniziative per ricordarlo si è data da fare anche l’Associazione Insieme con Noi di Udine, in collaborazione con la parrocchia di San Pio X e gli agricoltori di Udine sud.
 In coincidenza con la festa del Ringraziamento e nel centenario della nascita di padre David Maria Turoldo, domenica 13 novembre, alle ore 16,30 nella sala “Giubileo 2000” della parrocchia di Via Mistruzzi c’è stata la proiezione del film “Gli ultimi”. Opera del 1963 del regista Vito Pandolfi e padre David Maria Turoldo, il film si ispira agli aspetti autobiografici del padre servita.

Adelmo Galli e Luciano Gon. Fotografia di Leoleolulu

 È un documentario con tratti artistici di richiamo al neorealismo, girato interamente nei paesi del Friuli, sulla vita dei contadini friulani degli anni Trenta del Novecento, con attori non professionisti. Il protagonista adulto è interpretato dal fratello di Turoldo. Il protagonista bambino, Checo (nel film è Adelfo Galli) è figlio di contadini affittuari.

Don Paolo Scapin, parroco di San Pio X, Germano Vidussi e Claudio Moretti alla presentazione del film "Gli ultimi".

La famiglia, la gente e il paese tutto vivono nel tempo della crisi economica. Debiti, cambiali, emigrazione nelle miniere del Belgio e morti vicino al letame, questo è il quadro generale, ben rappresentato da Turoldo & Pandolfi nella pellicola. Checo viene deriso dai coetanei e pure dal padre, perché non sa badare alle tre pecore che gli vengono affidate in custodia dalla famiglia, mentre tutti lavorano duramente. La sera e a pranzo c’è solo polenta e verdurame. Raramente un po’ di formaggio e qualche castagna (“è la nostra carne, come diceva la nonna”).

Adelmo Galli con la sua opera su Turoldo

Per spregio Checo è detto “Spaventapasseri”, ma troverà un piccolo riscatto alla fine del film, che non ebbe successo negli anni Sessanta, quando c’era il boom economico e non si volevano certo vedere scene di dura miseria, di fame arretrata e di destino crudele. Oggi la pellicola è una rarità cinematografica per cinefili.
L’attore che interpretava Checo, Adelfo Galli di Nomadelfia, è stato gradito ospite della giornata nella parrocchia di San Pio X, a Udine sud. Ha molto raccontato di sé  e della comunità cristiana dove è cresciuto al termine della proiezione, rispondendo alle varie domande degli intervenuti, sotto la guida di un presentatore di eccezione: Claudio Moretti. Prima però, Adelfo Galli si è esibito nella scultura, creando un busto di padre David Maria Turoldo con l’argilla davanti al meravigliato pubblico.

«Questa è una bella giornata – ha detto don Paolo Scapin, parroco di San Pio X – perché dopo la celebrazione religiosa del mattino, con i doni offerti per il Ringraziamento, siamo qui a vedere questo bel film e ad ascoltare le parole di un personaggio interessante». Poi sono intervenuti anche Germano Vidussi, presidente dell’AssociazioneInsieme con Noi e Luciano Gon, in rappresentanza degli agricoltori di Baldasseria.

Era il 1991 e padre David Maria Turoldo in una presentazione a Udine delle sue poesie, mi fece la dedica.

---
Testo e networking di Elio Varutti. Le fotografie, ove non altrimenti indicato, sono di Elio Varutti.
Germano Vidussi e Claudio Moretti alla presentazione in San Pio X a Udine. Fotografia di Leoleolulu

venerdì 11 novembre 2016

Ebrei a Udine sud e dintorni, 1939-1948. Deportazione in Germania e rientri

L’elaborato presente si basa su alcune fonti documentarie inedite, su qualche fonte orale, sulle fonti edite reperite, come la memorialistica e su alcune ipotesi derivanti dalla letteratura a disposizione. Contiene anche alcune riferimenti ai militari italiani deportati in Germania del Terzo Reich.
Sebastiano Pio Zucchiatti, Vagoni bestiame carichi di ebrei, acquerello, gouache e pastelli su carta, cm 20,9 x 29,5, 2016 - da un disegno in letteratura.

L’idea di questa ricerca è sorta nella parrocchia di San Pio X, che fa parte di Udine sud, tra la studiosa Tiziana Menotti, l’architetto Giorgio Ganis, il parroco don Paolo Scapin e lo scrivente, nell’ambito di un progetto che prevede un incontro pubblico sul tema da effettuarsi verso il 27 gennaio 2017, Giorno della Memoria, oltre ad un pellegrinaggio culturale da svolgersi sui luoghi della memoria della Shoah udinese.
L’ipotesi è che a Udine sud, nell’area dello scalo ferroviario, tra Via Buttrio, Via Pradamano e Via Monfalcone, chiamata un tempo suburbio di Baldasseria, stazionarono i treni merci provenienti dalla Risiera di San Sabba o dal Carcere del Coroneo, o al comando delle Waffen SS, in Piazza Oberdan, a Trieste, col trasporto di ebrei, per lo più aschenaziti, e di altri prigionieri dei nazisti.
Secondo Roberto Curci, un’altra prigione nazista a Trieste era attiva in Santa Maria Maggiore; era nota con la dicitura di “carcere dei Gesuiti” (p. 20).
La deportazione era diretta al Campo di concentramento di Auschwitz, di Dachau e altri lager simili, passando per Tarvisio, nel periodo 1943-1945. Le strade udinesi di Via Monfalcone e la vicina Via Romans, sono state create ambedue con deliberazione il 26 settembre 1925, secondo l’Archivio Municipale di Udine. Nel 1928 la città di Udine contava 60 mila abitanti.
I principali campi di sterminio nazisti, circa trenta, erano dei veri e propri campi della morte; in tali luoghi perirono per mano violenta tra i cinque e i sei milioni di ebrei internati, torturati, feriti ed affamati, come ha scritto William L. Shirer (pag. 1468).
Udine, quale provincia di confine con l’Austria, dopo l’Anschluss del 1938, confina col Terzo Reich. Si è scoperto che la città friulana è interessata, nel 1939, al movimento di ebrei del Centro Europa. In particolare le questure si attivano per far controllare i valichi confinari di Tarvisio (Coccau) e del Passo di Monte Croce Carnico riguardo alla vigilanza sugli ebrei stranieri, al rimpatrio di ebrei immigrati in Italia (per le Leggi Razziali), al controllo di ebrei germanici, di ebrei rumeni, polacchi, cechi e apolidi (sudditi asburgici e russi). Alcuni di costoro transitano per Udine, diretti al porto di Genova per l’imbarco verso l’Argentina, gli Stati Uniti d’America e, in qualche caso, verso la Palestina.
Udine, Via Monfalcone, treni merci in sosta, verso sud, 2016.

Bruno Maida ha scritto che il 21 giugno 1944 dai vagoni merci carichi di deportati ebrei da Trieste verso Auschwitz si alzavano le voci: «Acqua! Acqua!» (pag. 233). Quei vagoni transitarono anche per Udine e si fermarono allo scalo di Via Buttrio. Nella parte opposta dell’ingresso a detto scalo ferroviario, sito in Via Buttrio, si trovano Via Monfalcone, Via Romans e Via Pradamano, nella zona di Udine sud.
Secondo Raul Hilberg gli ebrei deportati da Trieste nel 1943-1945 furono 837, compresi 204 ebrei jugoslavi trasferiti dalla Croazia occupata; furono 7.500 gli ebrei deportati dall’Italia, circa 800 di essi sopravvissero. La Risiera di San Sabba è servita come Campo di ammassamento (p. 700) per la deportazione soprattutto al campo di sterminio di Auschwitz, in Alta Slesia (oggi Polonia). Lo stabilimento di Trieste era un vecchio impianto per la pilatura del riso, trasformato in lager dai tedeschi occupanti.
Furono predisposte 17 celle, una per la tortura dei prigionieri, come ha scritto Fabio Galluccio. I metodi di uccisione nel lager andavano dall’utilizzo del gas di scarico al colpo di mazza o di oggetto contundente alla testa dell’incarcerato. Il forno crematorio era utilizzato per la cremazione delle salme. Le ceneri restanti venivano gettate in mare con dei sacchi (pp. 136-137).
Secondo Tristano Matta, in Risiera furono imprigionati, in attesa dei convogli in direzione di Auschwitz o di altri campi di concentramento del Reich, oltre 1450 ebrei, provenienti dal Friuli, dalla Venezia Giulia, dal Veneto e dalla Croazia. Furono 700 i deportai razziali triestini, dei quali solo una ventina di essi fece ritorno vivo dai campi della morte. Di 28 ebrei è stata accertata l’uccisione diretta nel lager di San Sabba, in quanto considerati non in grado di sopportare il trasporto, poiché vecchi o malati, o accusati di infrazioni alla disciplina (pp. 23-24).
Marcello Tomadini, Settembre 1943, verso l’esilio, in Marcello Tomadini, Venti mesi fra i reticolati, LX tavole con prefazioni di don Luigi Pasa e Guglielmo Cappelletti, Vicenza, Editrice Società Anonima Tipografica, 1946.



La cifra dei deportati ebrei triestini è nella sostanza confermata dalle ricerche del 2016 di René Robert Moehrle. Pare che 750 furono gli imprigionati e internati, mentre i sopravvissuti ammonterebbero a una quarantina di unità (p. 252).
I “trasporti” dei nazisti sono stati dipinti magistralmente da uno dei deportati: si tratta del maestro Marcello Tomadini, nato a Cividale del Friuli il 27 aprile 1893 e morto, a 86 anni di età, il 10 giugno 1979. 
«Oltre che artista – ha scritto Sergio Gentilini sul Messaggero Veneto – come uomo e soldato (di fanteria) soffrì anche la tragedia del Lager, ricordata nei suoi dipinti: come l’opera datata Thorn 1943 (in Polonia) dove una lunga fila di deportati entra nel Lager tra il filo spinato sorvegliati dalla sentinella armata, e quella del 1944 con il treno diretto verso i campi di concentramento».
«Sono stata allieva del maestro Marcello Tomadini – ha detto Rosanna Lodolo, di Udinel – e lui era una persona splendida, pensi che aiutava e indirizzava chi era dotato di senso artistico. È stato lui, e ne vado orgogliosa, a spingermi a frequentare l’Istituto Statale d’arte di Venezia, dove fui allieva del celebre ceramista armeno Gazar Gazighian».
Invece secondo i dati del 2016 di Mauro Tabor, la deportazione nei lager da Trieste, fulcro nevralgico dell’Adriatisches Küstenland, avendo colpito anche la figura dell’ebreo “misto” (ossia l’assimilato e il discendente da persone di altra religione, rintracciabile dalla sola evidenza del cognome) la cifra complessiva degli internati è più alta. Pare vada oltre le 1200 persone, considerando che gli ebrei a Trieste, nel 1938, ammontavano a oltre 6000 unità, tra le quali letterati, pittori, scienziati, medici e amministratori d’aziende. Solo 1500 sono i sopravvissuti e i rientrati in città  (p. 334).
D’altro canto Trieste era già nota quale porto di transito e di partenza per la Palestina da parte di emigranti ebrei polacchi e russi sin dal 1908, come ha scritto Marco Bencich. In quel periodo fu costituito un Comitato d’aiuto per emigranti ebrei. La Casa degli Emigranti fu inaugurata nel 1923, divenendo una delle strutture più moderne in Italia, riconfermando Trieste quale “Porta di Sion” (p. 228).
La sede della Comunità ebraica è in Via del Monte, come scrive Livio Sirovich (p.14). È in quell’edificio triestino che viene data assistenza a decine di migliaia di ebrei del Centro Europa: tedeschi, austriaci, boemi, polacchi, ungheresi, lituani, ucraini, croati ed altri (p.15). Essi vengono imbarcati per la Palestina o per le Americhe; ecco perché Trieste per tutte queste comunità ebraiche è l’accesso alla salvezza, o Porta di Sion, sempre secondo Sirovich (p.110). 
Tra il 1933 e il 1940, secondo Fabio Amodeo e Mario J. Cereghino, sono 121.391 gli israeliti partiti da Trieste in nave verso la Palestina; sono essi in gran parte dell’Europa centro-orientale (p. 10).
In ogni caso i profughi germanici accolti in Italia sono poco meno di 18 mila, in prevalenza ebrei, dei quali almeno 5.000 provenienti dall’Austria. A partire dal 1933 gli esuli di lingua tedesca sono quasi mezzo milione e 135 mila gli austriaci, dopo l’Anschluss del 1938, come hanno scritto Köstner e Voigt (p. 13).

1. Ebrei rinchiusi nei vagoni bestiame
È documentato, nel periodo 1943-1945, il transito di ebrei rinchiusi nei convogli merci in certi luoghi di Udine, secondo i risultati delle interviste ai signori Anna Chiavon (passaggio a livello di Via Cividale, sulla linea ferroviaria Udine-Tarvisio) e Giorgio Stella (passaggio a livello di Via della Valle a Sant’Osvaldo, sulla linea ferroviaria Venezia-Udine). In quest’ultimo caso i convogli di ebrei imprigionati provenivano da Venezia e, quindi, anche dai Campi di detenzione del Centro e del Nord Italia, come da quello di Fossoli di Carpi, in provincia di Modena. 
Come si vedrà una fonte chiara e netta è quella di Caterina Eleonora Bernardinis, detta “Rina”, decana della ragioneria friulana, insegnante all’Istituto Tecnico Commerciale “Antonio Zanon” di Udine e crocerossina, cui è dedicato più oltre un paragrafo apposito, col titolo Quattro vagoni di ebrei a Udine sud.
La sosta a Udine dei treni della morte è ben accennata da don Domenico Cattarossi. Egli descrive la deportazione effettuata dai nazisti di prigionieri partigiani e ebrei catturati e partiti da Trieste e Gorizia. La testimonianza di don Cattarossi è raccolta e pubblicata nel 1965 da Francesco Cargnelutti (p. 78) e ripresa, nel 1984, da Flavio Fabbroni (p. 56). Che cosa faceva don Cattarossi? Come si vedrà più avanti in questo contributo nel paragrafo con la testimonianza di Caterina Eleonora Bernardinis, operava assieme alla Croce Rossa Italiana (C.R.I.). Ecco le sue parole: “(…) aiutavamo anche i prigionieri alleati, i partigiani italiani… i partigiani slavi (meravigliati, non finivano di ringraziarci) e gli ebrei (povera gente! Erano i più vigilati e i più bisognosi di tutto). Davamo loro da bere, qualche pezzo di pane, qualche sigaretta”.
Solitamente sono quasi assenti le notizie sul Friuli nella letteratura nazionale o internazionale sulla Shoah, come emerge ad esempio nel Dizionario dell’Olocausto, a cura di Walter Laqueur, oppure dalla pur meritoria opera di Corrado Vivanti, intitolata Gli ebrei in Italia.
Scrive Adonella Cedarmas che i convogli ottimali, secondo l’ideologia nazista, erano quelli formati da almeno mille deportati: cioè 20 vagoni di 50 persone ciascuno, più tre vagoni per il personale militare di scorta. In Italia, di rado, si raggiunsero tali cifre; i trasporti di deportati erano costituiti da alcune decine di unità, del tutto “antieconomici, secondo il punto di vista nazista” (pag. 122). Si tenga presente che, talvolta, mancava la scorta o essa era insufficiente e malandata.
Udine, Scalo ferroviario di Via Buttrio, cancello d’ingresso, 2016.

Dal Campo di sterminio di San Sabba a Trieste, che fu attivo dai primi giorni di febbraio 1944, secondo la Cedarmas, furono deportati 837 ebrei, dei quali solo 77 riuscirono a fare ritorno vivi (p. 123). Le cifre della Shoah in Friuli Venezia Giulia, come si può comprendere, talvolta non sono del tutto concordi tra gli studiosi, per i variegati materiali a disposizione (documenti ufficiali, testimonianze, atti processuali, fotografie, memoriali, graffiti ed altro) o per la mancanza di registri o per la manomissione e distruzione degli archivi operata dai nazisti, nel tentativo di cancellare le tracce della strage.
Alfonso Zamparo,  Diario. Siamo tornati uomini!, Dachau 9 - 25 maggio 1945, manoscritto.  Collezione famiglia Zamparo,  Scorzè, provincia di Venezia.

È ben vero che nel 1945, in certi convogli in Germania, i nazisti caricavano sul vagone merci fino a 75 internati, per portarli ai lavori forzati da Dachau sulla ferrovia bombardata di Laim, vicino a Monaco di Baviera, concedendo sei ore di sonno per notte, come ha scritto il carabiniere Alfonso Zamparo, nel memoriale edito a cura di Chiara Fragiacomo e Daniele D’Arrigo (pp. 81-88).
Sulla vicenda di Alfonso Zamparo, internato a Dachau, la figlia Lauretta Zamparo ha ricordato che il padre, dopo “la cattura del 19 dicembre 1944 e le torture subite a Palmanova per mano delle Bande Nere, riuscì a scrivere un biglietto dal treno della deportazione durante una sosta a Salisburgo; tale messaggio fu consegnato a un ferroviere che lo spedì dall’Italia, subendo la censura; il viaggio di mio papà è il n. 121 ed è partito da Udine il 24 febbraio 1945”. 
Il  linguaggio del biglietto, tra l’altro per poter passare indenne sotto la censura nazi-fascista, è orientato a non apparire come “disfattista”; infatti non c’è alcuna cancellazione con grosse righe di inchiostro nero, come usava l’ufficio censura. Alfonso Zamparo scrisse anche un diario dal Campo di concentramento di Dachau, dopo la liberazione. Il testo ha così inizio: «Dachau, li 9.5.45 Il primo pensiero di questi brevi appunti, tracciati nella non più troppo triste prigionia del campo [di] concentramento di Dachau, va alla mia cara Livia, la mia sposina affettuosa che lasciai desolata e sola in quel lontano 19.12.44, data del mio arresto. Con tale pensiero voglio e intendo salutare la mia sposa, baciarla, stringerla spiritualmente al mio cuore e dirle tutto il mio smisurato affetto. Il secondo pensiero, non meno intenso del primo, corre alla buona vecchietta che vive a Tarvisio, alla mamma santa…» (p. 71).
Le alte cifre del numero di reclusi per vagone merci sono, comunque, menzionate anche da altre testimonianze.
Biglietto da Salisburgo di Alfonso Zamparo alla moglie Livia, che viveva a Gonars, in provincia di Udine, 24 febbraio 1945. Collezione famiglia Zamparo, Scorzè, provincia di Venezia.

Secondo August Walzl alla Risiera di San Sabba furono uccise 3.000 persone nel forno crematorio. Sono 5.000, ad esempio secondo gli studi di Tristano Matta, ma Liliana Picciotto, nel 2002, contesta tale cifra, definendola “improbabile” (p. 937), anche se il forno crematorio era in grado di affrontare oltre 30 cremazioni giornaliere in media.
Roberto Curci, nel 2015, ribadisce la cifra di 4.000 persone deportate dalla Risiera su 76 convogli,  citando il fondo dell’Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione del Friuli Venezia Giulia, con sede a Trieste, oltre ad altri cinque convogli diretti a Mühldorf, con un numero stimato di poco più di mille deportati. Il totale dei prigionieri pare allora di 5.000 individui (p. 104).
Daša Drndić nel suo romanzo documentario, avvincente e trascinante, fornisce dati leggermente diversi. I trasporti di ebrei verso i lager nazisti dalla stazione di Trieste, partendo dalla Risiera di San Sabba, sono 69. Poi ci sono altri 30 convogli di prigionieri diretti ai Campi di lavoro forzato: i cosiddetti Schiavi di Hitler (p. 121).
Per 20 mila prigionieri la Risiera di San Sabba fu un campo di transito per Auschwitz e Dachau. I convogli ferroviari passavano per la Carinzia (e, quindi, per Tarvisio) o per Lubiana. Il primo convoglio di deportazione per Auschwitz partì il 9 ottobre 1943, ma gli ebrei rinchiusi arrivarono a destinazione nel mese di dicembre 1943, per carenze organizzative, scarso materiale rotabile, troppe tradotte militari, bombardamenti, sabotaggi e traffico merci ordinario che aveva la precedenza sui deportati.
Il 28 marzo 1944 parte un altro convoglio dalla Risiera di San Sabba, per giungere ad Auschwitz il 4 aprile successivo. Dei 300 triestini partiti, ben 62 muoiono durante il viaggio. Da Udine furono deportate e uccise 4 persone di religione ebraica, per Walzl (pp. 252-254).
Lo scalo ferroviario è sulla destra, in fondo a Via Monfalcone. Viale Trieste, è sulla destra, da Piazzale Palmanova. All'inizio prende il nome di Viale XXIII Marzo 1848.
Ecco le parole del deportato Federico Esposito: "Quella mattina c’era la neve, mezza Udine che faceva ala lungo Viale Trieste, gente che ci salutava… chi piangeva, chi salutava, qualcuno all’ultimo momento consegnava cibi, pacchi. Io ho avuto l’impressione che tutta la città si fosse radunata in Viale Trieste. E la gente ci ha seguito fino sotto i vagoni..." 
Pianta della città di Udine eseguita dalla Sezione Tecnica Municipale, Stabilimento Tipo – Litografico Gustavo Percotto & Figlio, Udine, particolare, 1928.

Da Fiume vennero deportati 258 ebrei; ne ritornarono 22; nel 1903 erano oltre 2.600; la città portuale del Cuarnaro, nel 1931, contava 53.896 abitanti.
I dati di Walzl sugli internati da Fiume, secondo Curci, vanno aggiornati così: gli ebrei residenti nel 1940, secondo la prefettura, erano 1.105. Quelli rastrellati e deportati ammontano a 243 persone, delle quali solo 19 sopravvissero (p. 120). 
Da Gorizia ci furono 45 deportai ebrei, tutti morti. I dati di Walzl su Gorizia devono essere rivisti e aggiornati con la ricerca “Le-zikkaron. In memoria”, del 1994, a cura dell’Istituto per gli Studi Ebraici della Mitteleuropa e dell’Associazione Amici di Israele, dove si legge che i deportati ebrei da Gorizia per la destinazione dei lager nazisti furono 76 (quasi il 60% in più dei dati di Walzl!) e solo quattro di essi si salvarono.
Per Walzl da Trieste furono inviati 620 ebrei al Campo di sterminio di Auschwitz e si salvarono in 17. Gli ebrei triestini ammontavano nel 1943 a 3.600 individui. Nel 1912 gli ebrei triestini erano oltre 5 mila e pure negli anni 1920-1930. Gli ebrei deportati da Venezia erano 212 e solo 15 ritornarono dal campo di concentramento nazista (pp. 254-259).
Ad esempio Silva Bon Gherardi scrive di 3.700 ebrei denunciati nel 1938, ma sostiene che le schede, introdotte dalle leggi razziali, siano 7.760 – quasi il doppio! (p. 90). Conferma l’arresto di donne, bambini ed anziani, oltre ai maschi adulti (p. 219).
Il forno della Risiera di San Sabba era in grado di distruggere 70-80 cadaveri per volta. Va in funzione da febbraio – marzo 1944. L’ultima cremazione avvenne il 28 aprile 1945, coi partigiani titini in avvicinamento nei boschi del Carso. Il 29 aprile i tedeschi minarono il forno che crolla parzialmente travolgendo e uccidendo gli stessi prigionieri (p. 219). Volevano così eliminare le tracce dello sterminio.
Udine, Via Monfalcone, treni merci in sosta, verso nord, 2016.

Dal 3 giugno 1963 la Risiera di San Sabba è un monumento nazionale. Il processo per i crimini commessi nell’unico lager nazista esistente in terra italiana si svolse nel 1976, come ricordato nel volume sulla Storia della Shoah in Italia, di Marcello Flores ed altri autori, del 2010 (p. 48).
Dalla letteratura a disposizione si sa che i convogli ferroviari partiti da San Sabba per i campi di concentramento nazisti furono 22. Essi non poterono passare che da Udine, anche dallo scalo di Via Monfalcone – Via Buttrio. Il dato sui 22 convogli di deportati ebrei partiti da San Sabba a Trieste per Auschwitz, Ravensbrück e Bergen Belsen è dedotto dalle ricerche della Picciotto, pubblicate nel 2002 (pp. 62-65). Altri 20 convogli di carri bestiame carichi di ebrei sono partiti da Verona, Bolzano, Fossoli, Milano, Roma, Firenze, Bologna e Mantova, con destinazione Auschwitz. Ulteriori 3 convogli ferroviari di ebrei hanno iniziato la loro corsa dal Campo di concentramento di Borgo San Dalmazzo, in provincia di Cuneo, diretti prima a Drancy, in Francia e, infine, ad Auschwitz. Uno solo è il convoglio di ebrei imprigionati nel Dodecanneso, transitati a Rodi, Atene, con meta finale Auschwitz.
I convogli come detto, secondo Curci, sono stati 76, in direzione di – in ordine decrescente – Dachau, Auschwitz, Buchenwald, Mauthausen, Ravensbrück, Flossenbürg e Bergen-Belsen, oltre ad altri cinque convogli diretti a Mühldorf, con un numero stimato di poco più di mille deportati. Il totale complessivo di persone caricate sui vagoni bestiame da Trieste è di 5.000 unità (p. 104).
La stessa Picciotto ricorda che Udine aveva una squadra del gruppo dell’Aktion Reinhard “specialisti” dei campi della morte di Belzec, Soribòr e Treblinka. L’ufficio nazista di Udine è detto “R III”, con giurisdizione anche su Gorizia. Al suo comando troviamo Stangl e successivamente Fritz Küttner e Arthur Walter. Detto ufficio aveva il compito di ripulire il Litorale Adriatico da partigiani e ebrei, impadronendosi dei beni di questi ultimi (p. 933).
Nel 1943-1944 succedeva che i militari italiani del fronte russo, di passaggio per la Polonia in treno, vedessero dei vagoni merci carichi di persone che chiedevano «acqua, acqua» disperatamente, come racconta Mariella Vivaldi. Il tenente degli alpini «Luciano, impressionato, aveva chiesto informazioni, in tedesco, ai ferrovieri polacchi che piantonavano il loro treno. Con reticenza uno di loro spiegò che erano ebrei fatti prigionieri e deportati nei campi di lavoro» (p. 110).
Udine, Piazzale della Stazione, lapide dedicata alle donne friulane che, nel 1943-1945, aiutarono gli internati rinchiusi nei vagoni merci destinati ai Campi di concentramento nazisti.

A questo punto non si può tralasciare il fondamentale apporto alla letteratura della Shoah di Zygmunt Bauman, col suo “Modernity and the Holocaust”, 1989.  Pochi autori, prima di lui, avevano tentato di fare delle interpretazioni e delle riflessioni sul fenomeno di massa della eliminazione degli ebrei da parte del nazismo. Dopo di Bauman, si sono aperte molte strade della comunicazione. I sopravvissuti ai lager e i discendenti delle persone ammazzate dalla follia nazista hanno parlato con più coraggio e con la consapevolezza di essere ascoltati, andando a scontrarsi con un’eredità del regime nazista tutt’altro che morta, come ha scritto il grande sociologo ebreo polacco.

2. Gli ebrei in Friuli nel passato
I luoghi del Friuli storico e della Venezia Giulia dove vissero gruppi di ebrei nel passato sono svariati, considerando che la presenza ebraica in loco risale al Medioevo e, in qualche caso, addirittura all’epoca Romana. Mancano, tuttavia, le fonti per l’Alto Medioevo circa la presenza ebraica in regione.
Udine, San Daniele del Friuli, Aquileia, Gorizia, Grado, Monfalcone, San Vito al Tagliamento, Spilimbergo, Porcia, Brugnera, Maniago, Sacile, Venzone, Cividale del Friuli, Attimis, Rivignano, Portogruaro, Gradisca d’Isonzo, Romans, Ontagnano, Ruda, Chiopris, Sagrado, Villesse, Moraro, Fogliano, Farra, Teor, Muggia, Gemona del Friuli, Palmanova, Jalmicco, Plasencis, Gradiscutta, Belgrado, Terzo d’Aquileia, Gonars, Fiumicello, Latisana, Flaibano, Tarcento, Mortegliano e Porpetto hanno avuto comunità o famiglie di ebrei per vario tempo.
Udine, cartello stradale di Piazzale D’Annunzio, con l’indicazione precedente del sito: Piazzale Palmanova. Il foro è dovuto ad un scheggia del bombardamento anglo-americano.

La massima espansione di ebrei a Udine si ebbe nel 1841, quando furono censiti 112 individui, secondo Pietro Ioly Zorattini, libro del 2002 (p. 44). Molti ebrei parteciparono attivamente al Risorgimento e all’Irredentismo; si pensi a Daniele Manin, come ha ricordato Gino Pieri in un articolo sul rientro dei sopravvissuti dai lager nazisti, intitolato Ritornano gli ebrei, del 1945.
Avevano delle sale di culto, che nella letteratura vengono definite sinagoghe, nonostante esse non fossero delle costruzioni edificate all’uopo, ma solo delle stanze di abitazioni utilizzate anche a mo’ di stanza di preghiera. È ancora Pietro Ioly Zorattini (pp. 81, 83, 120) a spiegare che verso il 1830 ci doveva essere una sinagoga nella frazione di Chiavris, dove da vari secoli era stanziata la famiglia Caprileis, che dà pure il nome al luogo.
Nel 1840-1870 c’era un oratorio ebraico a fianco della Torre di Porta San Bartolomeo (o Porta Manin), tra le case sorte sull’antico castelliere, secondo Maurizio Buora (p. 210).
Udine, Piazzale Palmanova, ovvero Porta Aquileia nel 1945, dopo i bombardamenti anglo-americani. Fotografia da Internet.

Verso il 1850 la sinagoga è in una zona densamente abitata, in Vicolo di Lenna, vicino a Riva Bartolini, secondo Pietro Ioly Zorattini (p. 120). Nel 1880 viene spostata di poco e il luogo di culto si trova in Via Palladio al numero 8. Nel 1928 l’oratorio ebraico è in Via Romeo Battistig. Verso il 1930 la sinagoga viene ospitata in Casa Gentilli, in Piazzale Palmanova al numero 2, poi chiamato Piazzale D’Annunzio (vicino alla zona di Udine sud) e, infine, il 18 settembre 1932 si ha notizia dell’inaugurazione di un’altra sinagoga in Via Percoto al numero 3 (stesso Ioly Zorattini, p. 83). La notizia di una sinagoga a Udine nella Casa Gentilli, in Piazzale Palmanova, ossia in Porta Aquileia, viene tuttavia contestata dalla signora G., sostenendo che “i Gentilli erano solo a San Daniele, forse quell’abitazione del vecchio Piazzale Palmanova, con orti e giardini che arrivavano fino in Via Bertaldia, era dei Morpurgo, chissà”.
L’antico toponimo di Piazzale Palmanova viene sostituito in Piazzale D’Annunzio con Deliberazione del Podestà di Udine del 31 maggio 1940, come si sa dall’Archivio Municipale della città.
In effetti a San Daniele del Friuli, verso il 1722, sono attive alcune famiglie dei Gentilli e dei Luzzatto, in plaçute dai Ebreos (piazzetta degli Ebrei; l’odierna Piazza Cattaneo). La cittadina collinare friulana accolse sin dal XV secolo una comunità con “un gran numero” di ebrei. Due secoli dopo essi si erano dotati di una piccola sinagoga e di un cimitero, come ha scritto Valerio Marchi nel suo libro sui Gentilli (p. 46).
Lo stesso autore, nel suo libro sui Sachs, tuttavia accenna ad un matrimonio civile che ebbe per testimoni due Gentilli a Udine il 14 dicembre 1925. Gli sposi erano Bruno Algranati ed Elsa Vanda Sachs, maestra nella scuola elementare di Madrisio di Fagagna prima della Grande Guerra. Elsa aveva studiato all’Uccellis di Udine, prima di diplomarsi.
 “Benedetto e Raffaele Gentilli – sono i testimoni, come ha scritto Valerio Marchi nel suo volume sul dottor Sachs – (il primo figlio di Giuseppe e il secondo figlio di Benedetto stesso) indicati come negozianti residenti a Udine, ove si erano trasferiti da San Daniele” (pp. 210-213).
Udine, Porta Aquileia o Piazzale D'Annunzio, 2016.


Lo stesso Valerio Marchi ha pubblicato sul «Messaggero Veneto» del 16 gennaio 2017 un articolo sui Gentilli, vittime nel vortice della Shoah, tenendo nel medesimo giorno una lezione all’Università della Terza Età, in presenza di alcuni discendenti dei Gentilli.

3. Forme di anti-giudaismo
Vari sono i modi per costruire le categorie dell’antisemitismo in Italia, che poi conducono alle Leggi Razziali. La letteratura ci propone dei capisaldi, che senza vergogna alcuna, si autodefiniscono “razzisti”.
Cosa scrivono gli autori dell’anti-giudaismo? Nel 1937 si legge che, secondo G. Natti Dubois, ci sono ebrei “per i quali l’appartenenza al popolo d’Israele ha soltanto un valore ed un peso sentimentale e tradizionale”.
Ci sono poi gli ebrei attaccati “alla morale, alla religione, ed alla concezione del mondo dei loro padri (…) credenti sia pur più o meno fervorosamente”. Sono essi, in sostanza dei buoni sudditi, dei buoni cittadini, secondo l’angolo visuale, ma non sono dei veri “patrioti dell’Italia, o della Francia…”. G. Natti Dubois si chiede, infine: “È lecito, e fino a che punto, che gli ebrei italiani sognino o favoriscano il movimento sionistico, tendente a creare in Palestina uno stato ebreo?” (pp. 67-73).
Il fascista Roberto Farinacci, nelle sue conferenze tenute nel 1938 in giro per l’Italia, cita come autorevole il testo “Les Protocols des Sages de Sion”, del 1918, che si scoprirà essere un falso. Per meglio far accettare l’anti-giudaismo fascista agli italiani egli menziona niente meno che la Compagnia di Gesù, “che stabilisce nei riguardi degli ebrei una intransigenza che va più oltre di quella del nazismo”. Le regole della Compagnia di Gesù sono formali su tale argomento: “vietano assolutamente di ricevere nella Compagnia chiunque discenda da razza ebrea, o saracena, risalendo fino al quinto grado (il razzismo ariano dei Gesuiti è dunque assai più severo della stessa Germania dove non si risale più in là del quarto grado)” (p. 12).
Farinacci fa risalire l’anti-giudaismo italiano ai comizi di Mussolini del 1919, quindi come egli scrive, ben molto prima delle teorie di Hitler.
Udine, 1918 - fotografia aerea dello scalo ferroviario "Sacca", in Viale delle Ferriere. Al centro, in basso, il sottopassaggio di Via Marsala. Pare che anche in questo scalo merci, nel 1944-1945 sostassero vagoni di ebrei provenienti da Venezia, in attesa di essere attaccati ai convogli per Auschwitz. Ringrazio per la diffusione della fotografia Alessandro Rizzi.

4. Ebrei sotto vigilanza a Udine nel 1939
Dalla letteratura e dalle memorialistica si sa che certi ebrei, come Carlo Levi nel 1935, furono deportati al “confino di Gagliano” (Aliano, in provincia di Matera; nella pronuncia locale: Gagliano), dove ebbe per compagno d’esilio il fornaio di Sevegliano, provincia di Udine, detto il Bacan – come ha scritto Franco Iaiza (p. 160).
Il redattori di un giornale settimanale di Udine, «La Vita Cattolica», nato come mensile nel 1923, alzano la testa contro il regime, nel 1938. Scrivono che il vescovo di Friburgo, in Germania, viene deportato dai nazisti, come ha riferito Valerio Marchi nel volume su Riccardo Luzzatto. I giornalisti forniscono informazioni che non si notano in altro tipo di stampa italiana, ben allineata e allenta alla censura fascista. Vengono intessute le lodi al fascismo, in chiave anticomunista, perché ha rotto la “secolare tradizione di settarismo liberal-massonico…”. Allo stesso tempo, il 4 dicembre c’è un articolo che, addirittura, denuncia le persecuzioni naziste, con un titolo in prima pagina del tipo: “I cattolici tedeschi fedeli al Papa nella bufera delle persecuzioni”. Tale fenomeno, tuttavia, è raro quanto isolato.
Dopo le Leggi Razziali gli ebrei furono sottoposti a sorveglianza. L’elenco che segue è stato scritto sulla scorta delle informazioni rintracciate in alcuni fascicoli dell’Archivio di Stato di Udine (ASUd), Questura di Udine, Cat. E2, Vigilanza e controllo persone in transito, b 1. Tutti i documenti citati sono datati 1939. C’è da dire che per alcuni nominativi esiste solo la cartellina intitolata al nome stesso, ma all’interno non c’è nulla. In altri casi si possono trovare uno o due fogli di comunicazioni manoscritti (malacopia) o dattiloscritti, come lettere, telegrammi e simili. In rari casi la cartellina contiene più di 3-4 fogli. Vedi la tabella n. 1.
Ciò significa che i nominativi della lista qui proposta erano da tenere sotto controllo, per le autorità italiane. Alcuni di tali ebrei passarono effettivamente per i valichi confinari di Tarvisio  o di Passo di Monte Croce Carnico, altri no. Le notizie sono incomplete a causa della distruzione di gran parte dei cartolari. Le autorità confinarie vengono allertate riguardo alla vigilanza sugli ebrei stranieri, al rimpatrio in paesi d’origine di ebrei immigrati in Italia (cacciati per le Leggi Razziali), al controllo di ebrei germanici, di ebrei rumeni, polacchi, cechi, apolidi e di altri stati dell’Europa Centrale e Orientale.
Come sottolineato dagli operatori dell’ASUd: “Nel 1945 il questore Bruni, ritenendo che la Questura potesse essere occupata dai Germanici, diede ordine di distruggere le carte che aveva in ufficio e le note caratteristiche dei funzionari di P.S. da lui compilate. Vennero inoltre distrutti anche i mattinali della squadra politica. Nel 1958 il questore Amendola comunicava al Ministero dell’Interno che l’archivio della Questura di Udine, così come gli archivi le biblioteche e i musei della provincia, andò quasi totalmente distrutto durante gli eventi bellici”. Ecco il motivo delle notizie scarne e dei fascicoli fantasma.

Tabella n. 1 - Elenco di ebrei sotto vigilanza nel 1939
 1. Aes Bela, ebreo ungherese.
2.    Brochlawski Menachen, ebreo polacco.
3.      Charin Vladimiro, apolide ebreo.
4.      Cohen Esteriana ed altri ebrei.
5.      Feist Wollhein, Hans Israel e Ratherina Sara Feist, ebrei tedeschi diretti in Francia con divieto di reingresso in Germania.
6.      Gelenter Jona, di Mendel e Frieda Joles, nato a Stry (Galizia austriaca, poi Polonia, Ucraina) 1 marzo 1889, allontanatosi da Genova.
7.      Glattauer Edith, di Ugo, nata a Vienna 22 maggio 1916, ebrea straniera, con ritorno a Vienna ove non possa proseguire per gli USA.
8.      Stark Ziga, fu Carlo e Anna Sor, nato a Zagabria 31 maggio 1877, ebreo jugoslavo sotto falso nome di Ziga Jagig (o Jagic), commerciante e agente di spionaggio, potrebbe varcare frontiera di Sussak (Fiume).
9.      Klein Hugo, di Vienna, ebreo germanico, con biglietto di passaggio per l’America, via Genova, poi Udine dove sarà ospite di Leo Furst Via Portanuova 17/1.
10.  Kleind Chaim Jakob, ebreo polacco.
11.  Knopfler Josef, di Giulio, nato a Czegled 18 ottobre 1896 e consorte Farkar Clara e figlio Pietro, ebrei ungheresi.
12.  Kohn Margit, di Isidoro, nata a Budapest 10 giugno 1919.
13.  Kurier Davide, fu Leo, nato a Choloyon 11 gennaio 1888, ebreo ex austriaco.
14.  Stiegwardt Raul, di anni 19, ex austriaco e Paneth Alfred, di anni 40, cattolici razza ebraica, diretti a Genova per imbarco per l’Argentina.
15.  Egger Adolf, fu Bela, nato a Vienna 5 luglio 1874 e moglie Schabel Marianna, fu Enrico, ebrei ex austriaci, che recansi a Torino scopo salute.
16.  Pilpel Josef e moglie Kerpner Elsa, ebrei ex austriaci, emigrati a Belgrado, Jugoslavia.
17.  Rudinger Josef e famiglia, ebrei ex austriaci, per emigrare negli USA.
18.  Sachs Dorotea, maritata e figli, ebrei ex austriaci.
19.  Grünbaum …, nata a Vienna 27 agosto 1900, la figlia Henriette, nata a Vienna 22 settembre 1919, e figlio Heinz, nato a Vienna 17 gennaio 1923, per raggiungere il marito Abraham Grünbaum, residente a Roma, Via Veio 2.
20.  Salter Paolo, fu Max e moglie Radwaner in Salter Bertha, fu Adolfo, ebrei.
21.  Schwarz Julius di Samuele, nato a Rottweil 13 luglio 1895, moglie Gloria Anna in Schwarz, di Enrico, ebrei tedeschi.
22.  Seiden Massimiliano, fu Adolfo, ebreo polacco.
23.  Sonnenschein Irma, di Michele, nata a Vienna 9 gennaio 1892, ebrea tedesca.
24.  Stuckgold Erwin, fu Isacco e di Rochmann Norma, nato a Berlino 17 agosto 1895, medico chirurgo ebreo.
25.  Sturm Josef, fu Giacobbe e 23 ebrei tedeschi.
26.  Tarasciskis Orsejus, di Isaak, nato 7 marzo 1919 a Vyatka (antico nome di Kirov, Russia), Vlaas Abrham, di Choim, nato a Dublino 22 febbraio 1914, ebrei stranieri.
27.  Witt Margit, di Mov, nata a Budapest 23 novembre 1919, ebrea, e Geimann Bela, di Henrich e Schlosinger Cecilia, nata a Budapest 23 gennaio 1914, israelita, ingaggiatore di prostitute in Tirana, Albania.
28.  Vago Gyorgy, ebreo ungherese, che intende recarsi in Svizzera.
29.  Weisz Charlotte, di Samuele e di Vass Berta, nata a Eger 8 ottobre 1907, suddita ungherese, sospetta ebrea, per imbarcarsi per New York.
30.  Questura di Bolzano. Winter Desiderio, di Giuseppe, nato a Kiskunhalas 28 agosto 1907, medico dentista ebreo, con moglie Beck Anna in Winter, di Giuseppe, nata a Kiskunhalas 18 settembre 1909 e figlia Eva, nata a Kiskunhalas 2 luglio 1933, espatrierà diretto Ungheria in seguito alle disposizioni vigenti per la tutela della razza.
31.  Wiisz Laszlo, di Ladislao, nato a Budapest 25 maggio 1908, ebreo.
       Fonte: ASUd, Questura di Udine, Cat. E2, Vigilanza e controllo persone in transito, b 1.

Anche in letteratura si possono trovare le citazioni del confine di Coccau (Tarvisio) tra Austria, ormai Terzo Reich, e Italia. Ad esempio Paolo Veneziano ha rilevato il passaggio di 40 ebrei viennesi da Tarvisio nel 1939 e in procinto di imbarcarsi a Sanremo per la Francia (p. 69).


5. Croazia. Un cenno positivo sugli ebrei significa il confino
Cosa succedeva a chi favoriva gli ebrei nella loro fuga dalle sgrinfie dei nazisti? Dipendeva da dove ti trovavi. Nell'Italia della R.S.I., all’interno del Terzo Reich, cui appartiene la Zona d’occupazione Adriatisches Küstenland, c’era la pena di morte.
La Croazia del 1941, con il governo di Ante Pavelić, si era adeguata alla linea dominante dettata dal führer . Il movimento ustascia partecipa attivamente allo sterminio del popolo ebraico e già nel 1941 il ministro degli interni Andrija Artuković afferma che il governo croato in breve tempo risolverà la questione nello stesso modo in cui l'ha risolta il governo tedesco.
Qui però la persecuzione contro gli ebrei si accompagna a quella contro i serbi, quale reazione contro la politica di repressione della popolazione croata attuata prima della guerra dalle autorità jugoslave. Moriranno così centinaia di migliaia di serbi, mentre la comunità israelitica croata verrà praticamente eliminata.
Così chi avesse espresso un parere positivo nei confronti degli ebrei, si ritrovava al confino per ordine delle autorità filo-naziste degli ustascia. Il racconto che segue è stato riferito da Bruno Bonetti, che ha anche scritto una indagine genealogica sulla sua famiglia, originaria di Zara e di Spalato.
La zia di Bruno, Ottilia Bonetti (nata a Zara nel 1918 e morta a Trieste nel 1989) aveva sposato Zdenko Novaković, appartenente a una ricca famiglia croata di Bencovaz, cittadina del retroterra zaratino teatro di aspre contese tra serbi e croati.
Il padre di Zdenko, Mihovil (1872-1933), commerciante e proprietario terriero, nel 1914 è sindaco della località, carica che tiene fino al 1918, quando all’amministrazione austroungarica subentra l’amministrazione militare italiana fino al 1921. Successivamente, con l’istituzione dello stato dei Serbi, Croati e Sloveni, Mihovil aderisce al Partito contadino di Stjepan Radić, portavoce dell’indipendentismo croato, diventandone il responsabile locale. Nel 1931 ridiventa sindaco, ma viene immediatamente defenestrato per incompatibilità con la politica assimilatrice del re di Jugoslavia, il serbo Alessandro I (che poco dopo sarà assassinato dagli ustascia nell’attentato di Marsiglia del 1934).
«Zdenko Novaković, nato a Bencovaz nel 1911 e morto a Spalato nel 1968, studia ingegneria a Praga – ha raccontato Bruno Bonetti – prestigiosa meta universitaria prediletta dagli slavofoni, ma dopo la morte del padre nel 1933, a causa dei minori mezzi economici disponibili, si trasferisce a Zagabria, dove si laurea. Generoso fino al limite della prodigalità, è un uomo cordiale ed estroverso. Dopo il matrimonio con Ottilia Bonetti, gli sposi risiedono a Zlatar, presso Zagabria. Sdegnato dalla violenta rimozione del padre dalla carica di sindaco, Zdenko si avvicina all’ala di destra del partito contadino croato, che nel 1941 confluisce nel movimento degli ustascia. Tuttavia, Zdenko, che è una persona mite e altruista, non sopporta i brutali eccessi del regime filonazista. Così, parlando animatamente sul posto di lavoro a difesa degli ebrei, viene confinato in un paesino della Bosnia, a Žepče, presso Zenica».
«Successivamente – ha aggiunto Bonetti – sempre sotto lo Stato indipendente di Croazia (Nezavisna Država Hrvatska, NDH), riesce a ritornare alla vita civile, a Slavonska Požega. Qui però, alla fine della guerra, arrivano i partigiani, che per punirlo in quanto “fascista” lo spediscono di nuovo in mezzo ai monti, a Gospić, dove dirige i lavori di ristrutturazione della ferrovia della Lika (Spalato-Zagabria), danneggiata dagli eventi bellici. Ma la situazione è destinata ulteriormente a peggiorare: ribellandosi Zdenko alle soperchierie di alcuni titini, la famiglia perde l’alloggio e viene collocata in una misera baracca priva di riscaldamento».
«Frattanto – ha concluso Bonetti – nel 1951 uno dei due bambini muore a seguito della fame e del freddo patiti dalla famiglia, oltre che della mancanza di medicine. A causa di queste vicende e della perdita di tutte le ricchissime proprietà di Bencovaz, la moglie Ottilia proverà per tutta la vita un profondo risentimento verso il comunismo».

6. Ispettore Lospinoso, salvatore di ebrei francesi a Nizza nel 1943
La vicenda è poco nota, come ha scritto Giuseppe Vollono, nel 2002, ma è un’azione umanitaria analoga a quella svolta dal ben più noto dottor Giovanni Palatucci riguardo agli ebrei di Fiume dal 1939 al 1944, fino a quando fu arrestato dai nazisti. Questa è la storia del dottor Guido Maurizio Lospinoso,  un barese nato verso il 1885 ed entrato in polizia nel 1915, di cui ha fatto un cenno anche Susan Zuccotti, nel 2001 (p. 149).
Qualche riga sull’ispettore generale di Pubblica Sicurezza Guido Lospinoso è dedicata anche da Renzo De Felice nel suo fondamentale Storia degli ebrei italiani sotto il fascismo, del 1961 (pp. 407 e 445). Già sin dal 1961 è nota la protezione degli ebrei di Marsiglia, di Cannes e di Nizza, sotto l’occupazione delle truppe italiane nel periodo 1940-1943, secondo il cappuccino Pierre-Marie Benoît, padre Maria Benedetto, che cita tra i promotori degli aiuti agli ebrei Angelo Donati, come si legge nella documentazione del volume di Renzo De Felice (pp. 633-634).
C’è da dire, in premessa, che a Nizza esiste un “Comité d’Assistance aux Réfugiés (CAR)” sin dal 1938, per assistere gli ebrei con intenzione di emigrare dall’Europa, come ha scritto Paolo Veneziano. Lo stesso autore precisa che sulla Costa Azzurra e negli altri sei dipartimenti francesi occupati, dopo il giorno 11 novembre 1942, dalle truppe italiane la sorveglianza sugli ebrei è “blanda”. (pp. 75-78).

Gerusalemme, Giardino dei Giusti, tra i quali c’è una dedica al prefetto Giovanni Palatucci. Fotografia di Daniela Conighi 2011.

Durante la Seconda guerra mondiale, Lospinoso fu nominato Ispettore Generale e sin dalla fine del 1942 si occupò della questione degli ebrei stranieri. Nella primavera del 1943 fu inviato, dal Ministero dell’Interno, a Nizza, capoluogo della parte di Francia occupata dalle truppe italiane. Qui si erano rifugiati circa 40 mila ebrei francesi dall’inizio delle deportazioni in massa in altre parti del territorio francese occupato dai nazisti.
Il dottor Lospinoso aveva il compito di organizzare campi di concentramento sulla costa, in attesa di affrontare il caso con le autorità tedesche. Con i nazisti bisognava tergiversare.
Secondo Fabio Amodeo e Mario J. Cereghino, che hanno analizzato testi tedeschi intercettati dall’intelligence britannico e custoditi nel National Archives United Kingdom di Kew Gardens, alla fine di febbraio 1943, Joachim von Ribbentrop, ministro degli Esteri tedesco, è in visita a Roma per alcuni giorni. Ribbentrop chiede a Mussolini “una stretta per quanto riguarda la condizione degli ebrei nei dipartimenti francesi occupati dall’Italia” (p. 46). C’è  sul tavolo anche la questione degli ebrei croati che si sono rifugiati nella Dalmazia sotto amministrazione italiana sui quali il dittatore ustaša Ante Pavelić e i nazisti vorrebbero mettere le mani.

A Nizza e nei dipartimenti francesi sotto occupazione italiana dal giorno 12 novembre 1942, sempre secondo Giuseppe Vollono, verso la fine di marzo 1943 dai quattro ai cinque mila ebrei stranieri furono confinati in residenze sorvegliate nell’entroterra, una condizione certamente migliore rispetto ai campi di internamento. Altrettanti ebrei restarono liberi di vivere lungo la Costa Azzurra. Altri gruppi di ebrei furono raccolti nell’Alta Savoia, occupata anch’essa dalle truppe italiane, in alberghi appositamente requisiti.
Quando Mussolini diede l’ordine di passare i rifugiati ebrei ai tedeschi, per la deportazione verso Auschwitz, l’alto funzionario di polizia Lospinoso adottò una intelligente tattica dilatoria, per differire l’ordine, adducendo difficoltà di ogni sorta per organizzare i trasporti. Nel frattempo, con discrezione, agevolò l’allontanamento graduale di decine di ebrei verso il territorio italiano, per cui, all’atto dell’armistizio, ben pochi erano ancora quelli rimasti e che seppero disperdersi con la ritirata dell’Esercito italiano dalle zone francesi occupate. 
Probabilmente Lospinoso fu in contatto col banchiere Angelo Donati, di religione ebraica, che fece allontanare da Nizza più di 2.500 ebrei che furono trasferiti, evitando le zone occupate dai tedeschi, nella “residenza forzata” di Saint-Martin-Vésubie (in italiano San Martino Lantosca, in occitano Sant Martin de Lantosca), della Provenza-Alpi-Costa Azzurra.


Giovani ebrei rifugiati in un campo organizzato da Joseph Fisera, verso il 1942-1943. Era un ceco attivo in Francia nell’aiuto ai prigionieri in fuga, esponenti della Resistenza e minoranze perseguitate. Operava nei pressi di Vallon, nelle Alpi Marittime, nella Francia occupata dagli italiani. La relativa sicurezza di cui godevano gli ebrei nella zona italiana di occupazione fu criticata non solo da Berlino, ma anche dal regime collaborazionista di Vichy. Fotografia e didascalia tratte dal seguente volume; si ringrazia per la diffusione nel web: Fabio Amodeo, Mario J. Cereghino, L’Italia della Shoah. Gli ebrei, il fascismo e la persecuzione nazista, Udine-Trieste, Editoriale FVG, 2008.

Rientrato a Roma, Lospinoso fu costretto a nascondersi, perché la Gestapo e le Waffen SS volevano fargli pagare lo smacco subito. Fu nascosto a casa di amici, come ha scritto Gerardo Unia.
Dopo la liberazione di Roma venne epurato dalla polizia per due volte, con l’accusa di attività antisemite, vista la sua nomina diretta di ispettore generale a Nizza effettuata da Mussolini. Dopo il ricorso contro l’ingiusto provvedimento, sostenuto da molte testimonianze a suo favore, Lospinoso fu reintegrato dal Ministero degli interni.
Dal 1949 al 1954 fu questore di Udine. Collocato a riposo nel 1954, morì, eroe sconosciuto, senza riconoscimenti ufficiali dell’Italia, con la sola gratitudine espressa dalle Comunità ebraiche francesi nel 1972. 
Gli accordi di Berlino del 4 dicembre 1943, come ha scritto Michele Sarfatti, stabiliscono la consegna ai tedeschi degli ebrei arrestati dagli italiani nel territorio della Repubblica Sociale Italiana (R.S.I.), per la deportazione nel Terzo Reich (pp. 262-263).

7. Arresti di ebrei a Udine nel 1944
La caccia agli ebrei non è solo data dalle Leggi Razziali italiane. Sul quotidiano «Il Piccolo» del 4 settembre 1940 c’è la notizia da Presburgo (Bratislava) riguardo agli ebrei della Slovacchia. Il governo di quello stato ha deciso che “prima del 16 settembre tutti gli ebrei residenti nel territorio slovacco dovranno avere dichiarato i loro beni ai funzionari del Comune di residenza”.
Elio Morpurgo (1858-1944), presidente della Camera di commercio di Udine, in una fotografia giovanile di Pignat. Morpurgo fu anche sindaco di Udine dal 1889 al 1895. Il primo ebreo ad essere eletto sindaco in Italia è lui. Fu deputato del Regno d'Italia in sei legislature e, poi, senatore. Fototeca dei Civici Musei di Udine.

È del 1943 un’informazione sulla Palestina. Sul giornale «Il Piccolo di Trieste» del 7 marzo 1943 è riferito un fatto terroristico avvenuto a Gerusalemme, distruggendo un edificio, ma senza vittime civili. “L’inchiesta ha stabilito che trattasi di bande ebraiche la cui recrudescenza terroristica è segnalata a Tel Aviv, a Gerusalemme e in altri centri della Palestina. Questa agitazione si propone di accelerare la creazione di uno stato sionista permesso da Rooswelt agli ebrei e abilmente provocata da agenti nordamericani. Allo scopo di rinforzare i reparti preposti in Palestina alla repressione del nazionalismo arabo, altri 7300 ebrei sono stati arruolati dagli Inglesi nel servizio di polizia o nella guardia civile palestinese”. Secondo alcuni studiosi tali reparti costituiscono l’embrione della Brigata ebraico-palestinese portata a combattere durante la seconda guerra mondiale in Italia e in Austria.
Sullo stesso quotidiano di Trieste del 21 aprile 1944, ben controllato dal regime nazista, si legge una notizia riguardo agli ebrei. Si legge di una riunione svolta a Napoli il 16 aprile con circa 10 mila ebrei. “Erano presenti i rappresentanti dei giudei di tutte le parti d’Italia meridionale. – si legge nel pezzo intitolato “La situazione nell’Italia in una dichiarazione di Wiscinsky” – Anche ebrei sovietici e americani che si trovano nell’Italia meridionale sono comparsi numerosi alla manifestazione. I giudei hanno deciso di appoggiare tutti i partiti antifascisti ed hanno indirizzato un telegramma di ringraziamento a Badoglio per la sua opera di liberazione del giudaismo in Italia”. 
Nel 1944 vengono arrestati quattro ebrei di Udine dalle Waffen SS, secondo Pietro Ioly Zorattini. Si tratta del barone Elio Morpurgo (1858-1944), prelevato ultraottantenne e ammalato in ospedale il 26 marzo 1944 e deportato alla Risiera di San Sabba il successivo 29 marzo, per poi finire di vivere in Austria, dove morì di stenti tra… i devoti carcerieri di Hitler.
Dal quotidiano di Udine  "Libertà"  del 28 marzo 1946. Biblioteca dell'Istituto Friulano di Storia del Movimento di Liberazione (Ifsml), Udine.

Le Waffen SS se la prendono pure coi matti, basta che siano ebrei; il demente Gino Jona è arrestato dai tedeschi nel manicomio di Udine. Poi ci sono altri tre ebrei imprigionati. Leone Jona, arrestato il 9 gennaio 1944, essendo egli partigiano della Brigata Osoppo Friuli, viene deportato ad Auschwitz il 2 settembre 1944. Poi c’è Roberto Jona, arrestato il 12 marzo 1944 e deportato ad Auschwitz. Infine si ha notizia di un ebreo nato a Pontelongo, in provincia di Padova, il quale viene arrestato a Udine; il suo nome è Leone Modena, fu deportato a Dachau e come tutti i sopravvissuti di quel lager venne liberato dall’esercito degli Stati Uniti d’America il 29 aprile 1945.  Fin qui secondo i dati di Pietro Ioly Zorattini, del 2002.
Udine, “Vie de Roe”, ossia il civico n. 30 di Via Verdi, dove scorre la roggia. Sul muro del tribunale fu posta la lapide, che ricorda i quattro partigiani lì fucilati, tra i quali il giovane Antonio Friz.

Valerio Marchi ha analizzato la figura di Elio Morpurgo in vari elaborati. Nel 2016 ha scritto che egli è una figura di lustro e di prestigio per la comunità israelitica locale, per la sua bella carriera politica ed amministrativa. Sin da giovane Morpurgo entrò nel consiglio comunale nel 1885, divenendo assessore alle Finanze. Dal 1889 al 1895 fu il primo sindaco ebreo eletto in Italia, poi sottosegretario alle Poste e all’Industria tra il 1906 e il 1919, fino a divenire senatore del Regno nel 1920. 
Il figlio Enrico Morpurgo (1891-1969), udinese al pari delle sorelle Elda ed Elena, si occupò del Friuli, quale studioso, insegnante, musicista, economista e filantropo, essendo presidente tra le altre del Comitato Provinciale della Croce Rossa Italiana (CRI). Estromesso dalla vita pubblica a causa delle Leggi Razziali, nel 1938, andò in esilio in Svizzera (p. 173-176). Sempre secondo il citato saggio Valerio Marchi gli ebrei a Udine, nel 1916, erano pari a 80 individui (p. 169). Bianca e Vittorio Pincherle, ebrei di Udine, sono tra i pochi che si salvarono dai campi di sterminio (p. 175).
Antonio Friz, Wolf, a sinistra e Bepi Tomat, Bocjate, studenti partigiani. Archivio Osoppo della Resistenza in Friuli, curato da Mons. Aldo Moretti, da cui proviene la fotografia dei partigiani osovani qui pubblicata, Cartella Z – Fototeca, foto n. 71.


Ritornando alle vicende di Enrico Morpurgo, nato il 10 dicembre 1891, si apprende dal volume di Italo Tibaldi (p. 93), che fu deportato ad Auschwitz, tatuaggio n. 192901, col convoglio n. 77, partito da Trieste. Il treno giunge a destinazione il 21 agosto 1944. Pare un'omonimia, dato che il deportato Enrico Morpurgo nacque a Trieste, figlio di Mario Morpurgo e Emma Luzzatto.
Federico Esposito, ufficiale del regio esercito italiano, è arrestato dai tedeschi e deportato a Flossenbürg con partenza da Udine col trasporto del giorno 11 gennaio 1945, come ha scritto Flavio Fabbroni. L’ufficiale Esposito ricorda la moltitudine di donne e di bambini che si accalcavano alla stazione di Udine prima della partenza del treno della morte. C’è folla anche sulle strade limitrofe, come in Viale Trieste che, dopo Viale XXIII Marzo 1848, congiunge il Piazzale Palmanova (oggi Piazzale D’Annunzio), dove c’è Porta Aquileia, al Viale della Stazione (oggi Viale Europa Unita).
Ecco le parole di Federico Esposito: “Quella mattina c’era la neve, mezza Udine che faceva ala lungo Viale Trieste, gente che ci salutava… chi piangeva, chi salutava, qualcuno all’ultimo momento consegnava cibi, pacchi. Io ho avuto l’impressione che tutta la città si fosse radunata in Viale Trieste. E la gente ci ha seguito fino sotto i vagoni. Eravamo chiusi nei vagoni piombati regolarmente e la gente era sotto, sul marciapiede. I tedeschi facevano fatica a trattenere quella marea di gente: soprattutto donne e bambini, era uno spettacolo per me un po’ straziante” (p.55).

È lo stesso viaggio che toccò fare a Mauro Drigo, come ha riferito il sopravvissuto a Italo Tibaldi (p. 225), che si riproduce in altra parte del saggio presente.
Tra i luoghi di detenzione a Udine c’era il carcere di Via Spalato, oltre alle celle del tribunale di Via Treppo, davanti al quale furono fucilati alcuni partigiani, come il giovane Antonio Friz “Wolf”, più precisamente “in Vie de Roe”, ossia al civico n. 30 di Via Verdi, dove scorre la roggia. Sul muro del tribunale fu posta una lapide, che ricorda i quattro partigiani lì fucilati, tra i quali appunto Friz, uno studente di Udine sud.
A livello popolare la prigione cittadina era detta “Al Grande Albergo di Via Spalato”, come ha scritto Plinio Palmano, incarcerato nel luglio 1944. Il carcere era per 250 posti, ma erano reclusi centinaia di individui, in attesa di essere trasferiti ai Campi di concentramento. Palmano cita il maresciallo delle Waffen SS Kitzmüller, che compì il voltafaccia, facendo liberare alcuni reclusi fra i quali Verdi, Mario e altri (p. 100). Ecco il numero dei detenuti passati per il carcere di Via Spalato a Udine tra l’8 settembre 1943 e la fine di aprile 1945. Vedi la tabella n 2.

Tabella n. 2 -  Detenuti entrati al carcere di Udine, 1943-1945
Condannati a morte (sentenza eseguita)                     98
Deportati in Germania                                           7.414
Deportati per lavori dalla TODT                              753
Rimessi in libertà                                                   1.647                 
TOTALE                                                                9.912

Fonte: Plinio Palmano, “Al Grande Albergo di Via Spalato”, «Avanti cul Brun!», 1946, p. 106.

È un prete, fiancheggiatore della Resistenza, don Giuseppe Grillo, “Micros”, a menzionare la presenza di ebrei nel carcere di Via Spalato a Udine. Don Grillo conosceva bene quella prigione, dato che vi fu recluso per ben nove mesi dai nazisti. Egli nomina gli ebrei incarcerati a Udine nella sua Relazione del Movimento e dell’Assistenza carceraria al Comitato di Liberazione Nazionale (CLN) della provincia di Udine, documento custodito nell’AORF, C.Q. fasc. 26, doc. 2. Tali materiali di studio sono citati nel volume scritto da Luigi Raimondi Cominesi sul comandante partigiano “Tribuno” (pp. 105-106). Tra le altre, don Grillo aggiunge che i nazisti “persino con le partenze dei deportati (ne abbiamo i nominativi) si faceva partire una spia”.
Udine 1935 - La caserma "Di Prampero" in Via Sant'Agostino, del 3° Reggimento artiglieria da montagna Julia, dopo l'8 settembre 1943 divenne sede di reparti repubblichini, ma per la gente era la caserma dell'8° Alpini. Fotografia da Facebook

Un altro luogo di detenzione di partigiani e sospetti vari nel 1944-1945 a Udine era la ex Caserma dell’Ottavo Alpini, come diceva la gente, poco sopra la Chiesa della Beata Vergine delle Grazie. È in quelle celle, con carcerieri repubblichini, che furono imprigionate numerose donne friulane. Forse dava fastidio il movimento di patronage che si era creato nelle stazioni ferroviarie friulane per alleviare i patimenti dei deportati e degli ebrei nei carri bestiame.
Sugli aiuti dati dalle parrocchie in Friuli agli sfollati, ai profughi e, dall’aprile 1945, ai militari italiani in fase di rientro dai Campi di lavoro, da quelli di prigionia e dai Campi di concentramento vedi, in Appendice il Documento 1. Soprattutto dal secondo semestre 1945, transitano a Udine oltre 500 mila individui da Germania, Austria e Jugoslavia, secondo i dati dell’Archivio Osoppo della Resistenza in Friuli (AORF), cartella T 1, f 7, carte 11 e 12.  
Pinzano 1943, donne friulane aiutano i deportati ai Campi di concentramento nazisti.  Fotografia dell’Istituto Provinciale per la Storia del Movimento di Liberazione e dell'Età Contemporanea di Pordenone, che si ringrazia per la gentile concessione alla diffusione e pubblicazione.

“Per ordine del tenente Stonolika – ha scritto Mario Quargnolo –, tutte le donne che dalle 18 alle 23 circolavano per le vie di Udine la sera del 14 ottobre [1944], furono fermate, caricate su autocarri, portate in caserma dell’8° Alpini da dove furono accompagnate all’ospedale per la visita medica. Il rastrellamento di donne sane e oneste fece un grave scalpore in città e sollevò infinite proteste. La città di Udine merita una riparazione con l’allontanamento immediato dei responsabili dello scandalo, che io chiedo formalmente…” (p. 113). Questo addirittura è parte del testo di una lettera di protesta firmata niente meno che da Benito Mussolini all’ambasciatore della Germania Rudolf Rahn nella Repubblica Sociale Italiana (R.S.I.), del 10 dicembre 1944. Naturalmente potete immaginare cosa fece di quella ufficiale protesta l’ambasciatore di Hitler nell’Italietta di Mussolini. Se ne fece un bel baffo ed archiviò.
Resta il fatto che la caserma dell’Ottavo Alpini, in mano ai militi della R.S.I., oltre il Giardin Grande “imboccata la salita delle Grazie” viene utilizzata per segregare i rastrellati. Anche Franco Iaiza accenna a questo luogo di prigionia, dandogli un cupo colore, dato che vide all’interno della struttura anche dei soldati tedeschi.  Era assieme a degli amici Iaiza, dopo aver fatto le comparse al “Rigoletto” al cinema teatro Odeon e furono intercettati da un gruppo di bersaglieri, che li accusarono di essere partigiani, sapendo bene dove portarli a recludere. Bastava un nonnulla e finivi in galera. “Sempre fra spintoni e minacce ci fecero attraversare tutto Giardin Grande, e, imboccata la salita delle Grazie, ci consegnarono al corpo di guardia dell’ottavo alpini. Qui i padroni erano ovviamente cambiati; difatti ci prese in consegna un tale la cui divisa prevedeva anche un lugubre maglione nero che recava trapuntati sul petto teschio e femori incrociati. Questi teneva nella destra un mitra e ostentava un ghigno poco promettente. Ascoltò distrattamente i bersaglieri, impedì a noi di parlare e ci costrinse ad entrare in una squallida stanza che già ospitava alcuni malcapitati visibilmente tristi ed avviliti (…). Nulla ci dissero di loro, poco di quella prigione e soltanto qualche accenno al disumano trattamento fino ad allora subito” (pp. 274-275). Dopo una notte in guardina, senza interrogatorio, il gruppo di comparse del “Rigoletto” fu liberato. Degli altri non si sa.
Da altre fonti emerge ancora che la caserma dell’8° Alpini fungeva da carcere nazista. È Narciso Ferroli, trasporto n. 121, sopravvissuto che racconta a Italo Tibaldi la sua esperienza (p. 235). «Io sono stato preso dai tedeschi il 30 dicembre 1944, incarcerato a Udine nella caserma dell’8° Alpini, poi ricoverato all’Ospedale civile, in seguito ad una ferita con infezione. Venni poi incarcerato in Via Spalato e, col camion, portato alla stazione di Pontebba da dove sono partito per la Germania. Non ricordo la data esatta, doveva essere verso il 20 o 22 febbraio 1945. Sono arrivato a Dachau il 28 febbraio 1945, immatricolato col numero 142176».
Un altro carcere di Udine, utilizzato dai nazisti per detenere i prigionieri prima dell’internamento si trova nella caserma della LXIII Legione “Tagliamento”, in Via Aquileia, secondo quanto riferito, nel volume del 1984, da Rosina Cantoni a Flavio Fabbroni (p. 23). La stessa Rosina Cantoni, secondo Italo Tibaldi, è compresa nel trasporto n. 117, assieme ad ebrei e zingari (pp. 116-117), partito da Trieste il giorno 11 gennaio 1945, con soste a Gorizia e Udine, con destinazione Ravensbrück, dove giunge il 16 gennaio 1945. Identificati 31 deportati. Superstiti alla liberazione: 8.
Tra i detenuti saliti a Udine su quel treno della morte, come ha raccontato Rosina Cantoni alla famiglia Barbarino, c’erano pure alcuni partigiani rastrellati, come Luigi Barbarino, Matiònow (Resia 1914 – Flossembürg 1945). Era egli un appartenente al “Rozajanski bataljon”, collegato al IX Corpus di Tito dell’Osvobodilna Fronta - Fronte di Liberazione della Jugoslavia. Fu catturato a Resia dai nazisti, per una delazione e morì nel lager. 
Come era la vita nel Campo di Flossembürg? La descrive Pietro Pascoli nel 1946 sul quotidiano «Libertà». Era il 14 gennaio 1945. Nel crudo inverno una tradotta speciale carica di deportati politici, provenienti dalle carceri di Udine, Gorizia e Trieste giungeva “dopo tre giorni e tre notti di viaggio durante il quale non fu fornito alcun cibo e soli pochi sorsi d’acqua, alla piccola stazione di Flossembürg capolinea”.
Come fu l’accoglienza? Vagoni merci, all’arrivo un plotone di Waffen SS con i cani poliziotto che addentavano i polpacci. “Ci avevano assicurato che ci portavano in Germania – spiega Pascoli, n° di matricola tatuato 41927 – come liberi lavoratori”. Spogliati nudi nella neve. “Nudo mi presentai al comandante con una fotografia in mano”. Erano le mie bambine. Non fu permesso di tenere la foto. “Quella fotografia mi era stata consegnata al momento della partenza fuori della stazione di Udine, tre giorni prima l’11 gennaio 1945 dalla mia bambina maggiore”.

Riguardo ai luoghi di incarcerazione a Udine, non è finita qui perché qualcuno degli arrestati è detenuto al comando delle Waffen SS, in Via Cairoli, come accadde a Faustino Barbina; la sua testimonianza è sempre nella indagine di Flavio Fabbroni (p. 24).
Come ricordavano nel dopoguerra certi udinesi “gli ebrei Basevi, del negozio di abiti e tessuti - ha riferito Sergio Burelli – si sono salvati dalle retate dei tedeschi perché sono riusciti a scappare in Svizzera”, ma forse non è del tutto vero. I Basevi a Udine erano specializzati, agli inizi del Novecento, in “abiti fatti (per uomo)”, con la seguente intestazione della ditta “Basevi A. e figlio, Mercatovecchio”, secondo Gualtiero Valentinis, della Camera di commercio (p. 105).
“Arturo Basevi, proprietario del negozio omonimo – ha scritto Mario Quargnolo –, credette per primo, a Udine, nell’abito confezionato. Era anche un musicista di notevole livello. Troviamo traccia di un’esecuzione beethoveninana (il Quartetto opera 59, numero 3), cui partecipò al violoncello, in compagnia del fratello Armando (violino), del dotto Giuseppe Castellani (secondo violino) e dell’ingegner Luigi Montini-Zimolo (viola). Il concerto fu tenuto il 4 giugno 1927 nell’ambito dell’Università popolare dopo che il professor Enrico Morpurgo aveva commemorato Beethoven. Nonostante le leggi razziali, Arturo Basevi («un vero signore» ricordano i suoi dipendenti) non ebbe noie sino al settembre 1943. Poi dovette nascondersi a Treviso, mentre la sua ditta passava sotto gestione commissariale. Tornò a Udine nel maggio 1945 in bicicletta, con la folta barba che si era fatto crescere nel frattempo” (p. 123).
Arturo Basevi si era difatti nascosto in Veneto, a Borso del Grappa, in provincia di Treviso, come risulta dal libro di Antonio F. Celotto e Zilio Ziliotto, del 2015, edito a Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza (p. 143). 

Bozzetto pubblicitario della ditta A. Basevi e figlio, di Udine, «Libertà», 25 dicembre 1945.

L’attività del negozio Basevi di Udine di Via Mercatovecchio al n. 27, in effetti,  è in piena funzione nel 1945, come si può notare da un bozzetto pubblicitario apparso sul quotidiano «Libertà» nel giorno di Natale.
La lista dei Basevi salvatisi dall’Olocausto, poiché fuggiti in Svizzera è composta dalle seguenti persone: Achille, Amalia, Arrigo, Attilio, Edda, Ermete, Franca, Giuseppe, Grazia, Jole, Lea nata Foa, Olga, Renato, Sandro e Vittorio, come ha scritto Renata Broggini (p. 454). Pare più verosimile, dunque, che Arturo Basevi fosse nascostosi a Treviso, evitando i treni della morte.
Gli ebrei a Udine nel 1938 sono 78 e nel 1945 sono ridotti a 40 individui, in base ai dati di Pietro Ioly Zorattini, opera del 2002.

8. La variante ferroviaria di Vat, 1944
Per questo paragrafo sono grato all’architetto Franco Pischiutti, residente nel mio quartiere. Appassionatosi alla indagine sugli ebrei a Udine sud, egli ha approfondito autonomamente e in collegamento con lo scrivente, il tema della variante ferroviaria di Vat, a Udine. «So che la Organizzazione TODT – ha detto l’architetto Franco Pischiutti – ha lavorato alla variante della ferrovia di Vat, che si trova nella zona a Nord Est di Udine, vicino a Paderno, che è una frazione della città».
Udine, la variante di Vat, costruita nel 1944 dai nazisti, evidenziata con le frecce blu in campo giallo. In colore rosso si notano le linee degli autobus, mentre i cerchi sono i capolinea. Le linee nere ravvicinate, in basso, indicano lo scalo di Via Buttrio (a destra) e la stazione (a sinistra). Udine, Pianta della città, Corpo dei Vigili Urbani, Azienda Municipale dei Trasporti, 1980.

Sulla variante di Vat c’era un progetto delle Ferrovie di Stato del 1939, che restò sulla carta. Nella primavera del 1944 i tedeschi, quando il Friuli è da loro occupato e trasformato in Adriatisches Kustenland, con il  lavoro coatto dei requisiti della TODT (uomini, donne, vecchi e ragazze), costruirono la linea ferroviaria di Vat dallo scalo di Via Buttrio in soli tre mesi. Tali informazioni sono state raccolte presso l’ingegnere Domenico Pittino, che aveva uno zio impegnato in quei lavori ferroviari.
«È probabile quindi – ha aggiunto Franco Pischiutti – che dall’estate del 1944 anche sulla variante di Vat, decentrata e in mezzo ai campi, ci sia stato il transito di vagoni carichi di ebrei e di altri prigionieri provenienti da Trieste, dal Campo di concentramento della Risiera di San Sabba e diretti ad Auschwitz. Ciò deve essere accaduto soprattutto quando la line ferroviaria ordinaria, passante per Via Cividale, veniva danneggiata dai bombardamenti degli aerei anglo-americani. C’è da dire, infine, che il trasporto dei convogli di catturati lungo la variante di Vat impediva la visione alla gente di Udine di quei vagoni caricati di ebrei e di altri prigionieri in condizioni disumane».
La tratta della variante in questione è stata dismessa nel 2015. La dismissione è avvenuta per la variante di tracciato sulla circonvallazione ferroviaria di Udine (p. 74), come si legge nell’Atlante delle linee ferroviarie dismesse, del 2016, edito da Rete Ferroviaria Italiana. La parte di binari interessata è citata con questo nome: “Bivio Pradamano-Udine-Bivio Vat”.
La citata dismissione riguarda la variante di Vat in superficie, in quanto, come precisa Claudio Calligaris, che ha lavorato per diversi anni negli uffici della stazione di Udine “quella tratta ferroviaria ora è interrata ed è molto utile per il traffico ferroviario mercantile da Trieste per Tarvisio, Vienna, che non serve si fermi a Udine”.  Alla domanda sull’anno di costruzione della variante di Vat Claudio Calligaris ha risposto che “è stata costruita dai tedeschi nella seconda guerra mondiale, ne ho conferma anche dal signor Luciano Marioni, che al tempo era mio capo ufficio in ferrovia, l’hanno realizzata  sfruttando parte del materiale rotabile che sarebbe servito per la nuova linea Udine – Portogruaro, poi, su quel tracciato lungo e dritto, fu costruita invece una strada autoveicolare, la cosiddetta ferrata, appunto”. 
Calligaris mi informa, infine, che lo scalo di Via Buttrio, conosciuto nell’ambiente ferroviario in questi ultimi decenni come “Udine Parco” è stato molto utilizzato nelle seconda metà del Novecento per le operazioni di carico e scarico merci e di materiali per l’esercito, carri armati compresi.

“Ricordo che negli anni 1980-1990 – ha concluso Calligaris – a Udine Parco interi treni caricavano materiali, uomini e mezzi per le manovre militari in Sardegna. Ancor oggi Udine Parco viene utilizzato per carico scarico legnami e per il ferro utile all’acciaieria ABS. Comunque a quello scalo facevano e fanno riferimento anche i convogli provenienti da Palmanova, mentre sul lato Venezia ci sono altri due scali, c’è lo Scalo Sacca, utilizzato per il materiale viaggiatori, più o meno dalla stazione a piazzale Cella, poi c’è lo Scalo San Rocco, da piazzale Cella a Via della Valle, che è quasi dismesso”. 

9. Il fantat Rosenberg arrestato a Gorizia nel 1944
Si chiamava Rosenberg e aveva 12 anni. Era un ragazzo, un fantat (in lingua friulana). Viveva da parenti o amici sotto falso nome. Fu arrestato davanti ai compagni di scuola dalle Waffen SS, nella sua classe, presso la scuola media di Gorizia e fu portato via. Non si seppe più nulla di lui, anche dopo la guerra.
Corrado Cagli, Robert e Michael Rosenberg, 1953. Disegno a olio su carta, cm 70 x 50, firmato in basso a destra. Collezione privata, in I. Reale (a cura di), Cagli. Immaginare la libertà, Comune di Udine, Galleria d’Arte Moderna, Firenze, Il Fiorino, 1989, p. 247.

Il testimone di questa tremenda esperienza è il maestro Alfredo Orzan. Nella sua biografia, egli ricorda le continue retate naziste nelle scuole di Gorizia, per scovare e deportare i figli dei partigiani e i ragazzi ebrei che si nascondevano, con un’altra identità, grazie al soccorso di tanti ignoti “Giusti”.
“Son rivâts a scuela i militârs da SS e i republichins – ha detto Alfredo Orzan – ai vedût puartâ via il me compagn di classe a Guriza, in Via dei Cappuccini, al jera a stâ intuna famea cuntun altri non, Rossini o Rossetti, no mi visi ben, ma lui al jera un Rosenberg e al veva dodis agns. Lu àn puartât via a pidadis tal cul e pachis cul manaçon da sclopa, lui al vaiva e chei lu pestavin ancjemò di plui. Al jera dome un fantat” (Sono arrivati alla scuola [media] i militari delle SS e i repubblichini – ha detto A. Orzan – ho visto portare via il mio compagno di classe a Gorizia, in Via dei Cappuccini, era a stare in una famiglia con un altro nome, Rossini o Rossetti, non ricordo bene, ma lui era un Rosenberg e aveva dodici anni. L’hanno portato via a pedate nel sedere e botte col calcio del fucile, lui piangeva e quelli lo pestavano ancora di più. Era solo un ragazzo).
Non si è riusciti a trovare una citazione del bambino Rosenberg, nato nel 1931-1932, nella letteratura consultata, primo fra tutti il libro La Shoah dei bambini, di Bruno Maida. Vi sono vari Rosenberg della Jugoslavia, consultando Internet, nell’Elenco di Ebrei stranieri internati in Italia durante il periodo bellico, secondo i dati del Ministero dell’Interno, ma nessuno nato nel 1930 circa, con riferimenti a Gorizia, come il bambino Rosenberg, invece vi sono vari individui con dei legami con Zagabria.
La Cedarmas scrive sugli ebrei di Gorizia e menziona un Giacomo Rosenbaum, fu Salomone, nato a Zawercze il 20 novembre 1904 e residente in Piazza Tommaseo 29, agente di commercio, di nazionalità polacca (p. 266). Un altro Rosenbaum è di nome Ilario e sta a Monfalcone negli anni 1929-1931, internato a Tarsia, provincia di Cosenza, e ritornato a Gorizia (pp. 137 e 146).
Renata Broggini pubblica un Elenco degli stranieri accolti in Svizzera per motivi “politico-razziali”, dove si può trovare un Robert Rosenberg, nato il 30 luglio 1913 (p. 509), oppure ci sono una Emma Rosenberg nata Colorni il 4 maggio 1879 e un Roberto Rosenberg Colorni nato il 1° luglio 1901, secondo i dossier degli Archivi federali e cantonali svizzeri (p. 483).
Corrado Cagli, Giovane nel lager, 1972. Disegno a olio su carta, cm 34 x 24, firmato in basso a sinistra. Collezione privata, Roma, in I. Reale (a cura di), Cagli. Immaginare la libertà, Comune di Udine, Galleria d’Arte Moderna, Firenze, Il Fiorino, 1989, p. 268.

Ancora Renata Broggini riporta il caso di passaggio da Gorizia di una famiglia di ebrei in fuga, mentre un parente stretto “capitano della milizia”, pur essendo stato avvertito prima “dai suoi amici delle SS” non si preoccupa di salvare i congiunti ebrei. Anzi fa di peggio. È “il genero di mia sorella, marito di sua figlia” – ha raccontato la testimone L.P.B. nel suo Pro memoria per il dopoguerra, scritto a Lugano il 17 novembre 1944 (p. 336). Detto “capitano della milizia” fa veramente una cosa losca. “Vendette tutto quanto i miei avevano messo a suo nome per salvare, ritirò gioielli e denari lasciati da conoscenti e si comperò una tenuta nel Veneto”.
Liliana Picciotto cita alcuni Rosenberg tra i 2844 ebrei rastrellati e concentrati nel Campo di Fossoli, frazione di Carpi, in provincia di Modena, vicino allo snodo ferroviario di Verona, che porta facilmente al Brennero e ai lager in Austria, Slesia e Baviera. Essi furono deportati a Auschwitz, per l’eliminazione (p. 4). Negli elenchi di Fossoli si trovano, tra gli altri, i seguenti deportati a Auschwitz: Lucia Rosenberg, figlia di Giulio, nata il 23 giugno 1900; Sofia Rosenberg, di Isacco, nata il 25 settembre 1878 e Thea Rosenberg, di Oscar, nata il 28 luglio 1928. 
A Fossoli, dunque, c’è l’unico “Campo di concentramento speciale appositamente attrezzato” dalla R.S.I. per ebrei arrestati dagli italiani, come ha ricordato Michele Sarfatti (p. 263).
Nel volume intitolato “Le-zikkaron. In memoria”, a cura dell’Istituto per gli Studi Ebraici della Mitteleuropa e dell’Associazione Amici di Israele, è scritto che furono 76 gli ebrei goriziani, residenti a Gorizia o gli arrestati in provincia di Gorizia, deportati nei lager nazisti. Quasi tutti morirono ad Auschwitz; solo quattro ritornarono a casa (p. 4). Una lapide ricorda tali deportati e uccisi nei lager; è situata dal 1951 nel cortile della sinagoga di Gorizia. Ventidue persone furono arrestate nella notte del 23 novembre 1943. Trentasette di tali ebrei imprigionati furono uccisi nel lager appena scesi dal vagone bestiame, poiché vecchi o bambini. Tra di loro non c’è alcun Rosenberg. Nello stesso testo è menzionato un “quattordicenne” (p. 5), ma egli è arrestato in casa, nella zona del ghetto; deve trattarsi di Giacomo Iacoboni, nato il 26 dicembre 1928 e sopravvissuto al lager di Bergen Belsen (p. 24).
Corrado Cagli, Buchenwald 1945, Disegno a olio su carta, cm 20,5 x 33, firmato e datato in basso a destra: Germany 1945 Cagli, in I. Reale (a cura di), Cagli. Immaginare la libertà, Comune di Udine, Galleria d’Arte Moderna, Firenze, Il Fiorino, 1989, p 193.

Non so se c’entri col fantat Rosenberg, compagno di classe di Alfredo Orzan, ma ho trovato un riferimento a quel cognome con un disegno a olio su carta di Corrado Cagli, che fu tra i primi soldati dell’esercito USA ad entrare nel Campo di sterminio di Buchenwald, nel 1945. L’artista ebreo, nato a Ancona, fece un gran numero di disegni e schizzi dell’orrore che vedeva. Il titolo dell’opera in questione è netto e preciso: Robert e Michael Rosenberg. Anche se riporta la data del 1953, anno della sua composizione artistica, il disegno mostra in modo inequivocabile due ragazzi in un lager. C’è la torretta di controllo con la sentinella armata. Uno dei ragazzi tiene in mano una gavetta o una gamella per la zuppa di rape. Chissà se uno dei personaggi ritratti da Cagli è il fantat Rosenberg di Gorizia?
È appena il caso di accennare al flusso di ebrei germanici che giunge a Gorizia sin dal 1933, come ricordato dalla Cedarmas (pp. 59-60) e da Valerio Marchi nel suo articolo su Elio Morpurgo (p. 229). È scritto che Attilio Morpurgo, presidente della Comunità israelitica di Gorizia è impegnato nella raccolta di fondi per i profughi ebrei provenienti soprattutto dalla Germania. Il presidente Morpurgo si lamenta del fatto che i numerosi ebrei facoltosi di Udine contribuissero in modo “misero”.
Due ebree di Gorizia si salvarono fuggendo in Svizzera; esse sono Lea Pincherle e Mariella Vivaldi. Proprio quest’ultima nel 2000 ha scritto un libro – intitolato La porta della salvezza – dove cita i Rosenbaum che avevano un negozio di stoffe a Gorizia, sulla strada del Castello (p. 13).
Sempre da questa autrice, nata a Gorizia, veniamo a sapere che il vice prefetto di Bolzano il 27 luglio 1943 diede indicazioni a certe famiglie ebraiche, andate ad interpellarlo sulla loro sorte «di partire, di lasciare la città immediatamente» (p. 47). Il fatto incredibile è che, pur sollecitati da racconti strazianti, anche il podestà di Feltre (pp. 80-81) e il prefetto di Venezia aiutarono gli ebrei in fuga dai nazisti, procurando loro documenti falsi (pp. 162-163). 
Sul tema dei documenti falsi si dilunga Tivadar Soros nel suo volume scritto nel 1965 in esperanto, per raccontare, nel cupo scenario dell’occupazione nazista dell’Ungheria, il dramma a lieto fine di una coraggiosa famiglia ebrea. Si tenga presente che a Budapest c’erano 280 mila ebrei. Alla fine della guerra, con l’arrivo dei carri armati russi, dopo le persecuzioni e le deportazioni dei nazisti e dei fascisti ungheresi ne erano rimasti circa 130 mila.

10. Ebrei nascosti, ebrei sopravvissuti al lager
Si salvò dal lager una ragazzina fuggita in queste terre friulane. Il suo nome è Arianna Szörényi, nata a Fiume il 19 aprile 1933. Suo padre, Adolfo Szörényi, ebreo di nazionalità ungherese era nato a Lugos (oggi in Romania) nel 1879. Egli morì in campo di concentramento nazista nel 1944, come sua moglie cattolica, un figlio e altre quattro figlie, come ha scritto Luigi Raimondi Cominesi, nel suo volume sulla famiglia Szörényi.
Sfollata a San Daniele del Friuli nel 1943 la famiglia Szörényi, di nove componenti, a causa di una spia, viene arrestata il 16 giugno 1944 dalle Waffen SS e imprigionata a Udine, dove subì la spoliazione dei beni materiali (pp. 23-25). Portati in camion a Trieste e alla Risiera di San Sabba, forse il 21 giugno 1944 furono caricati su un carro bestiame per Auschwitz, poi finirono a Birkenau. Un parente, Leo Michelutti, va a cercare notizie di loro al comando delle SS a Udine e, addirittura, fino alla Risiera di San Sabba, senza avere risposte. La famiglia viene divisa. A metà gennaio 1945 Arianna subisce uno spostamento a piedi e in treno, sul carro bestiame, per Ravensbrück e, infine, a Bergen Belsen. Qui, a metà aprile 1945 il lager è liberato dalle truppe inglesi.
Roma, 16 ottobre 1943, biglietto recapitato dalle famiglie ebraiche del ghetto, prima della retata nazista. Fotografia da Internet.

Rientrata a San Daniele “senza neanche un fazzoletto”, visse colà fino al 1952, per finire gli studi. Incontra perfino il delatore amico dei nazisti. Egli non fu mai arrestato, epurato, né condannato per ciò che fece. L’unica piccola soddisfazione di Arianna Szörényi fu di sputargli in faccia pubblicamente dicendogli: “Lazzarone, sei tu che hai denunciato la mia famiglia!”. Il caso degli Szörényi è citato nel processo del 1976 sulla Risiera di San Sabba nei confronti del comandante dell’Einsatz Kommando “Reinhard” col Waffen SS August Ernst Dietrich Allers e del suo sottoposto tenente delle Waffen SS Joseph Oberhauser.
È da aggiungere che gli stessi autori italiani della Shoah precisano che alcuni ebrei si diedero alla clandestinità, soprattutto dopo il 1943, con l’Adriatisches Kustenland e la conseguente occupazione nazista del Friuli, della Venezia Giulia, di Trieste, Pola, Fiume e Zara. Altri ebrei si unirono agli sfollati, sfruttando il cambio di nome, con la complicità di certi impiegati italiani, per sfuggire alla retate naziste.
Anche i parroci del Friuli aiutarono gli ebrei a nascondersi. È proprio successo negli ameni paesini del Friuli che alcuni religiosi, assieme ad altri italiani, nascondessero gli ebrei, salvandoli dalle sgrinfie dei nazi-fascisti, come ha raccontato Gianni Strasiotto. L’ebreo Israel Caimo, nato a Rodi nel 1887, viveva nell’ombra nel 1944 a Casarsa della Delizia, in provincia di Udine. Era sposato con Bula, rifugiatasi a San Vito al Tagliamento con la figlia Virginia. Avevano quattro figli: Beni, Elia, Teodoro e, appunto, Virginia. Israel Caimo da Rodi si era trasferito a Istanbul, Parigi e Padova, da dove si era rifugiato infine a Casarsa, senza alcuna annotazione negli uffici dell’anagrafe, dove andavano a cercare le Waffen SS.
Nel mese di ottobre 1944 ufficiali e militi delle Waffen SS lo cercarono a Casarsa, per catturarlo e deportarlo alla Risiera di San Sabba, ma lui era a farsi una lunga passeggiata, che gli salvò la vita. Poi si nascose nella soffitta della canonica di Castions di Zoppola, d’accordo col parroco. L’ebreo Caimo fu salvato da don Giuseppe Cristante, che lo ospitò lì a suo rischio e pericolo su richiesta dell’avvocato Zefferino Tomè, di Casarsa. Si pensi che difronte alla canonica di Castions di Zoppola, dove si nascose l’ebreo Caimo, era installato un ufficio dell’Opera di Vigilanza e di Repressione dell’Antifascismo (OVRA), il servizio segreto fascista. In seguito, per evitare l’arresto, dato che due sgherri dell’OVRA erano riusciti ad adocchiarlo, il Caimo fu ospite del parroco di Rauscedo, don Giovanni Delle Vedove (1899-1976) fino alla fuga dei nazisti.
Udine, Impianti ferroviari Via Romans incrocio Via Capriva.

Una ebrea che si salvò dalla deportazione è una componente della famiglia Bolaffio di Trieste. Ha raccontato la signora Chiara Dorini: «Mio papà Arno Dorini e mia mamma Silvana Chiesa si sposarono nel 1944 a San Lorenzo di Sedegliano, in provincia di Udine. Dalla casa della famiglia Chiesa erano appena andati via i tedeschi della Wehrmacht, che dopo l’8 settembre 1943 avevano stabilito lì il loro comando, lasciando 4-5 stanze per la famiglia proprietaria».
«È incredibile che in casa ci fosse pure mia nonna che era ebrea. – ha detto Chiara Dorini – Quei tedeschi là, tuttavia, non le hanno torto un capello. La nonna era Maria Bolaffio, originaria di Trieste, che morì nel 1995. Aveva sposato Pietro Chiesa, di San Lorenzo di Sedegliano. La famiglia Bolaffio di Trieste ha avuto persone sparite o arrestate dai nazisti e mai più tornate dalla Germania. Mia nonna Maria Bolaffio si salvò, ma non voleva nominare il fatto di essere ebrea, si confidava solo con me. Mi ricordo che chiedevo a mia madre di raccontarmi della nonna Bolaffio, ma mi rispondeva che erano cose vecchie e finiva lì il discorso».
«Mio nonno Pasquale Dorini lavorava al macello di Fiume e abitava con la famiglia in una villa – ha concluso la signora Dorini – perciò una parte della famiglia stava nella città portuale del Cuarnaro. Dopo l’occupazione jugoslava del 3 maggio 1945, nonno Pasquale fu imprigionato dai miliziani titini e, per fortuna, scarcerato dopo pochi mesi. Ma tanti suoi amici furono prelevati dalla polizia e scomparvero. Alla villa c’era stata una perquisizione e ormai si temeva il peggio. Mio papà Arno, che aveva combattuto contro gli jugoslavi, e mia mamma Silvana riuscirono a raggiungermi in Friuli, da altri parenti».

La storia delle famiglie Bolaffio, Chiesa e Dorini, tra Trieste, Fiume e le campagne del Codroipese, è stata riportata nel 2004 da Mario Blasoni sul «Messaggero Veneto».

Chiara Dorini, in primo piano, nell'Oratorio della Purità a Udine, dicembre 2016

Nascondere una ebrea in soffitta voleva dire, sotto i nazisti, essere fucilati se scoperti. È accaduto così a Venezia, in Santa Croce, con esiti positivi durante la seconda guerra mondiale. Protagonista del salvataggio dalla deportazione alla Risiera di San Sabba a Trieste e poi ad Auschwitz, passando per Udine, è stato un poliziotto. Si chiamava Aldo Bon e, assieme alla moglie Francesca Capoduro salvò la vita di Lea Rina Cesana, la giovane ebrea nascosta nel solaio.
Questa vicenda di umanità, che ha per attore principale un dipendente della polizia ferroviaria, è stata raccontata dai figli delle coppie di sposi interessate: Aurelio Bon, di 77 anni e dal settantenne Mirko Ferrari. Il quotidiano di Venezia «Il Gazzettino» l’ha resa pubblica con le parole di Raffaella Ianuale  il 21 gennaio 2017.

Nel sottotetto di casa, in calle delle Procuratie, furono tenuti nascosti agli occhi dei nazi-fascisti e delle loro spie la signora Cesana e suo marito cattolico Giovanni Ferrari. I discendenti di quegli sposi – salvatori e salvati – si sono incontrati di recente per ricordare i 246 ebrei veneziani deportati e uccisi nei lager di Hitler. Essi hanno detto, infine, che il gesto di Aldo Bon e Francesca Capoduro “non svanisca nel nulla”.

11. Il caso di Bruno Piazza, avvocato triestino
Uno che si salvò dal campo di sterminio di Birkenau è l’avvocato Bruno Piazza, che era nato a Trieste il 16 dicembre 1889, dove morì il 31 ottobre 1946. 
Come si legge nelle enciclopedie, nell’articolo di Antonio Antonucci su «La Stampa» nel mese di ottobre 1945 e nel web, egli è stato testimone diretto delle camere a gas. Avvocato e giornalista, apparteneva a una famiglia ebraica di tradizione irredentista che si era distinta per l’annessione di Trieste all'Italia. Figlio di Giulio Piazza e Olga Frankel, si sposò con Angela De Job, da cui ebbe tre figli. Aveva un fratello minore, Alceo, anch’egli deportato ad Auschwitz, dove morì.
Bruno Piazza è stato iscritto al Partito Nazionale Fascista dal 1922. Ha esercitato l’attività di pubblicista e la professione legale con successo fino al 1938, quando fu radiato dall’albo, in seguito alle Leggi Razziali. Venne arrestato a Trieste il 13 luglio 1944 con l’accusa di “odiare i tedeschi” e di essere “di razza ebraica”, come scrisse lui stesso nel suo memoriale. Detenuto alla Risiera di San Sabba, dopo alcuni giorni venne trasferito alle carceri triestine del Coroneo. Il 31 luglio 1944 fu caricato su un convoglio diretto ad Auschwitz, dove arrivò dopo tre giorni, ricevendo il numero 190712 e venne classificato tra i prigionieri politici; per questo motivo, al contrario di come accadeva a tutti gli ebrei con più di 50 anni, non fu eliminato subito dopo il suo arrivo.
Selezionato da Josef Mengele per l’eliminazione il 19 settembre 1944, trascorse un intero giorno insieme a 800 persone stipate nella camera a gas in attesa della morte. All’ultimo momento venne letta una lista di undici persone che dovevano uscire in quanto prigionieri politici o ebrei misti; il suo era l’ultimo nome, come ha scritto nel memoriale citato. Riuscì a sopravvivere ad Auschwitz-Birkenau fino alla liberazione del campo da parte dell’esercito sovietico, avvenuta il 27 gennaio 1945.
Marcello Tomadini, Benjaminovo 12-17 marzo 1944 – Dopo oltre trenta ore di chiusura nei carri bestiame, ci fanno scendere a piedi scalzi, sulla neve, per soddisfare le necessità corporali, in Marcello Tomadini, Venti mesi fra i reticolati, LX tavole con prefazioni di don Pasa e Guglielmo Cappelletti, Vicenza, Editrice Società Anonima Tipografica, 1946.

Al suo ritorno a Trieste nel 1945 ritrovò tutti i suoi familiari, fortunosamente salvatisi. Scrisse in sole tre settimane di intenso lavoro tra giugno e luglio di quello stesso anno un libro-documento, lucido e dettagliato resoconto della sua esperienza, intitolato Perché gli altri dimenticano, ma diversi editori si rifiutarono di pubblicarlo. Morì per un attacco di cuore nel 1946. I figli Brunetto e Maria Luisa, dopo dieci anni dalla sua morte, riuscirono a far pubblicare la sua testimonianza, nelle edizioni Feltrinelli.
L’opera di Bruno Piazza fu uno dei primissimi memoriali scritti da deportati ebrei nei campi di sterminio nazisti. 
Oltre a Bruno Piazza, sette furono i deportati ebrei italiani autori di racconti autobiografici nei primi anni del dopoguerra: Lazzaro Levi alla fine del 1945, Giuliana Fiorentino Tedeschi, Alba Valech Capozzi, Frida Misul e Luciana Nissim Momigliano nel 1946, e infine nel 1947 il celebre Primo Levi e Liana Millu. Ad essi vanno aggiunti: Luigi Ferri, la cui deposizione (in tedesco) è resa nell’aprile 1945 di fronte ad uno dei primi tribunali d’inchiesta sui crimini nazisti e Sofia Schafranov, la cui testimonianza fu raccolta nel 1945 in un libro-intervista di Alberto Cavaliere, come si legge nel web.
Marcello Tomadini, Sandbostel 1944 – In alcune baracche sono attrezzate le “conigliere”, in Marcello Tomadini, Venti mesi fra i reticolati, LX tavole con prefazioni di don Pasa e Guglielmo Cappelletti, Vicenza, Editrice Società Anonima Tipografica, 1946.

12. Quattro vagoni di ebrei a Udine sud
Quasi con lo stesso titolo Rina Bernardinis dedica all’argomento due pagine di un suo memoriale, edito nel 1982. È una testimone eccellente, poiché in veste di crocerossina alla stazione di Udine ha visto i convogli ferroviari per il trasporto di ebrei e di prigionieri militari italiani. Tali tradotte erano posizionate, come scrive non a caso l’autrice “lontano dalla vista di tutti”. Forse sarà per questo motivo che molti degli intervistati del quartiere di Baldasseria – Udine sud, che riportano i loro ricordi, oppure quelli dei genitori, zii e nonni, non hanno mai sentito parlare di treni di ebrei o altri deportai in transito e in sosta nella zona di Via Monfalcone, Via Romans e Via Buttrio, come hanno detto Danila Braidotti, Luciano Gon, Teresa Novelli, Claudio Calligaris e Giorgio Romanello.
“A jerin lis sfoladis di Pola – ha detto Danila Braidotti, di Pagnacco – che a vivevin tes barachis a Felet, ma no ai mai sintût fevelâ di ebreus, ni sfolâts, ni puarâts vie dai todescs cui vagons dal treno” (C’erano le sfollate di Pola che vivevano a Feletto [Umberto, frazione di Tavagnacco, confinante con Udine], ma io non ho mai sentito parlare di ebrei, né sfollati, né portati via dai tedeschi coi vagoni del treno).
Il sito citato dalla Bernardinis è proprio a Udine sud, nell’area dello scalo ferroviario, tra Via Buttrio, Via Pradamano e Via Monfalcone. Lì stazionarono i treni merci provenienti dalla Risiera di San Sabba o dal Carcere triestino del Coroneo, per il trasporto di ebrei e di altri prigionieri dei nazisti.
Si precisa, tuttavia, che talvolta gli ebrei sono catturati dalle milizie italiane, dopo l’8 settembre 1943. Come ha raccontato Ida Marcheria a Roberto Olla: “Gli italiani ci hanno preso. Ci hanno portato al carcere di Trieste, al Coroneo. Erano italiani. I tedeschi li abbiamo visti pochi giorni prima di partire per la Polonia” (p. 10).
Posto di blocco tedesco nei pressi di Tarcento,  1944.  Da: Rina Bernardinis, Nel mio autunno ricordo, Udine, Giovanni Aviani, 1982, p. 145, che si ringrazia per la pubblicazione.

Con tutta probabilità i quattro vagoni visti a Udine sud dalla crocerossina Bernardinis e dai suoi colleghi sono quelli che effettuarono il trasporto del 28 marzo 1944. In quella data parte uno dei  convogli dalla Risiera di San Sabba, per giungere ad Auschwitz il 4 aprile successivo. Dei 300 triestini partiti, ben 62 muoiono durante il viaggio, secondo Walzl (pp. 252-254). Quattro vagoni bestiame possono contenere 70-75 individui ciascuno, ben stipati. In totale fanno 300 persone, secondo la forsennata programmazione nazista. L’evento riportato qui di seguito è comunque ambientato nel 1944.
«Nessuno aveva segnalato al Posto di Pronto Soccorso della stazione di Udine – scrive Rina Bernardinis – l’arrivo di quel treno. Le disposizioni erano state impartite in sordina, dalla superiore autorità tedesca, direttamente ai propri dipendenti.
Quattro vagoni staccati dal convoglio al cosiddetto “scalo Buttrio”, erano finiti su un binario morto, lontano dalla stazione, lontano dalla vista di tutti.
Erano i vagoni degli ebrei, di quelli più sfortunati che non avevano avuto una porta amica a cui bussare o non avevano osato rivolgersi agli amici, per non esporli alle feroci rappresaglie naziste, in caso di delazioni, perquisizioni, rastrellamenti.
Numerosi della zona di Trieste e nei paesi vicini, avevano visto esplodere l’odio contro di loro, in una caccia di casa in casa, in tutti i quartieri.
Gli Italiani che si adoperavano per salvarne qualcuno, operavano con la coscienza di chi si ribellava all’iniqua discriminazione razziale e non intendeva essere complice, neppure passivo, dell’antisemitismo fascista.
Ma non tutti avevano il coraggio e meno ancora avevano la possibilità materiale di concretizzare i salvataggi nelle buie cantine della città o negli sparsi casolari della campagna o, meglio ancora, in quelli della montagna.
Udine 1938, Piazza Vittorio Emanuele II (poi Piazza Libertà), crocerossine e militi della CRI, in servizio di beneficenza, con il presidente CRI professor Enrico Morpurgo, figlio di Elio, di famiglia ebraica, primo a sinistra; la terza a sinistra è la professoressa Bernardinis. Da: Rina Bernardinis, Nel mio autunno ricordo, Udine, Giovanni Aviani, 1982, p. 128, che si ringrazia per la pubblicazione e diffusione.

***
Il uno dei suoi frequenti giri d’ispezione, mai autorizzati, ma sempre assai proficui, don [Domenico] Cattarossi, attivo, silente collaboratore, aveva scoperto quei quattro vagoni. Era rapidamente arrivato in sede a dare l’informazione. Il personale non aveva indugiato a predisporre ogni cosa per un’assistenza efficiente. E di assistenza dovevano avere veramente bisogno quegli infelici, poiché la permanenza nei vagoni, nonostante la breve distanza fra il luogo di partenza e quello della sosta, durava già da alcuni giorni.
Il colloquio con la “superiore autorità” – che fu evidentemente sorpresa della nostra scoperta – per un avvicinamento del convoglio alla sede di servizio, rimase infruttuoso.
Nel frattempo i militi e le crocerossine avevano sistemato su due carretti, reperiti nei dintorni, il materiale sanitario e generi vari di sussistenza, non deperibili di cui disponevano.
La comitiva si mosse immediatamente, infermiere in testa, verso il luogo indicato, alquanto scomodo per il lavoro. A un tratto, uno dei frequenti allarmi obbligò in tutta fretta, a rientrare.
Non era ancora spento il sibilo della sirena del cessato pericolo, quando, pronti sull’uscio per ripartire, vedemmo passarci davanti un convoglio, a velocità moderata, ma in ripresa.
In coda c’erano i vagoni degli ebrei, evidentemente portati in stazione, con imprevedibile, rapidissima manovra, durante l’allarme. Un’atroce beffa.
Gli sguardi e i saluti di quei poveretti, stipati ai finestrini, sembravano volerci dire: “Grazie! Non siete riusciti a darci il vostro aiuto materiale, ma vi siamo ugualmente grati. La vostra intenzione, il vostro pensiero, sarà per noi una scintilla di luce nel buio dell’avvenire che ci attende”.
Seguimmo con lo sguardo quel treno, finché fu solo un puntino nero, che infine scomparve».
Ci sono altre fonti a conferma del passaggio di molti deportati nel 1944-1945 allo scalo di Via Buttrio a Udine per i treni della morte. La testimonianza di Mauro Drigo raccolta da Italo Tibaldi (p. 225) è riferita al trasporto del giorno 11 gennaio 1945; il testimone cita un giorno diverso, precisando “mi pare”.
«Siamo partiti dalle carceri di Udine – ha riferito Mauro Drigo – allo scalo merci eravamo in tanti. Il treno merci era lungo; era, mi pare, il giorno 14 gennaio 1945. I vagoni vennero piombati e scortati dalle SS e dalla polizia di Trieste la Sipo… giungemmo in Germania, nel campo di Flossenbürg, Comando di Hersbruch, il giorno 29 gennaio 1945. Mi fu assegnato il n. 41747 di matricola». I deportati sono circa 489. Identificati sino al 1984: 110. È lo stesso viaggio che toccò fare a Federico Esposito, come ha riferito il sopravvissuto a Flavio Fabbroni (p. 55), che si riproduce in altra parte del saggio presente.
Sullo stesso libro di Italo Tibaldi si può leggere un racconto più dettagliato riguardo alla partenza dei prigionieri dei nazisti, riferito al 1945. «Il 1° febbraio venni trasferito – ha affermato Ermes Visintini a Italo Tibaldi – insieme ad altri prigionieri di Via Spalato allo scalo ferroviario di Udine, dove trascorremmo la notte e parte del giorno successivo, stipati in cento per ogni vagone. Il giorno 2 febbraio arrivarono da Via Spalato altri 200 carcerati; fummo ripartiti in cinquanta per vagone e si partì per Mauthausen. Ad una stazione austriaca (Villaco, credo) vennero agganciati ai nostri vagoni quelli contenenti altri 600 prigionieri provenienti dal carcere Coroneo di Trieste». Il convoglio giunge a Mauthausen il 7 febbraio 1945, sotto scorta dei tedeschi e dei cosacchi, loro alleati, fino al campo di sterminio, che fu comunque liberato dall’esercito degli USA il 5 maggio 1945.
Altri ebrei uccisi in Germania nel Campo di concentramento e  passati per le carceri di Udine sono i goriziani Pincherle (Olga, Emilia e Samuele), come ha raccontato Mariella Vivaldi: «i loro nomi sono ora incisi nel marmo della lapide che si trova sul muro della sinagoga di Gorizia» (p. 182).

13. Trattamento degli ebrei nei campi di concentramento nazisti
Sin dal primo dopo guerra in città e nel Friuli si hanno dei ragguagli di come venivano trattati gli ebrei nei campi di concentramento nazisti. Nell’articolo intitolato Parla un superstite di Mauthausen, pubblicato su «Libertà»  del 23 giugno 1945, a pagina 4, un deportato, tale Domenico Castiglione, imprigionato il 5 febbraio di quell’anno racconta la sua testimonianza. «Fummo trasportati in maniera bestiale, 50-60 per vagone, chiusi per tre giorni senza mangiare e senza bere». Nel campo di sterminio il cibo consisteva in una zuppa di rape essiccate e scorze di patate, un pezzetto di margarina e 100 grammi di pane.
Marcello Tomadini, Sandbostel 1944 – Giungono al campo le donne polacche che presero parte all’insurrezione di Varsavia. Molte morirono durante il lunghissimo viaggio fatto a piedi, in Marcello Tomadini, Venti mesi fra i reticolati, LX tavole con prefazioni di don Pasa e Guglielmo Cappelletti, Vicenza, Editrice Società Anonima Tipografica, 1946.

Poi il racconto precisa il trattamento riservato agli ebrei dalle guardie naziste del campo di Mauthausen. «Gli ebrei vennero uccisi tutti. Quelli che resistevano, venivano chiusi in un recinto nudi e innaffiati per ore con un pompa. Morivano di congelamento urlando come pazzi. In mezzo ad essi c’erano anche vecchi e bambini sotto i dieci anni». Poi Castiglione descrive le camere a gas del “Campo 3”, i cadaveri gettati nel forno crematorio. «La SS fuggì il 4 maggio – conclude la testimonianza – e il 5 giunsero gli alleati e la sospirata liberazione».  
Sullo stesso giornale quotidiano, il 27 giugno 1945, si può leggere un articolo firmato solo dal nome, tale Carlo, riguardo al campo di sterminio di Dachau. I deportati giungono a Dachau il 28 febbraio 1945 alle 11 del mattino, dopo quattro giorni di viaggio, chiusi senza cibo, in carri bestiame. Otto compagni di viaggio sono caduti sotto le pallottole della scorta repubblicana fascista durante un tentativo di fuga fra Pontebba e Tarvisio. “Chi ha sparato più rabbiosamente è stato un siciliano, certo Morredu”.

14. Le due sorelle ebree di Grado, 1944
Sono state nascoste dalla gente di Grado, in provincia di Gorizia. “Erano due sorelle ebree – ha raccontato Eva Ebner – e nel 1944 lavoravano in un negozio di bigiotteria, giocattoli e abbigliamento da spiaggia all’inizio del viale che unisce il porto alla spiaggia, dove si trova anche la pasticceria Panciera, ma questa è sull’altro lato della strada; la mia mamma mi aveva portato al mare da Tarcento, in provincia di Udine, dove abitavano in quel tempo”.
Queste due sorelle ebree avevano addirittura un negozio aperto al pubblico, come facevano a nascondersi dalla caccia dei nazisti? E poi si sono salvate? Come si chiamavano? “Sì, si sono salvate – ha risposto la professoressa Ebner – perché le ho viste anche negli anni del dopoguerra, sai il medico diceva a mia madre che mi avrebbe fatto bene l’aria di mare, così il papà ci portava in un piccolo albergo difronte al negozietto delle due sorelle  ebree, me le ricordo ancora, una era magra, mentre l’altra era paffuta e ben in carne; ecco negli anni 1949-1950, mi pare, avevano trasferito l’attività commerciale in fondo al viale, a destra, verso la spiaggia. Non saprei dire il loro nome, mi ricordo che i gradesi dicevano che erano ebree e che la gente del luogo aveva tenuto nascosta la loro origine, così si sono salvate. Ho ancora un paio di orecchini comprati da loro”.

15. Altri racconti delle fonti orali, 1943-1945
La prima persona che mi parlò di una retata nazista nel quartiere ebraico di Fiume, in realtà mi stava raccontando i fatti dell’esodo degli italiani dalla città del Cuarnaro, dopo il giorno 8 settembre 1943. Con questa digressione ebbi conferma che la Shoah passò per Udine, Gemona e Tarvisio. “I tedeschi presero donne, bambini ed anziani – ha detto la signora N.C. – e li portarono via con i camion. Nei giorni successivi altri camion e uomini in divisa per caricare mobili, merci ed ogni cosa. Si portarono via tutto, non lasciarono neanche uno spillo”. Si può vedere, in merito, una lettera alla redazione di un quotidiano: E. Varutti, Fiume 1943, «Il Manifesto», 5 luglio 2001.
Alcune donne friulane si organizzarono, andando nelle stazioni a vedere i treni di ebrei diretti in Germania, per dare qualche aiuto, un po’ d’acqua, portandosi i bambini come copertura e perché aiutavano a raccogliere dei biglietti lanciati dai finestrini dei vagoni merci prima dell’arrivo delle guardie tedesche. Tutto ciò emerge dal film documentario di Paolo Comuzzi e Andrea Trangoni, in titolato: Cercando le parole. La disubbidienza civile delle donne friulane di fronte all’8 settembre 1943.
Marcello Tomadini, Belsen 1945 – Uno dei forni crematori ove furono gettati, dopo essere stati asfissiati coi gaz, migliaia di uomini e donne perché inabili al lavoro, o perché si rifiutavano di lavorare per la Germania, in Marcello Tomadini, Venti mesi fra i reticolati, LX tavole con prefazioni di don Pasa e Guglielmo Cappelletti, Vicenza, Editrice Società Anonima Tipografica, 1946.

Sentiamo altre fonti. “Era il 1943-1944 – ha detto Alessandro Pirani – e mia madre Maria Teresa Mezzavilla ricordava che a Tarvisio, dai treni, i prigionieri lanciavano dei biglietti con l’indirizzo dei loro familiari, poi le donne friulane organizzate scrivevano a quegli indirizzi, avvertendo che il familiare ebreo era passato di lì”. 
Un’altra fonte orale, in certe ricerche scolastiche, ha riferito i ricordi della sua famiglia. È il professor Ezio Cragnolini, nato a Gemona del Friuli, in provincia di Udine, nel 1955, da me e dagli allievi dell’Istituto “Bonaldo Stringher” di Udine intervistato il 28 novembre 2007. “Mia madre – ha detto Cragnolini – raccontava di certi treni carichi di gente, che si lamentava nei carri bestiame fermi in stazione a Gemona, nel 1943-1944, e lei assieme ad altri gemonesi davano un po’ di uva, presa dai filari lì vicino, e un po’ di frutta dai finestrini a quei poveretti, che erano italiani [ebrei di Fiume]”.
La signora Anna Chiavon di Udine ricordava che da bambina aveva visto “transitare a Udine i treni di ebrei per la Germania quando, con altre bambine, andavo al passaggio a livello di Via Cividale per guardare i treni e a salutare i passeggeri”. I bambini, ingenuamente, salutavano quei prigionieri che passavano lentamente nei carri bestiame, senza rendersi conto di ciò che stava avvenendo. Li stavano deportando ad Auschwitz e Dachau.
La signora Rina Menis, di Artegna, morta novantenne pochi anni fa, ricordava di aver visto gli ebrei nei vagoni merci alla stazione di Artegna, in provincia di Udine, durante la seconda guerra mondiale, come riferisce il nipote Giorgio Ganis.
Il testo della seguente fonte orale è stato reperito in Internet. «Sono stata presa prigioniera e portata a Trieste a sedici anni – ha detto Bianca Torre, di Turriaco, in provincia di Gorizia – il 24 maggio 1944 assieme allo zio Angelo e al cugino Aldo, poi trasferita ad Auschwitz. A Udine i miei familiari sono arrivati con una valigia e vestiario per me. Mia sorella e mia zia mi davano la roba attraverso la grata del vagone piombato. Poi hanno aperto il vagone e mi hanno dato l’intera valigia. Non so come sono riusciti a sapere che ero in viaggio. Il treno non viaggiava veloce e mi ricordo che in prossimità dei nostri paesi tutti buttavano fuori dei bigliettini di saluto per i propri cari. Ho visto bambini di 8 anni, donne e vecchi con le stampelle. Con noi c’erano quattro ebrei, due femmine e due maschi»
Udine,  al centro si nota Via Buttrio,  con lo scalo e la linea ferroviaria proveniente da Gorizia Trieste,  Comune di Udine, Istituto Geografico Militare (prima edizione 1882),  particolare, 1928.

È presumibile che l’incontro dei familiari di Bianca Torre sia avvenuto nello scalo merci di Udine, tra Via Buttrio, Via Romans e Via Monfalcone, poiché i treni venivano fatti attendere in quell’area, per non occupare i binari della stazione. Tra l’altro nella stazione, nel 1944, dovevano esserci varie sentinelle militari naziste oltre alla polizia ferroviaria italiana, mentre era più facile consegnare oggetti dai finestrini dei carri bestiame piombati allo scalo ferroviario, poco o per niente controllato. Addirittura alcuni congiunti “hanno aperto il vagone piombato”, segno di scarsi controlli militari. Anziché scappare, i prigionieri sono lieti di ricevere una valigia, vestiario e cibo, tanta era la fiducia malriposta nelle autorità.
Come mi hanno detto meravigliati alcuni agricoltori della zona di Udine sud: “Ma è possibile che la Shoah sia passata vicino alle cumieres di Baldassarie? Le “cumieres”, in lingua friulana, sono le porche, o strisce di terra rilevata e coltivata, con solchi ai lati per raccogliere l’acqua. È una sistemazione tipica sia degli orti coltivati dai contadini, sia dell’orto casalingo. Ebbene la Shoah non passa solo in Baldasseria, sobborgo meridionale di Udine e, come si è già visto, a Tarvisio, Artegna, Gemona del Friuli, Pinzano (oggi in provincia di Pordenone), ma anche a Tarcento, come ha detto Giuseppina De Luca, nel 1968, a un giornalista del «Messaggero Veneto», che si firma con D.L., solo con una sigla.
Per certi ebrei ed altri detenuti il fatto di non fuggire dai treni della morte o dai campi di concentramento, pur avendone l’occasione, rappresentò un errore fatale. Il Campo di concentramento per ebrei di Servigliano Marche, in provincia di Ascoli Piceno, fu uno dei pochi ad essere preso d’assalto dai partigiani di Giustizia e Libertà nel maggio 1944, così che gli internati potessero evadere. “Non tutti però fuggirono: alcuni, timorosi di non trovare di sopravvivere e non sapendo a chi rivolgersi – scrive Liliana Picciotto – piuttosto che darsi alla macchia, preferirono rimanere a Servigliano” (p. 125). Poi furono concentrati a Fossoli e, quindi, ad Auschwitz.
Un’altra fonte orale ricorda che a Udine nel periodo 1943-1945 “mia madre andava a prendere i biglietti degli ebrei lanciati dai vagoni merci chiusi e piombati – ha detto Giorgio Stella, di Udine – lei si chiamava Maria Maiolini, era nata nel 1922 ed è morta nel 2015, diceva che quella gente si lamentava molto, il treno passava lentamente al passaggio a livello di Sant’Osvaldo, precisamente in Via della Valle, dove adesso c’è un sottopassaggio, poi le donne udinesi spedivano i messaggi di saluto agli indirizzi scritti dai prigionieri in quei biglietti”.
Udine, sottopasso di Via della Valle, in precedenza c’era il passaggio a livello, dove sono stati visti i treni di ebrei, 2016.


Un’altra fonte eccezionale sull’aiuto dato ai prigionieri dei nazisti a Udine diretti ai campi di concentramento è senza dubbio la signora Clelia Messina, nata il 13 novembre 1917. Come ha scritto Giacomina Pellizzari sul «Messaggero Veneto» del 15 gennaio 2017. Era il 1945 e Clelia Messina, abitante in Via Medici – a Udine sud - pur di sfamare i deportati, con la sua bicicletta, andava a chiedere del cibo ai contadini di Pradamano e di Cussignacco.
Poi con altre donne andava in stazione per passare quel cibo ai prigionieri italiani, stipati nei vagoni bestiame, mentre qualche guardia tedesca lasciava fare, ma qualcuno sparò. In stazione c’era il caos – segno che le donne e le ragazze che aiutavano i deportati erano davvero tante – e la signora Clelia voleva distribuire una minestra con un pentolone. «I prigionieri ci chiamavano mamma, la guardia sparò e il proiettile mi sfiorò le gambe. Da allora non ho più visto un film di guerra».
Si riporta un altro racconto sull’aiuto dato ai prigionieri stipati nei carri bestiame. «Mia mamma era una ragazzina che abitava in Via Napoli, a Udine – ha comunicato Fabio Galimberti, di Martignacco – diverse volte ha portato, a suo rischio, di nascosto delle patate che tirava contro le piccole finestrelle dei vagoni. E molte volte ha raccolto i bigliettini che cadevano da queste aperture per portarli a un sacerdote. Si ricorda ancora bene quegli avvenimenti». 
Ecco una storia riferita da un esule di Fiume a Genova. È il racconto di Graziella Superina, riportato da Aldo Tardivelli, suo marito: «Avevo tante amiche a Fiume che frequentavano la stessa classe della scuola elementare “Dante Alighieri”. Una fra queste, Elena, ebrea, compagna di banco e di giochi. Il più delle volte, durante la sosta delle lezioni nell’ora della ricreazione mi offriva una parte della sua merenda, che era un po’ più sostanziosa della mia. Le lezioni in classe procedevano regolarmente fino l’ora della religione cattolica, quando la mia (povera) amica doveva uscire dalla classe e attendere, in solitudine, nel corridoio la fine della lezione».

«Purtroppo, e con sicurezza, temo, che fra gli ebrei scomparsi per sempre nel 1943-1944, ci sarà stata, certamente, anche l’amica Elena. Sarà andata ad infoltire l’elenco, incredibilmente lungo, di altre migliaia d’infelici della nostra città, a trovare la morte nei Campi di concentramento nazisti».

16. Ebrei, soldati e partigiani italiani a Dachau 1944-1945
In una famiglia di Baldasseria, suburbio di Udine, c’è un parente militare italiano della Sicilia imprigionato e spedito a Dachau. “Si chiamava Alfonso Pendino e faceva l’insegnante – ha detto Teresa Novelli, di Udine – i tedeschi l’hanno preso e portato a Dachau, poi è ritornato qui da noi a Udine che era magrissimo. Mi ricordo che mio papà, che era Luigi Novelli, nato a Buttrio nel 1882 e morto nel 1958, lavorava in ferrovia e mi parlava dello scalo merci, ma non ricordo vicende collegate agli ebrei, diceva di aver visto tanti soldati... A bombardavin il tren e si butavin jù tal cjamp (Bombardavano il treno e la gente si buttava giù nel campo). Mio papà per lavoro, nel 1944-1945, andava fino a Trieste, Treviso e Tarvisio. Abitavamo in Via Pradamano al numero 45… e cuanche al rivave Pippo, il me om, Torribio Marioni, al cjapave la vacjute Bise pe cuarde e a scjampavin fin a Pradaman (Quando arrivava Pippo [aereo mitragliatore noto nella seconda guerra mondiale] il mio uomo prendeva la mucca Bise alla corda e scappavano fino a Pradamano)”.
“Me pari Gino, di Baldassarie, al jere militâr in Albanie – ha detto Luciano Gon – e dopo l’8 settembre i superiôrs a son sparîts e lui nol saveve dulà lâ e al è restât in caserme, cussì lu àn cjapât i todescs e menât sù fin a Dachau, and’à viodudis di ducj i colôrs, ma nol à mai volût fevelât cun me di chel periodi di vuere” (Mio padre Gino, di Baldasseria, era militare in Albania e dopo l’8 settembre i superiori sono spariti e lui non sapeva dove andare ed è rimasto in caserma, così lo hanno preso i tedeschi e deportato fino a Dachau, ne ha viste di tutti i colori [violenze e cattiverie], ma non ha mai voluto parlare con me di quel periodo di guerra).

Lo sfacelo del regio nonché imperiale esercito sabaudo, dopo il giorno 8 settembre 1943 è stato ben inquadrato in poche righe da Francesco De Gregori, capitano degli Alpini e partigiano delle Brigate Osoppo col nome di battaglia di “Bolla”, fucilato il 7 febbraio 1945 alla malghe di Porzus dai partigiani comunisti. Dopo l’armistizio: altro che “Tutti a casa!”. Secondo De Gregori la reazione ai tedeschi poteva starci, come si legge nell’articolo “Introduzione d’un libro interrotto dalla morte”, pubblicato postumo nel 1949.
Finì a Dachau, come tanti altri militari italiani, pure Alberto De Grandi, di origine trentina. Mi raccontava che il suo internamento era iniziato dopo il giorno 8 settembre 1943, quando i nazisti presero prigionieri i soldati italiani in Bosnia. Alberto ricordava Zara, perché nel 1940 era stato nelle caserme della città italiana della Dalmazia. Poi aveva dovuto andare a Bihać, in Bosnia Erzegovina dove, ogni sera, i partigiani tiravano colpi di fucile contro le sentinelle del fortino italiano. Dopo il 1943 vide i soldati italiani che scambiavano il loro fucile con i bosniaci per un pezzo di pane, da tanta fame che avevano.
Portato in campo di concentramento tedesco, si sentì proporre di aderire alle milizie della Repubblica Sociale Italiana (R.S.I.), oppure alle Waffen SS. “Non ne potevamo più della guerra – diceva Alberto – così furono ben pochi ad arruolarsi, alcuni di loro lo fecero per mangiare o per tagliare la corda alla prima occasione, però accettai di lavorare come contadino, come altri commilitoni, solo sperando di mangiare meglio e ci trasportarono a Königsberg, in russo: Kaliningrad… ma noi eravamo operai, così la sentinella ci riempiva di botte col calcio del fucile, quando sbagliavamo di attaccare il cavallo al carro… noi ridevamo e i tedeschi giù botte. Poi siamo evasi, viaggiando clandestini sui vagoni merci, ma nel centro dell’Europa ci hanno ripresi e portati a Dachau, da dove sono sopravvissuto. Ah, quello che ho visto nel campo di concentramento, tante violenze, uccisioni di ebrei, freddo, fame, cumuli di cadaveri, i forni crematori, le partigiane slave, i prigionieri francesi coi pacchi viveri dei familiari. Bisogna solo aver provato per credere”.
In base alla biografia di Paolo Spezzotti (Cividale del Friuli 1914 - 2014), sottotenente del Reggimento cavalleggieri “Alessandria” di Palmanova, si sa che il 14 settembre 1943, rimasto senza ordini superiori, su suggerimento del maresciallo dei carabinieri si dileguò dalla sua caserma, mentre in città entravano le forze d’invasione tedesche. Come ha scritto Liliana Cargnelutti, il sottotenente Spezzotti viene fermato a Udine dai tedeschi il 19 gennaio 1945, assieme al padre Luigi Spezzotti, senatore del Regno. I due sono imprigionati e interrogati nelle carceri di Via Spalato. Il 24 febbraio 1945 da Trieste partì un treno di deportati che sostò a Udine, per far salire Paolo Spezzotti con altri detenuti politici, militari italiani e qualche donna (p. 25).
Paolo Spezzotti, Narciso Ferroli, Alfonso Zamparo, secondo Italo Tibaldi (pp. 121-122) fanno parte del convoglio n. 121, partito da Trieste il 24 febbraio 1945 e giunto a Dachau il 28 febbraio seguente. Totale deportati 324, di cui 71 identificati. Superstiti al 1984 risultano: 53.
Ritorniamo a Dachau. L’orrore del campo di concentramento non è vissuto da Paolo Spezzotti solo nei mesi di marzo e aprile 1945, perché anche dopo la liberazione, avvenuta il 29 aprile 1945 con l’intervento delle truppe degli Stati Uniti d’America, dovette pensare con altri ex internati alle numerose salme insepolte del lager, sotto la guida degli alleati. L’odissea non è finita, a Dachau difronte ai soldati USA ci sono 33 mila sopravvissuti e oltre 7 mila cadaveri. “Ci vollero tre giorni di lavoro con l’impiego di una decina di carri agricoli, per portarli nelle fosse comuni” (p. 26). Poi siccome non ce la faceva più, decise di fuggire, assieme ad altri due friulani, come ha scritto nel 2005 nella sua Cronaca di viaggio. Il suo rientro in Friuli avvenne con mezzi di fortuna: a piedi, con un camion, in tram, su vagoni bestiame, su un carretto trainato da un asino… (pp. 54-64).
Il dottor Mario Savino, vice commissario di Pubblica Sicurezza. Collezione famiglia Savino, Udine.

Un altro milite italiano “conobbe gli orrori di Dachau, Ebersen e Mauthausen”, come si legge sul quotidiano «Libertà» 13 marzo 1946. Si tratta di Mario Savino, vice commissario di Pubblica Sicurezza a Udine. Catturato dai nazisti con l’accusa di collaborazione col movimento partigiano, fu deportato nei lager dove trovò la morte. “Non piangere, che tanto tornerò” – disse dal vagone alla fidanzata a Udine, mentre lo stavano portando via, assieme a un  gruppo di alcuni suoi colleghi poliziotti. La fidanzata, la signora V., nata nel 1924 a Tarvisio, conoscendo la lingua tedesca, venuta a conoscenza su dove si trovasse, non si perse d’animo e volle raggiungerlo, assieme ad una sorella, per portargli un pacco di vestiario e di viveri, come ha raccontato Clelia Savino. Il vice commissario aveva chiesto alla fidanzata un pacco di farina di carrube, forse per avere qualcosa di molto nutritivo, con buone calorie (tra il 50 e il 60% di zucchero) e di facile assimilazione in prigionia.
Udine,  Cortile della Questura,  Lapide commemorativa degli otto deportati nei campi di concentramento, dove è citato tra gli altri il dottor Mario Savino, vice commissario di Pubblica Sicurezza.  Collezione famiglia Savino, Udine.

La signora V. e la sorella giunsero fino al Campo di concentramento di Ebersen, sotto-campo di MauthausenTrovato uno che lavorava nel campo stesso, furono consigliate di andare via, altrimenti avrebbero preso pure loro. Lasciarono il pacco, ma non seppero più nulla del dottor Mario Savino, cui oggi è dedicata una lapide nel cortile della Questura di Udine.  Mario Savino era nato a Pozzuoli (Napoli) nel 1914 e morì a Mauthausen il 15 marzo 1945.
Tra i poliziotti italiani c’era un briciolo di umanità nel trattamento degli ebrei incarcerati dai nazisti con l’ausilio servile degli apparati militarizzati della R.S.I., come le Brigate Nere. A Torino, nel 1945, all’Ufficio Razza, presta servizio tale Conti, funzionario di carriera, come ha scritto Sarfatti. Ebbene detto Conti cerca di “lenire quanto possibile le pene degli ebrei arrestati o detenuti presso le carceri” (p. 357). Addirittura ne ottiene la scarcerazione in modo disinteressato e senza ammettere alcuna forma di riconoscenza. Udine, Torino, Nizza e Fiume non sono casi isolati di questure con un po’ di umanità dentro la guerra.
Pure nelle prigioni di Udine c’erano dei poliziotti vicini al Comitato di Liberazione Nazionale, in collegamento con i detenuti politici. “Dentro il carcere – ha scritto Ferdinando Pascolo “Silla” – c’erano il direttore, un sergente maggiore a altri che lavoravano nascostamente per il C.L.N., ma c’era anche la macchina carceraria vera e propria che agiva per i tedeschi e per i repubblichini” (p.156).
Necrologio del dottor Mario Savino, «Libertà», 13 marzo 1946, p. 2.

La signora Maria Pelaia è una di quelle mogli-madri che hanno cercato di vedere i propri congiunti sul carro bestiame prima della partenza per Dachau. La sua testimonianza è pubblicata sul quotidiano di Udine «Libertà» del 29 maggio 1946. Il maresciallo tedesco delle carceri di Udine era il tale Hans Johannes Kitzmüller. Quel maresciallo vietò alla signora Pelaia di vedere il marito, arrestato il 27 gennaio 1944, prima della partenza per il Campo di concentramento di Dachau. Nell’aprile 1944 viene arrestato pure il figlio Tomaso, che cercava notizie del padre e, sempre  Kitzmüller, vietò alla signora Pelaia di vedere il figlio. Avvertita da una “buona guardia delle carceri” italiana, la signora riuscì a vedere suo figlio alla stazione di Gemona, durante una delle soste del convoglio ferroviario. “Lo vidi da un pertugio del carro bestiame con le sole mutande. Ultima indimenticabile tristissima visione”.
Detto maresciallo Kitzmüller in talune occasioni funge da interprete in certi processi lampo contro gli arrestati dai nazisti. Durante tali fatti, che portarono alla fucilazione alcune decine di prigionieri rastrellati in vari luoghi del Friuli, la corte giudicante era incredibilmente costituita anche da ufficiali delle Waffen SS in divisa, come ricorda Gino Pieri nel suo articolo intitolato Una esecuzione in carcere. 9 aprile 1945. Come minimo Kitzmüller è testimone passivo dei crimini di guerra perpetrati dai suoi commilitoni nei confronti di ebrei e di militari italiani imprigionati.
Alcune fonti, tuttavia, tendono a scagionarlo, anzi lo presentano come doppiogiochista o, addirittura, quale elemento vicino alle Brigate Osoppo Friuli, tramite don Emilio De Roja, secondo quanto ha scritto Luigi Raimondi Cominesi nel suo libro sul comandante partigiano “Tribuno” (pp. 120-156).

17. Fuggiaschi, disertori e resistenza passiva
Un militare italiano in fase di internamento, ad esempio, si salvò fuggendo dal carro bestiame, assieme ai suoi commilitoni imprigionati. Si chiamava Angelo Varutti, figlio di Giovanni Maria e di Anna Maria Zucchiatti, di San Vito di Fagagna, una famiglia di contadini. Barbe Agnul (Zio Angelo) fu catturato dai tedeschi a Ciconicco, in Comune di Fagagna, nel 1944 mentre con un carro portava mobili e patate a dei parenti sfollati. La sua testimonianza di evasione ha dell’incredibile, perché raccontò che i ferrovieri italiani informarono i prigionieri, presi dai tedeschi, quali assi del carro merci potevano essere spostate facilmente per scivolare fuori dal vagone, nei rallentamenti del treno, e fuggire.
Višegrad, Angelo Varutti, 6 luglio 1942. Collezione famiglia Varutti, Udine.

Così fece Angelo, riuscendo a non farsi prendere dai colpi della mitragliatrice tedesca posta sul tetto della tradotta. Arrivato a piedi a casa, non ne poteva più della guerra e delle armi e dei morti ammazzati, così si fece preparare dai familiari un piccolo buco nel fieno e lì stava nascosto durante il giorno. Sua madre gli portava da mangiare. I nazisti non lo trovarono, nemmeno i repubblichini o le spie, neanche i cosacchi e nemmeno i partigiani. Così si salvò. Il 6 luglio del 1942 Angelo Varutti era di stanza con l’esercito italiano a Višegrad, un centinaio di chilometri da Sarajevo, dopo aver partecipato alle campagne di Albania e di Grecia. Dopo il giorno 8 settembre 1943 era riuscito a rientrare a casa a San Vito di Fagagna.
Anche Rina Bernardinis ricordava che a Udine i «ferrovieri, i militi della Croce Rossa, mentre qualcun altro, come la signora Magnani che sapeva perfettamente il tedesco distraeva i tedeschi con delle buone scuse, riuscivano a togliere da sotto l’asse del pavimento di un carro merci. Proprio da quel pertugio sono scivolati fuori dal vagone i sedicenni del Real Corpo Equipaggi, prelevati a Venezia. Poi venivano preceduti da un ferroviere e muniti di contrassegni forniti dalla signora Vignando, per scendere lungo la scarpata vicina e sparire, nascondendosi nello scuro della sera».
Allora c’era una forma di resistenza passiva, perché c’era chi tentava di rabbonire i tedeschi con carte e permessi vari, mentre altri aiutavano a fuggire i deportati, oppure li assistevano. Chi erano i più bravi a infinocchiare i nazisti? «I più bravi persuasori dei tedeschi, oltre alla citata signora Magnani – ha  riferito la professoressa Bernardinis –, erano il cappellano militare, il capitano medico, il telefonista Macorigh, che ci segnalava i convogli di internati da Casarsa o quelli di ebrei da Trieste, ma poi c’erano i conduttori, gli addetti alla Marelli ed altri ferrovieri, soprattutto i manovali. La parola d’ordine tra di noi era: Salvarne quanti più si può».
Una fuga dal treno della morte del 4 febbraio 1945 è raccontata da Giovanni Agnoli a Italo Tibaldi, trasporto n. 121 (pp. 235-236). La cattura dopo l’evasione è effettuata dai tedeschi e dai cosacchi, loro aiutanti. Riformato il convoglio di oltre otto carri merci, con prigionieri del carcere di Udine e del Coroneo di Trieste, l’arrivo a Dachau avviene il 24 febbraio 1945 e la liberazione, grazie ai soldati degli USA, è del 28 aprile 1945.
La stessa fuga viene descritta da un altro prigioniero, in un’altra fonte edita. Si tratta del racconto del partigiano Italo Zuliani “Paride”. La sua testimonianza è pubblicata sul giornale «Il volontario della libertà» del giorno 1° aprile 1946 e in altre puntate della testata medesima. Nel trasporto ferroviario da Trieste a “Udine uniscono i carri dei detenuti di quel carcere”, scrive Zuliani. Alcuni deportati “dei vagoni aggiunti a Udine riescono ad evadere”. Poi vengono caricati a Gemona altri dieci prigionieri così nel vagone ci sono 70 persone. Dopo cinque giorni di viaggio i detenuti giungono al Campo di sterminio di Mauthausen. Uno dei prigionieri è morto nel vagone durante il trasporto, ma le Waffen SS non ne hanno voluto sapere di scaricarlo e seppellirlo. L’autore è stato recluso nei campi di concentramento, tra violenze inaudite (calci, schiaffi, frustate ed altro) nel periodo compreso tra il 6 febbraio e il 6 maggio 1945, giorno della liberazione da parte dei soldati degli USA. Si notano delle coincidenze tra quanto descritto da Italo Zuliani col trasporto n. 120 del volume di Italo Tibaldi (p. 120-121).
Nel 1943-1944, essendo chiuso il Passo del Brennero per neve, le autorità naziste chiedono ed ottengono il permesso di far passare i loro treni dalla Svizzera per i lager, come ha scritto Daša Drndić. Pure gli operatori della sezione di Zurigo della Croce Rossa vanno ad aiutare i deportati diretti in Germania nei vagoni piombati. Sono italiani, ebrei e zingari. Alla stazione ferroviaria ricevono un po’ di brodo caldo, coperte ed altro, sotto il controllo dei gendarmi, tra colpi ed urla. Gli operatori della Croce Rossa elvetica non possono parlare, né fischiare. Poi i convogli successivi vengono spostati a distanza, perché non si sentano le urla (p. 147-154).
C’è tutta una prosopopea negativa contro gli imboscati, gli obiettori di coscienza e i casi simili, eppure chissà quanti sono gli italiani che hanno salvato la pelle in questo modo?
Si legge in certa memorialistica che nel 1944 Mussolini chiamò alle armi la classe del 1926. Molti studenti di quarta e quinta liceo abbandonarono sia la scuola che Udine, nascondendosi in campagna “altri – ha scritto Franco Iaiza – come i nostri compagni di classe Petri e Cominotti, raggiunsero le formazioni partigiane che praticavano la guerriglia sulle vicine colline e, fra questi, ci fu chi, come Sandro Cominotti, pagò con la vita” (p. 177).
Chi restava al suo posto, finì al campo di concentramento, come il colonnello Albano, del 2° fanteria, catturato la sera del 12 settembre 1943, dopo che i tedeschi avevano occupato i punti strategici della città di Udine, come ha scritto Mario Quargnolo (p. 71).
Ora c’è la storia di un disertore, aiutato da tanti italiani. È Severino Fabris di Basiliano. «Una sera si presentò sull’uscio di casa Severino Fabris un collega di mio padre. – ha scritto Franco Iaiza – Visibilmente spaventato, ci disse di essere fuggito dal treno che lo rimpatriava dalla Germania, dove, prigioniero di guerra, aveva optato, pur di rientrare in Italia, per l’arruolamento nell’esercito fascista. Avendo quindi disertato, non poteva certo rifugiarsi a casa sua a Basiliano, perché lo avrebbero facilmente scoperto e logicamente, fucilato. Ci chiese asilo e rimase con noi. Si rapò a zero, si fece crescere un folto paio di baffi neri e mio padre, complice il segretario comunale, riuscì ad iscriverlo all’anagrafe con il nome di Romano Valentino e a spacciarlo per un vecchio amico cacciato al nord dall’incalzante avanzata anglo-americana. Per renderlo ancora più insospettabile lo fece precettare dall’Organizzazione Todt, che lo destinò, come altre migliaia di italiani più o meno impauriti e demoralizzati, a costruire quel mega-fosso anticarro che in loco era detto “fossalon” e che, per nostra fortuna non servì a niente» (p. 178).

18. I disegni di Corrado Cagli a Buchenwald, 1945
Corrado Cagli nacque a Ancona il 23 febbraio 1910 e morì a Roma il 28 marzo 1976. Nel 1915 si trasferì a Roma con la famiglia, dove compì gli studi e frequentò l’Accademia di Belle Arti. Nel 1932 fa parte del “Gruppo dei nuovi pittori romani”, con Giuseppe Capogrossi ed Emanuele Cavalli, primo nucleo della Scuola Romana. Nel 1936 partecipa alla VI Biennale di Milano, nel 1937 è oggetto di attacchi antisemiti sulla stampa nazionale ed espone alla Esposizione Internazionale di Parigi. Poi è anche a New York e alla XXI Biennale di Venezia.
Nel 1937-1938 Cagli, prima del suo esodo come ebreo a Parigi e New York, instaura a Udine un intreccio artistico con i fratelli Afro, Dino e Mirko Basaldella. Per i tre artisti friulani, così come per altri pittori italiani, Cagli è “stato un punto fermo di riferimento, un polo culturale, un’inesauribile fonte di immaginario”, come ha scritto Isabella Reale (p. 11).
Nel 1941 si arruola volontario nell’esercito degli Stati Uniti d’America. Dopo gli addestramenti in Arizona, nel 1944, partecipa allo sbarco in Normandia a seguito della Prima Armata USA, combattendo poi in Belgio, sulle Ardenne e in Germania, dove fu tra i primi soldati ad entrare nel Campo di sterminio di Buchenwald.
Proprio l’immaginazione dell’artista è superata nei suoi disegni fatti a Buchenwald, campo nazista appena liberato nel 1945. Cagli intitola i suoi schizzi: Disegni documentari. Nel suo segno c’è una lucidissima analisi della realtà. È una documentazione, quindi una denuncia, azione diretta sulla realtà tremenda del campo di sterminio.
Nel 1946-1947 opera a New York e poi a Roma. Nel 1970-1973 è chiamato a Gottinga a realizzare il monumento commemorativo della comunità ebraica nell’area della sinagoga distrutta dai nazisti, col titolo: La notte dei cristalli.

19. I nomi di ebrei raccolti da Claudio Magris
Tra i graffiti della Risiera di San Sabba a Trieste si possono leggere determinati nomi, in base alle fotografie dei libri di storia. Lo scrittore Claudio Magris ne elenca alcuni di essi nel suo romanzo intitolato Non luogo a procedere. Il testo è in forma caotica, com’è la scrittura murale degli imprigionati. “Arrestati 24 settembre 1944 marito Aldo Sereni nato il 19 dicembre 1896. Partito 12 ottobre. Jolanda Moriz [di] Abbazia parte 11.1.1945”.
L’elenco continua in questo modo: “9 IV 944 arrivati kva Kabilio Albert Levi Ida Manzato Evarisio Marcherita [Margherita] Levi Grünwald arriva qui il 30.11.1944 parte per X 11.1.1945” (p. 348). 
Roberto Curci ha spiegato che le scritte graffiate sui muri delle celle della Risiera di San Sabba dai carcerati ebrei e partigiani sloveni sono state ricopiate nell’immediato dopoguerra dal collezionista Diego de Henriquez su diversi quaderni, prima che venissero ricoperte con la calce, dato che il luogo servì ad accogliere i profughi istriani e dalmati. Curci ha aggiunto dati su Margherita Levi Grünwald. Era una maestra di 44 anni presso le scuole elementari ebraiche di Trieste. Riparata in un paesino del Friuli con la famiglia Herzog “commise più di una volta l’imprudenza di venire a Venezia”. Braccata dai nazisti e da Mauro Grini, delatore al soldo dei nazisti, fu catturata e imprigionata alla Risiera (p. 44-45).
La spia pericolosissima, perché ebreo – forse ricattato dai nazisti – che risponde al nome di Mauro Grini, alias dottor Manzoni, è menzionato anche da Livio Sirovich (pp. 24 e 405) e da vari altri autori.
Da altre fonti si sa che un ebreo, tale Giulio Grünwald era socio dell’ingegnere Carlo Alessandro Conighi, in un’industria di Fiume nel 1928. “Fiume iera con l’Italia e Grünwald col Conighi gà progettado e fatto una raffineria de benzina con depositi di petrolio per la città”, come ha raccontato la signora Miranda Brussich, nata a Pola e vissuta a Fiume fino al 1946.
Del resto Trieste è un punto di partenza di ebrei provenienti dal Centro Europa per i porti di Haifa nel 1933 e per Tel Aviv nel 1938, come ha scritto Gabriella Steindler Moscati (p.43). È un altro grande romanziere a fornirci simili notizie. Si tratta di Amos Oz che, nel suo romanzo “Una storia di amore e di tenebra”, ricorda gli ebrei di Vilna (Lituania), giunti a Trieste, per imbarcarsi sulla motonave Italia con destinazione Haifa, in terra palestinese, sotto Mandato inglese. Ecco i loro nomi: Shlomit e Alexander Klausner col figlio Yehudah Arieh (p. 140).
Altri autori menzionano Trieste come un porto utilizzato dagli ebrei per imbarcarsi verso la Palestina. Klaus Voigt fa anche delle cifre. Prima del 1940 gli ebrei con visto di transito a Trieste per la Palestina sono tra i 4 e i 6 mila, tra i quali molti austriaci (p. 35).
Sempre Trieste è un punto di riferimento per il transito di bambini ebrei di altre zone dell’Adriatico. Nei mesi di gennaio-maggio 1943, infatti, è la famiglia Stock di Trieste a ricevere le lettere dell’ingegnere Israele Kalk, di Milano, per perorare la causa dei bambini ebrei sfollati da Spalato, in Dalmazia, come ha scritto Giancarlo Lancellotti (p. 141). Nel 1998 a Trieste è presente l’unica comunità ebraica della regione, con 628 iscritti, come riporta Annie Sacerdoti.
Gli ebrei in fuga non puntavano solo a Trieste. Oltre al porto dell’Alto Adriatico, c’era il cosiddetto “canale” di Fiume, soprattutto dopo il 1938. Era un punto di espatrio per gli ebrei di Fiume, dei dintorni e, più in generale, per tutti i Balcani e l’Europa centrale. C’era poi il “canale” di Varese, come ha scritto Curci, per espatriare in Svizzera (p. 59).
Dopo l’emanazione delle Leggi Razziali a Fiume giunge un funzionario della Questura tutto particolare. Si chiama Giovanni Palatucci ed è assegnato all’Ufficio stranieri, poi diviene Questore reggente. Per sei anni, nell’esercizio delle sue funzioni alla Questura, Palatucci si prodiga in un’intensa opera di salvataggio di migliaia di perseguitati, soprattutto ebrei. Fornisce loro permessi speciali, svia le piste dei rastrellamenti nazisti, fa distruggere fogli anagrafici che li riguardano, procura la loro via di fuga all’estero o in altri posti della penisola meno esposti.
Giovanni Palatucci viene arrestato nel mese di settembre 1944 e deportato a Dachau, dove muore nel febbraio 1945. Oggi egli gode di riconoscimenti internazionali, compresi quelli dello stato d’Israele. 
Il 1° maggio 1945 le truppe titine e quelle della IV Armata dell’Esercito di Liberazione della Jugoslavia entrano a Trieste. Nei 43 giorni di occupazione jugoslava la città vide numerosi imprigionamenti di italiani, con processi popolari, condanne a morte e la conseguente eliminazione nelle foibe. Le scuole vennero utilizzate come campi di concentramento degli imprigionati, sovvertendo l’ordinamento scolastico. 
Le ritorsioni e le violenze dei partigiani titini sui civili e militari italiani sono menzionate, tra gli altri, da Roberto Curci (p. 78). 
Con l’arrivo degli Alleati anglo-americani, gli jugoslavi si ritirano dalla Zona A, occupando la Zona B; è attivato il Governo Militare Alleato (GMA; in inglese: “Allied Military Government”, AMG) e si assiste alla nascita del Territorio Libero di Trieste (TLT), fino al 1954. Siamo agli albori della guerra fredda. In riferimento ai proponimenti degli Alleati, può essere ricordata la lettera di Winston Churchill a Stalin, datata 23 giugno 1945. «Mi sembra che una frontiera – scrive Churchill –, che delimiti la zona d’influenza russa, e corra da Lubecca via Eisenach fino a Trieste e giù fino all’Albania, sia una questione che richiede molte discussioni condotte fra buoni amici» (p. 561). 
Verso il 12 maggio le truppe britanniche si stanziano ufficialmente a Trieste, per sostituirsi agli slavi. Come hanno scritto Fabio Amodeo e Mario J. Cereghino: “Nella primavera del ’45, i soldati neozelandesi dell’Ottava Armata britannica trovano a Trieste poco più di quattrocento israeliti, ridotti praticamente alla fame. Il 7 maggio, accompagnati da un rabbino della Brigata Ebraica, una quindicina di membri della comunità triestina riaprono le porte della sinagoga. L’incubo è finito. Dalle ceneri dell’Olocausto europeo, appena tre anni dopo, sorgerà lo Stato di Israele” (p. 68).
Con il 12 maggio 1945, come si legge a pag. 1 sul quotidiano «Libertà», il governo italiano reintegra “gli ebrei nei loro diritti patrimoniali uguali a quelli di altri cittadini, coi quali hanno uguali doveri”. Le Leggi Razziali del 1938 sono abrogate, andando ad occupare una brutta pagina della storia.
Quale immagine hanno lasciato tra gli udinesi i soldati americani nel dopoguerra? Sono solo dei piccoli pensieri, ma sono indicativi del periodo vissuto. “Nel 1945 all’Albergo Italia di Udine alloggiavano i soldati americani – ha raccontato nel 2009 il signor Petronio Olivieri – io, nel 1945, ero garzone da Gattolin, in Piazza San Giacomo a Udine, in un negozio laboratorio di paste fresche (ravioli e cappelletti), poi chiuso nel 1979; ricordo che i soldati americani ci portavano i materiali per fare i cappelletti, i tortellini e noi eravamo specializzati sui cjalçons, i ravioli della tradizione carnica. Noi si lavorava e loro compravano contenti e ci dicevano che non avevano mai mangiato così bene, facendo propaganda anche presso i loro commilitoni di stanza a Udine”.
Sentiamo cosa ricorda Nino Almacolle: “Nel 1946 ero scolaro alla scuola IV Novembre e c’erano vari bambini profughi istriani e di Zara, poi le maestre ci portavano alla ex-GIL di via Asquini, dove stavano i soldati americani, che ci davano le prugne secche: dolci e buone. Tutto era buono in quel tempo, perché c’era tanta fame!”.
Gli ebrei non vogliono, «Libertà», 18 giugno 1946, p. 3.

20. Il detenuto della Risiera di San Sabba
Come vengono trattati i prigionieri della Risiera di San Sabba a Trieste? Cosa succede agli ebrei imprigionati nel lager triestino? Vengono torturati dai nazisti? 
A tali domande si cerca di rispondere con il contenuto del memoriale scritto da Leonardo Longo, pubblicato nel 2005 in Sicilia. Nato a Polizzi Generosa, vicino a Palermo il 15 novembre 1923, costui muore il 7 ottobre 2015 a Termini Imerese. Già militare del reggimento chimico di Roma, dopo l’8 settembre 1943 è assegnato al reparto di fanteria di Acqui, in Piemonte. Rifiutandosi di servire la Repubblica di Salò, diserta a Torino, unendosi al Battaglione Patrioti Davide, guidato dal colonnello Davide Ferrero. Catturato, come tutto il Battaglione Patrioti Davide, costituito da un centinaio di giovani piemontesi, viene recluso al Campo di concentramento di San Sabba dal 5 al 24 maggio 1944, in procinto di essere trasportato ai lager di Dachau e poi in quello di Allach. Sopravvissuto ai lager nazisti, riesce a tornare a Termini Imerese il 19 giugno 1945. Nel 2005 pubblica il suo memoriale di guerra.
Ho trovato queste ed altre preziose notizie nel volume di Fabio Lo Bono su un altro fenomeno della guerra e del dopoguerra, che si incrocia con la ferocia degli aguzzini del lager di San Sabba. Fabio Lo Bono ha scritto un interessante ed originale libro sul Campo profughi d’Istria, Fiume e Dalmazia aperto a Termini Imerese, presso la vecchia caserma “Giuseppe La Masa” dal 1948 al 1956.
Esuli d’Istria, Fiume e Dalmazia fino in Sicilia? Ebbene sì, è accaduto anche questo. Comunque Fabio Lo Bono sapientemente ha deciso di dedicare qualche riga della sua inedita indagine sull’accoglienza degli italiani del confine orientale anche al Campo di concentramento di San Sabba, essendoci passato (e sopravvissuto) un suo conterraneo, appunto Leonardo Longo.
Già si sapeva dalla letteratura a disposizione che al lager di San Sabba vengono commesse delle sevizie irripetibili dai militi delle Wafen SS, tra i quali vi sono alcuni ucraini. Averne conferma da un’altra fonte, come quella di Leonardo Longo appunto, è un’ulteriore verifica degli atti criminali perpetrati contro i prigionieri italiani, contro i partigiani jugoslavi e contro gli ebrei.
Le sevizie sono costituite da bruciature effettuate con la sigaretta accesa o con dei fogli di carta infuocati, poi c’è lo strappo delle unghie, per ottenere informazioni sui partigiani. L’uccisione avviene con un colpo di mazza, forse per risparmiare al Terzo Reich la pallottola della fucilazione, oppure per semplice ferocia e brutalità dei carcerieri. I corpi vengono poi bruciati nel forno crematorio.
L’autore del memoriale, il partigiano Leonardo Longo, accenna al fatto che di rado tali sevizie vengono compiute sugli ebrei, perché le notizie sui movimenti partigiani le potevano dare solo i partigiani incarcerati. Longo scrive che ha sentito gridare a lungo ed in modo straziante i prigionieri sottoposti alle sevizie. 
Gli ebrei sono definiti “prigionieri di transito”. Essi sono destinati ai Campi di sterminio di Auschwitz, di Mauthausen o di Dachau. I maltrattamenti che subiscono gli ebrei a San Sabba sono qualche calcio, certi spintoni, oppure ceffoni e le immancabili frustate.
Essi sono rinchiusi in uno degli stanzoni al terzo piano, in attesa di essere trasportati ai lager in Germania. «Forse i capi SS – ha scritto Leonardo Longo – consci e consapevoli del martirio e dell’olocausto a cui questi derelitti andavano incontro, non volevano anticiparne le pene» (dal libro di Fabio Lo Bono, pag. 248).

21Ebrei in Friuli nel 1945-1948, i Palestinesi e i rientri
Dopo la liberazione di Udine, avvenuta il 1° maggio 1945, sin dal mese di giugno 1945, si ha voce della costituzione di un Comitato ebraico di assistenza ai correligionari. Ne dà notizia, il 4 giugno 1945, il quotidiano «Libertà», giornale della provincia di Udine, nato da poco tempo. “Il Comitato ebraico di assistenza ai correligionari – si legge a pag. 2 – ha nominato a Udine un’apposita commissione per l’assistenza degli ebrei residenti nella provincia di Udine, compresi quelli rifugiatisi nella provincia stessa per ragioni di guerra”. Detto Comitato ha sede in Via Erasmo da  Valvason, 4 e riceve quotidianamente dalle ore 9 alle 10.
Nella periferia udinese, nel Comune di Tavagnacco, a Feletto Umberto, secondo un’altra testimonianza “c’erano degli ebrei che noi di Feletto chiamavamo i Palestinesi”. È Giannino Angeli che racconta e prosegue così: “Stavano nella casa dove nel 1953 andò ad abitare la mia famiglia in Via dei Martiri 88”.
Nel 1946-1947 tale abitazione era affittata ad una famiglia siciliana e “ai piani superiori furono alloggiati questi ebrei, detti Palestinesi, erano in divisa militare inglese, ma non so se fossero della Brigata Ebraica, inquadrata nell’Ottava Armata britannica, che pattugliò Tarvisio nel 1945, mi ricordo di non averli mai visti in paese con le armi, non so se fossero ebrei salvati dai campi di detenzione italiani perché, a differenza dei soldati britannici, sempre impeccabili, loro, i Palestinesi erano, come dire, male in arnese, un po’ emaciati”.
Cambiano zona. Dal Friuli passiamo al Golfo del Quarnaro. Nel periodo 1943-1945 la città portuale di Fiume è colpita dai bombardamenti anglo-americani. «Me ricordo che iera scuola de matina se no iera bombardamenti – ha detto Egle Tomissich, nata a Fiume nel 1931 – e invece se i bombardava de matina la scuola iera de pomeriggio dalle ore 14,30, però se la sirena dell’allarme sonava fin a quella ora, no se fazeva proprio scuola, quindi noi scolare se aspettava el bombardamento e le sirene per no andar a scuola, cussì ierimo contente…».
Dopo una serie di continui colpi d’artiglieria sulla città di Fiume, il 3 maggio 1945, entrano in città i partigiani titini e l’Esercito di Liberazione Popolare Jugoslavo, dando inizio alle prime eliminazioni di italiani del posto, con lo scopo di annettere Fiume alla Jugoslavia. Giunse nella città del Quarnaro, da Trieste, anche un reparto della Brigata Ebraica, con lo scopo di trovare gli ebrei fiumani nascosti o sfollati colà dalla Croazia, rifocillarli e portarli in terra di Palestina.
Accadde proprio così alla ragazza Liliana Schmidt, nata a Fiume il 7 ottobre 1929. Intervistata dopo la guerra, la Schmidt ricorda in particolare un soldato della Brigata Palestinese (la definisce proprio così: “Palestinese”, come la gente di Feletto Umberto), che la accompagna a Firenze in cerca di parenti. Altri reparti della Brigata Ebraica erano a Firenze, addetti alla distribuzione dell’acqua, vista la distruzione operata sull’acquedotto dai nazisti, come riporta Luigi Raimondi Cominesi (p. 76).
A questo punto si può rilevare che certi reparti della Brigata Ebraica agiscano in Friuli, con lo scopo di trovare gli ebrei nascosti, quelli in transito dall’Europa Centrale e Orientale, rifocillarli e portarli in terra di Palestina, come si nota dai documenti dell’ASUd, citati o riprodotti in Appendice, vedi il Documento 2.
Maddalena Del Bianco Cotrozzi ha scritto che alcune ricerche negli archivi londinesi, come l’Archivio del Governo Militare Alleato, gli headquarters e il Public Record Office, dimostrano che dal 1945 al 1947 le truppe alleate e la Brigata ebraico-palestinese diedero “sostegno alla ricostruzione delle Comunità ebraiche del nord-est (Udine e Gorizia, ma anche Trieste, Padova e Venezia) dopo la fine del conflitto mondiale e della shoah, artefici anch’essi del ritorno alla vita”.  (pp. 96-97). In particolare è menzionata la tesi di laurea, discussa nell’anno accademico 1996-1997, in Lingue e Letterature straniere di Michela Furlan, relatrice la stessa Maddalena Del Bianco, col titolo: Truppe alleate e brigata ebraico-palestinese. Interventi e ricostruzione delle comunità ebraiche italiane del Nord-Est (1945-1947).
Gorizia – Truppe statunitensi del 350° Reggimento di Fanteria della 88ª Divisione sfilano in parata nel maggio 1945. Molti di questi militari sono di religione ebraica. Il giorno 30 aprile 1945 le truppe tedesche abbandonarono Gorizia, che venne occupata, il 1º maggio, dal IX Korpus dell’esercito di liberazione jugoslavo. L’occupazione titina terminò il 12 giugno, in seguito agli accordi tra Tito e il generale Alexander, ma le deportazioni titine costarono la vita a un numero imprecisato di civili italiani (quantificabile fra i 202 e i 665 individui), oltre ad alcune centinaia di militari italiani presenti nel goriziano (635 vittime). Foto da Facebook, condivisa da Edi Bosich il 7 novembre 2016.

La stessa Del Bianco accenna alla presenza a Gorizia di soldati ebrei americani, nel dopo guerra, dediti al sostegno e alla rinascita della comunità ebraica locale. “Dopo la liberazione a Gorizia si insediò il comando dell’88^ Divisione di fanteria degli USA ‘Blue Devils’ in cui militavano molti soldati ebrei americani, assistiti dal cappellano militare rabbino Nathan A. Barack che si adoperò per l’aiuto, il sostegno e la riorganizzazione della vita dei 25 superstiti. La sinagoga venne restaurata e riaperta al culto il 2 novembre 1945 e i soldati fecero tutto il possibile per assistere la Comunità nella ripresa e per garantire sostegno morale a coloro che avevano potuto salvarsi e avevano fatto ritorno per iniziare una lenta ricostruzione della vita civile, religiosa e comunitaria” (p. 94).
Nota del questore di Udine al suo omologo di Genova su 40 ebrei da rintracciare in data 10 ottobre 1946. Tra l’altro il questore menziona in Centro di Smistamento Profughi di Via Gorizia, anche se il numero di posti riportato pare assai basso. Archivio di Stato di Udine (ASUd),  Questura di Udine, Categoria A 12, Stranieri, b 1, nota del 10/10/1946, ms. Immagine riprodotta su concessione del Ministero dei beni delle attività culturali e del turismo, Archivio di Stato di Udine. Tutti i diritti sono riservati. L’immagine non può essere riproducibile, né scaricabile. Autorizzazione dell’ASUd prot. N. 3014/28.13.07; e-mail del 15/11/2016.

La brigata ebraica è arrivata in Friuli con gli alleati anglo-americani, provenendo dalla provincia di Ravenna, dove fu impegnata in eroici combattimenti contro i nazisti. Al termine del conflitto fu trasferita in parte, nell’estate 1945, in Belgio e Olanda, manifestando uno spirito di assistenza e di aiuto ai correligionari. Ne avevano ben donde. Secondo i dati del Museo Storico Ebraico di Amsterdam (Jood Historisch Museum), prima dell’occupazione nazista nei Paesi Bassi vivevano 140 mila ebrei, dei quali ben 120 mila ad Amsterdam. La Comunità sefardita era vivace, con 5 mila persone. Dopo la guerra e la Shoah erano sopravvissuti circa 20 mila ebrei nei Paesi Bassi, dei quali circa 15  mila ad Amsterdam, tra i quali la componente portoghese israelitica era di 800 membri.
Dopo il mese di maggio 1945 nacque l’operazione “Bricha” (La fuga), che utilizzerà gli uomini delle “huliyia” (squadre ebree di eliminazione dei criminali nazisti) e la loro capacità di sgusciare magicamente attraverso le frontiere degli stati europei, per trasportare, nonostante l’attenta vigilanza degli inglesi che volevano impedirlo, migliaia di sopravvissuti alla Shoah fino ai porti dell’Atlantico e del Mediterraneo e ad imbarcarli per Tel Aviv, verso l’agognata  “Terra Promessa”, ancora sotto Mandato britannico.
Il 28 giugno 1945 il giornale «Libertà», in prima pagina, pubblica la notizia della liberazione di 374 bambini ebrei di varie nazionalità nel Campo di concentramento di Buchenwald. Portati a Basilea, restarono in attesa di una destinazione permanente.
Nel 1946 si ha notizia che a Udine agiva una Sezione della Comunità israelitica di Trieste. Tale organizzazione inviò alla stampa il seguente comunicato riguardo al sequestro (o al furto) dei beni ebraici durante il fascismo e durante l’occupazione nazista.
«Consta che talune persone detengano mobili o altri oggetti di proprietà di israeliti che, durante la dominazione nazi-fascista, furono costretti a fuggire o a nascondersi – si legge nel comunicato del 19 gennaio 1946, sul quotidiano «Libertà», p. 2 –. A  termini del Decreto luogotenenziale del 10 agosto 1945, n. 506 tali detentori sono obbligati a denunciare il possesso delle realità sopraindicate. Poiché a tali disposizioni di legge tali detentori non hanno ancora ottemperato si avverte che questa Sezione provvederà a presentare denuncia all’Autorità giudiziaria verso quelle persone che risultano avere acquistato nel periodo predetto ed anche dopo, mobili ed altri oggetti provenienti da altre provincie: che risultano di proprietà di israeliti».
Udine, impianti ferroviari visti da Via Capriva, 2016

Sulla stessa testata, il 1° febbraio 1946 si legge che il governo britannico ha deciso di permettere l’immigrazione di 1.500 ebrei al mese in Palestina. Ecco come si spiega il flusso di centinaia di ebrei al valico di Coccau, Tarvisio, documentato in questa ricerca.
Nel processo contro Mario Cabai, segretario federale della R.S.I. dal 19 settembre 1943 emergono alcuni dati controversi, come emerge dal quotidiano di Udine «Libertà» del 28 giugno 1946. Nell’articolo intitolato “Si è iniziato il match Cabai – Kitzmüller” il cronista riporta le parole pronunciate in sua difesa dal fascista Cabai. Tra le altre, sostiene di avere agevolato “i fratelli d’Allarm cui fornì falsi documenti” (p. 2 ). Forse il Cabai si è confuso, forse è un refuso, forse il cronista ha riportato male quel nominativo. Chi era bisognoso di documenti falsi, se non un ebreo o un perseguitato politico? Allora potrebbe trattarsi del cognome ebraico veneziano Sullam, presente a San Daniele del Friuli sin dal XVIII secolo, ma è solo un’ipotesi. Di sicuro ci sono i tre anni di carcere comminati al fascista Cabai dal tribunale di Udine, per i suoi interventi sui prigionieri nel carcere di Via Spalato a Udine.

Di sicuro partono da Pellestrina, un porto in provincia di Venezia, nel primo dopo guerra, tre navi cariche di ebrei verso la Palestina. Come ha scritto Vettor Maria Corsetti su «Il Gazzettino» del 15 marzo 2017, il carico totale dei sopravvissuti ai lager nazisti salpati da Pellestrina, dal 1946 al 1948, è stato di 1.305 ebrei disposti ad ogni cosa pur ai arrivare nella Terra promessa.
A 70 anni di distanza da quei viaggi della speranza l’organizzazione Keren Hayesod Italia, in collaborazione con la Comunità ebraica di Venezia ha inteso celebrare questa parte di storia mai raccontata. La manifestazione del 26 marzo 2017 proprio a Pellestrina, intende ricordare quel 5 novembre 1947, quando salpa la nave “Kadima” (“Avanti”), con 794 ebrei a bordo, sfuggiti alle persecuzioni razziali, alle deportazioni e ai campi di sterminio.
I sopravvissuti ebrei ai lager entrano in Italia da Tarvisio, provincia di Udine – come si legge nell’articolo di Vettor Maria Corsetti – a conferma di quanto scritto nella presente indagine. In seguito c’è l’imbarco dal porto di Pellestrina. Lo stesso autore riporta l’aiuto offerto ai fuggitivi dall’organizzazione clandestina “Bricha”.
Tali azioni di espatrio erano gestite dalla Brigata ebraica e dall’Haganah, precisa Corsetti. Un ruolo determinante è svolto da Ada Sereni, coordinatrice degli esodi ebraici dai porti italiani verso Haifa. Corsetti conferma l’esistenza di un ufficio a Milano, per instradare l’esodo dei sopravvissuti dell’Est Europa. Addirittura operava un’azienda agricola a Magenta, in provincia di Milano, nella veste di luogo di accoglienza e di formazione dei futuri lavoratori dei kibbutz. Per quanto concerne il centro di accoglienza di ebrei a Milano si veda l’Appendice, documento 2, visto all’Archivio di Stato di Udine (ASUd).
Come riferito dallo storico Yehoshua Amishav nelle sue ricerche sulle partenze da Pellestrina, è emerso che anche la settecentesca Villa Friedenberg, di Mestre, viene utilizzata dalla Bricha come centro d’accoglienza degli ebrei in attesa d’imbarco. Quello stesso sito, scrive ancora Corsetti, per ironia tragica della storia, fu utilizzato dai nazifascisti quale luogo di detenzione provvisoria degli ebrei destinati ai campi di sterminio di Hitler.
Il viaggio di Kadima fu intercettato da un aereo inglese il 15 novembre 1947. Ciò obbligò la nave ad attraccare ad Haifa, da dove i passeggeri furono portati nei campi d’internamento di Cipro. Una sorte analoga spetta alle altre due navi salpate da Pellestrina. La “Wingate”, partita il 14 marzo 1946, porta 238 persone, mentre la “Lamed Hey”, salpata il 17 gennaio 1948, reca a bordo 273 ebrei. Nonostante l’internamento e l’opposizione delle autorità del Mandato inglese sulla Palestina, conclude Vettor Maria Corsetti, i sopravvissuti alla Shoah, partiti da Pellestrina (Venezia), raggiungono più tardi le sponde anelate, andando a costruire lo stato d’Israele.

Telegramma dalla Questura di Cremona, protocollato dall'omologo ufficio di Udine, il 31 maggio 1947, circa 146 ebrei intenzionati ad imbarcarsi clandestini per la Palestina, Archivio di Stato di Udine (ASUd),  Questura di Udine, Categoria A 12, Stranieri, b 1, telegramma del 29/05/1947, dattiloscritto, timbrato e manoscritto. Immagine riprodotta su concessione del Ministero dei beni delle attività culturali e del turismo, Archivio di Stato di Udine. Tutti i diritti sono riservati. L’immagine non può essere riproducibile, né scaricabile. Autorizzazione dell’ASUd prot. N. 3014/28.13.07; e-mail del 15/11/2016.

Si segnala, infine, che nel 1948 tra i vari ebrei ritornati a Udine o usciti dalla clandestinità, in Via del Gelso abitava a Ida Gentilli Sachs, residente nel capoluogo friulano già dal 1906, come ha scritto Valerio Marchi sul libro dedicato ai Sachs. In estate Ida Gentilli Sachs incontrò il nipote Giorgio Algranati, laureato in Agraria, prima che egli emigrasse per Israele, uno stato sorto appena due mesi prima, il 14 maggio (pp. 205-211). Lo stesso autore, nel 2016, riporta il fatto riguardante Oscar Luzzatto (1873-1964) che, nel 1945, rientra a Udine dall’esilio in Svizzera, trovando l’amata abitazione e la sua biblioteca di Via Paolo Sarpi devastata e saccheggiata, ma la voglia di ricominciare è davvero forte (p. 172).
Come ha scritto, nel 2000, Anna Foa, dunque, col Sionismo e, soprattutto, dopo la Shoah, l’idea del pellegrinaggio religioso ebraico a Gerusalemme, durata per secoli, diviene un fenomeno unico: il ritorno, il rientro, l’immigrazione.
Bozzetto pubblicitario della Cooperativa “Osoppo Friuli”, stesso nome della Brigata partigiana attiva in Friuli e nella Venezia Giulia nel 1944-1945, dal quotidiano di Udine «Libertà», 22 aprile 1946, p 4.

22. I colori della Shoah, ricerche scolastiche
Il brano seguente è stato composto dagli allievi di una classe quinta dell’Istituto Statale di Istruzione Superiore “Bonaldo Stringher” di Udine, in riferimento ad una pittura eseguita da un’allieva della stesa classe, dopo un’attività didattica ad hoc curata dalla professoressa Maria Pacelli, insegnante di Storia.
Elena Sdrigotti,  I colori della Shoah, olio su tela, cm 50 x 40.  Archivio dell’Associazione Nazionale ex Deportati Politici (ANED), Roma

«Con questo quadro abbiamo voluto rappresentare l’orrore delle leggi razziali, imposte nel 1938, che portarono a morire nei lager sei milioni di ebrei. Nel 2014 abbiamo partecipato con un quadro e il suo commento al concorso dell’Associazione Nazionale ex Deportati nei campi di concentramento (ANED).
Ecco il commento. La chiesa è il simbolo di una religione. Poi c’è il simbolo di un’altra religione con la stella di David. I libri stanno a significare il divieto di frequentazione della scuola pubblica in Italia da parte degli ebrei. In basso, un campo di sterminio, con vestititi e tatuaggi, raffigurano il sacrificio di vittime umane arse.
In verità possiamo affermare che l’atroce persecuzione non fu solo per discriminare e sopprimere innumerevoli ebrei, ma anche zingari, portatori di handicap, omosessuali, malati di mente, considerati dai nazisti una “razza inferiore e negativa” da dover estirpare ad ogni costo.
In alto a destra abbiamo descritto la speranza di vita e la libertà.
Finalmente quei terribili anni cessarono e i superstiti furono portati fuori dall’interminabile tunnel della morte e del terrore, verso la liberazione nel giorno 27 gennaio 1945.
Abbiamo scelto i colori come mezzo espressivo per stimolare la consapevolezza e la memoria dell’orrore mano a mano che i testimoni vengono a mancare, per non farci dimenticare. Il colore entra nell’anima e con questo noi vogliamo cercare di opporci a quanti ancora, inverosimilmente, rinnegano la verità storica dell’Olocausto.
Autrice dell’opera: allieva Sdrigotti Elena. Titolo: I colori della Shoah. Tecnica di pittura: olio su tela, cm 50 x 40.
Colori usati: rosso, arancione, nero, bianco e blu. Il rosso e l’arancione alludono al fuoco distruttivo dei forni nei lager. Il nero simboleggia la morte e il lutto. Il bianco reca messaggi di speranza e di positività.
Gruppo di studio sulla Shoah, classe 5 ^ C Turistica, anno scolastico 2013-2014: allieve Bigaran Jenny, Cervesato Veronica, Cervi Kelly Alexandra, Sdrigotti Elena.
Coordinamento a cura della professoresse Maria Pacelli (Italiano e Storia). Maria Teresa Smeragliuolo (Laboratorio di ricevimento). Networking: professor Elio Varutti (Economia e Tecnica dell’Azienda Turistica). Ottobre 2014. Dirigente scolastico: Anna Maria Zilli. Isis “B. Stringher”, Viale Monsignore Giuseppe Nogara, 33100 Udine, Italia».

Un’altra indagine scolastica ha avuto dei risultati assai originali. Ecco la vicenda di Nonno Bruno internato in Germania, 1943-1945.
È la storia di un bisnonno di Udine venuta a galla martedì 27 gennaio 2015. È stato un Giorno della Memoria particolare quello trascorso nella classe 1^ E enogastronomia, anno scolastico 2014-2015, dell’Istituto “Bonaldo Stringher” di Udine. Mentre le classi quinte dell'Istituto partecipavano ad una intensa Giornata della Memoria nell'Auditorium della scuola, con pubblico, autorità e discendenti di deportati, in altre classi si svolgevano altri piccoli eventi di grande significato morale.
Sotto la guida della professoressa Anna Ghersani Durini, insegnante di Italiano e Storia, l’allievo Christian R., della classe 1^ E enogastronomia ha mostrato i documenti, alcuni articoli di giornale e i cimeli riguardanti l’internamento nel lager di Buchenwald del bisnonno: Bruno Riccato, nato a Udine il 17 luglio 1923, cannoniere della Marina Militare Italiana. Così la classe ha potuto vedere l’attestato e la Croce al Merito di Guerra, per internamento in Germania, consegnati all’interessato il 5 luglio 1957, oltre al distintivo che doveva portare sugli abiti durante la prigionia nei campi di concentramento.
Nonno Bruno è stato prigioniero in Germania dal 9 settembre 1943 al 15 maggio 1945. Ha ricevuto poi la medaglia e l’attestato di Volontario della Libertà “essendo stato deportato nei lager e avendo rifiutato la liberazione per non servire l’invasore tedesco e la repubblica sociale durante la resistenza”,  consegnati il 19 marzo 1980 (Collezione famiglia Riccato, Udine).
11 marzo 1945, giorno della liberazione per Bruno Riccato, con le truppe USA, che lo trattennero a lavorare fino al 4 maggio 1945, come dal documento firmato dal cappellano del “45th Tank Battalion U. S. Army” (Collezione famiglia Riccato, Udine).

Nonna Elvia sotto le sgrinfie di Mengele. Il paragrafo seguente è stato composto da Arianna Favaro, studentessa della classe 5^A Tecnico per il turismo dell’Istituto Statale d’Istruzione Superiore “B. Stringher” di Udine. Il prodotto culturale è stato sviluppato nell'anno scolastico 2016-2017, con il coordinamento di Giancarlo Martina, insegnante di Italiano e Storia, nonché referente del Laboratorio di Storia dello stesso istituto, di cui Anna Maria Zilli è il dirigente scolastico.

«La mia bisnonna si chiamava Elvia Bergamasco ed era nata il 18 agosto 1927 a Manzano, in provincia di Udine. Dopo la morte del padre si trasferì a Forlì dove visse con i suoi zii. Nel 1944 iniziò a lavorare a Medeuzza, frazione di San Giovanni al Natisone, in un deposito di munizioni, dove entrò a contatto con la Resistenza, collaborando inconsapevolmente con questa, facendo la staffetta partigiana. Nell’estate del ’44, tradita da una spia, venne arrestata nella polveriera in cui lavorava, da un Comando delle SS. Dopo aver subito un “falso” processo venne prima incarcerata e successivamente condannata ai lavori forzati nei lager nazisti di Mauthausen e Auschwitz. Marchiata con il numero 88653, umiliata, seviziata e costretta a terribili privazioni, dopo 18 mesi venne trasferita a Buchenwald ad assemblare la bomba “V 2”. Liberata dai russi nel maggio del ’45, sfinita dalle fatiche e dalle malattie, venne salvata a Praga da una crocerossina cecoslovacca. Nel 2004 ha ricevuto l’onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana. Purtroppo la mia bisnonna si è spenta all’età di 88 anni, nel giorno del suo compleanno, il 18 agosto 2015.
Dei tanti tremendi episodi che la mia bisnonna ha subito, due mi sono rimasti particolarmente impressi. Il primo episodio è l’esperimento che il “dottor” Mengele, detto l’angelo di Birkenau, fece su di lei. Un giorno, durante una selezione, Mengele la scelse per fare un esperimento, il quale prevedeva di provare una “pomata” sul corpo. Questa crema, veniva cambiata ogni giorno con un colore differente per un totale di quattordici giorni, provocando un bruciore lancinante. La pelle tornò come prima solo grazie alle cure della crocerossina che salvò la mia bisnonna dopo la liberazione. Il secondo episodio che mi ha colpito accaduto sempre ad Auschwitz è stato quando insieme ad altre donne è dovuta rimanere in piedi, nuda al freddo del rigidissimo inverno polacco per 12 ore consecutive dalle 6 del mattino fino alle 6 di sera, come selezione per proseguire a Buchenwald. Secondo un medico di Udine, il dottor Pulin, la mia bisnonna riuscì a sopravvivere solamente perché il suo corpo, si era già “adattato” alle rigide temperature e alla vita del campo di concentramento».

23. Appendice – Documento 1
Sul finire del conflitto, dalla metà di aprile 1945, iniziarono a transitare dal valico confinario di  Tarvisio, a piedi e con vari mezzi di fortuna, decine e decine di militari italiani sbandati, ex prigionieri e lavoratori forzati (gli “schiavi di Hitler”), che per le prime necessità andarono ad ingrossare le fila degli sfollati e profughi già presenti in Friuli e a Udine. Alla fine di aprile ne passarono oltre 2.000. A maggio 14 mila e negli altri mesi addirittura 484 mila, per un totale di oltre 500 mila tra profughi e reduci rimpatriati, secondo le Lettere di don Freschi all’arcivescovo Nogara e in base alla Relazione sull’attività del Campo n. 4 AMG-DP Centre Udine, del 1° febbraio 1946. Tali materiali sono reperibili nell’Archivio Osoppo della Resistenza in Friuli (AORF), Cartella T 1, f 7. Cc 11-12. Qualcuno è in fuga dai Campi di concentramento nazisti, come Luigi Spezzotti.
Si riproduce qui di seguito il testo di un documento che dimostra come l’aiuto ai rimpatriati fosse opera spontanea della gente del posto, organizzata tramite le parrocchie. L’originale sta nell’Archivio della Curia Arcivescovile di Udine (ACAU), Carteggi Mons. Nogara, 1940-1945, dattiloscritto.
Gli apparati dello stato promettono o “stanno predisponendo il rapido passaggio dei connazionali”, come si legge in un altro documento del 17 aprile 1945, ma chi paga la fattura delle pantofole e di altro materiale è l’arcivescovo di Udine Mons. Giuseppe Nogara. Anche questi documenti di quietanza sono negli stessi cartolari dell’ACAU.

«22.4.45
Posto di assistenza per rimpatriati Moggio
1^ Relazione dall’8 al 21 aprile 1945
1.      Numero dei rimpatriati ospitati: 437
2.      Mezzi di trasporto
A – fino a Pontebba: il 90% con il treno – parte solo fino a Tarvisio. Il 10% a piedi e a tratti con mezzi vari.
B – da Pontebba a Moggio il 50% con mezzi di fortuna, auto. Il 50% a piedi.
C – da Moggio in giù il 40% con mezzi di fortuna automezzi. Il 60% a piedi fino alla stazione Carnia.
3.      Approvvigionamenti: alla alimentazione dei ripatriati è stato provveduto esclusivamente con i generi alimentari offerti spontaneamente dalla popolazione locale.
4.      Sosta media di ciascun ospite: 12 ore.
5.      Numero medio pasti per ciascun rimpatriato: due.
6.      Rimpatriati che hanno avuto bisogno dell’assistenza sanitaria: uno per cento.
7.      Capi di vestiario (di cui è risentita la maggiore necessità e dei quali si è completamente sprovvisti): pantofole.
Per conto del Comitato
f.to ing. Bianchi
            N.B. ho provveduto immediatamente a ordinare 1000 paia di pantofole alla ditta Toniutti di Fagagna. Esse saranno pronte entro 20 giorni. L.G.».

Udine, Via Pradamano verso nord, area dello scalo ferroviario dove passarono i treni carichi di ebrei

Appendice – Documento 2
Si riproduce qui sotto un’importante lettera – relazione del prefetto di Udine, Renato Vittadini, del giorno 11 ottobre 1946. La massima autorità della provincia è assai allarmata. Comunica ai suoi superiori del Ministero dell’Interno i ripetuti spostamenti di svariate decine di ebrei rumeni, polacchi, cechi e ungheresi dall’Austria in transito per Milano, con l’intenzione di raggiungere la Palestina. Tali cifre potrebbero divenire migliaia. Curiosa è la precisazione del movimento anche in uscita dall’Italia e in entrata verso l’Austria. Parrebbe chiaro, con l’ottica attuale, che si tratta di esponenti dell’organizzazione dedita al trasferimento di ebrei nella Terra Promessa. Forse si tratta proprio di alcuni individui della Brigata Palestinese, dato che è citato un autocarro per portare le persone, ma questa è un’illazione personale.
Il Questore di Udine, il 15 ottobre 1946, riceve una lettera del suo omologo di Milano, datata 10 ottobre 1946, n. di protocollo 00311053 Str., con oggetto “Ebrei rumeni, polacchi e cechi”. Ci sono tuttavia pure ebrei austriaci o germanici, superstiti dallo sterminio. La Questura di Milano precisa che “in questa Via Unione 5 esiste la Comunità Israelita di Milano, il cui presidente è il comm. Mayer, cittadino italiano”. Detta Comunità si sta interessando “anche di tutti gli ebrei stranieri che affluiscono in questa città in attesa di una sistemazione e dell’emigrazione in altri Paesi. Per la maggior parte trattasi di profughi, di ex internati per motivi razziali e politici provenienti dai vari Campi di concentramento della Germania, e giunti in Italia con i famosi convogli alla fine delle ostilità. Molti altri giunti in seguito per allontanarsi dai territori occupati dai russi, moltissimi di questi entrati in Italia evidentemente in maniera clandestina”.
La interessante lettera continua così, dando spiegazioni molto chiare: “All’uopo la Comunità [Israelita] ha istituito i seguenti servizi, i cui fondi vengono erogati dall’A.J.D.C. (American Joint Distribution Committee): a) Organizzazione dei profughi; b) Ufficio palestinese; c) Mensa dei profughi; d) Ambulatorio medico dell’A.J.D.C.”. Poi i profughi ebrei, così assistiti, vengono inviati al Campo di raccolta di Milano, sito presso la Scuola Cadorna, in Via Dolci 5. Giunti nei Campi di raccolta, come in quello di Cremona, sono ulteriormente assistiti dall’U.N.R.R.A. e dall’A.J.D.C.
La sigla U.N.R.R.A significa: “United Nations Relief and Rehabilitation Administration”. Era un’organizzazione delle Nazioni Unite, con sede a Washington, istituita il 9 novembre del 1943 per assistere economicamente e civilmente i Paesi usciti gravemente danneggiati dalla seconda guerra mondiale. Fu sciolta il 3 dicembre 1947.
L’emigrazione ebraica è diretta in Palestina, ma pure nelle Americhe del Nord e del Sud, secondo l’informativa della Questura di Milano. I porti di imbarco non sono solo quelli italiani, Genova in primis, ma anche della Francia.
I fogli citati e, quelli qui di seguito trascritti, stanno in Archivio di Stato di Udine (ASUd),  Questura di Udine, Categoria A 12, Stranieri, b 1. [documento dattiloscritto 1946].

«Prefettura di Udine
[protocollo] N. 021575/Gab. P.S.
Addì 11 ottobre 1946
Oggetto: Ebrei – rumeni – polacchi – cechi
Al Ministero dell’Interno – Direzione Generale della Pubblica Sicurezza – Divisione Aff. Gen. E Riservati – Roma
Per doverosa notizia trascrivo il seguente rapporto pervenuto dall’Ufficio di P.S. della Frontiera di Tarvisio:
“”” Nelle ultime quattro settimane questo ufficio si è occupato di sessantacinque ebrei, nella quasi totalità rumeni, intercettati in questa zona di frontiera sul lato Italia e sul lato Austria.
Questa notte agenti del mio ufficio e la guardia di Finanza, già da me verbalmente interessata, hanno intercettato ventisette ebrei rumeni provenienti clandestinamente dall’Austria per la via di Prati Colma e di Coccau.
Altri fermi sono stati operati ieri sul lato Austria dalla Field Security Section Intelligence Service di Arnoldstein.
È ormai accertata l’esistenza di un’organizzazione ebraica internazionale che riversa l’Austria [in Austria, n.d.r.] ebrei rumeni, polacchi, cechi e ungheresi, i quali tentano ad ogni costo di calare sui porti italiani (donde dirigersi in Palestina) prima che la sopravvenuta stagione autunnale ostacoli, con le nevicate, i transiti per sentieri e mulattiere.
Questa organizzazione pare sia in collegamento con un Comitato sedente in Milano, Via Unione n. 5; gli ebrei rumeni fermati in transito, sui treni, da Agenti del mio ufficio, mentre viaggiavano in direzione Austria, e quelli fermati in Austria dalla F.S.S., mentre viaggiavano in direzione Italia, hanno sempre dichiarato di provenire o di dirigersi a Milano, Via Unione n. 5.              ./…

[foglio 2]  
Secondo notizie confidenziali non potute controllare i diciannove rumeni fermati questa notte da agenti del mio ufficio erano attesi nella zona da un autocarro che li avrebbe trasportati verso Milano.
È pressoché certo che nelle due prossime settimane, se non sarà fatto ogni possibile sforzo, passeranno per questa frontiera, ormai seriamente sfornita di posti fissi, distaccamenti e nuclei mobili di perlustrazione e vigilanza, circa un migliaio di ebrei rumeni, cechi e polacchi “””.
Assicuro di aver impartito le opportune disposizioni ai dipendenti organi di Polizia per una oculata vigilanza allo scopo di arginare tale infiltrazione clandestina di ebrei.
                                               Il Prefetto [Renato] Vittadini»
----
Udine, Via Capriva incrocio con Via Romans, 2016.

24. Ringraziamenti e fonti orali
Rivolgo i miei sinceri ringraziamenti al personale e alla direzione delle seguenti biblioteche, archivi, musei ed istituti, dove ho potuto effettuare le mie ricerche: Archivio della Curia Arcivescovile di Udine; Archivio Municipale di Udine; Archivio di Stato di Udine; Archivio Osoppo della Resistenza in Friuli, Udine; Biblioteca Civica “Vincenzo Joppi”, Udine; Biblioteca del Seminario arcivescovile “Mons. Pietro Bertolla”, Udine; Biblioteca della Società Filologica Friulana, Udine; Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, Udine; Biblioteca Civica “Ariostea”, Ferrara; Biblioteca Civica “P.P. Pasolini”, Pasian di Prato, provincia di Udine.
Desidero ringraziare sentitamente anche i prestatori di documenti, fotografie, reperti e cimeli storici per lo sviluppo delle ricerche e l’Istituto Provinciale per la Storia del Movimento di Liberazione e dell'Età Contemporanea di Pordenone. Ringrazio gli autori delle fotografie qui riprodotte.
Per i consigli bibliografici sono grato alla professoressa Maddalena Del Bianco, docente all’Ateneo di Udine.
Un amichevole grazie va anche a Tiziana Menotti e a Giorgio Ganis, di Udine, attenti lettori delle prime bozze dello studio presente. Per la collaborazione prestata un particolare ringraziamento va a Lauretta Zamparo, figlia di Alfonso Zamparo “Liviano”, deportato e sopravvissuto a Dachau. Per chiarimenti vari sono grato anche a Angelo Varutti di Olivo, Agnulut di Chei da Mucule, San Vito di Fagagna, provincia di Udine, a Vittorina Olivieri di Udine e al ragionier Mario Savino di Udine.
Sono riconoscente a Sebastiano Pio Zucchiatti per il disegno di copertina del presente saggioPer l’attiva collaborazione alla ricerca ringrazio l’architetto Franco Pischiutti di Udine e Nathalie Vedovotto. 
Le testimonianze scolastiche qui raccolte sono frutto delle attività didattiche e formative del  Laboratorio di Storia, presso l’Istituto Statale d’Istruzione Superiore "B. Stringher", di Udine; sono quindi riconoscente ai professori di codesta scuola pubblica, con in testa il Dirigente scolastico, dottoressa Anna Maria Zilli, al professor Giancarlo Martina, referente del Laboratorio di Storia stesso, alle professoresse Maria Pacelli, Elisabetta Marioni e Anna Ghersani Durini.
Si ringraziano e si ricordano, infine, le seguenti persone, intervistate a Udine, con taccuino, penna e macchina fotografica, a cura di Elio Varutti, se non altrimenti specificato:
Nino Almacolle, Udine 1940, intervista del 12 gennaio 2012.
- Giannino Angeli, Tavagnacco, provincia di Udine, 1935, intervista telefonica del 14 ottobre 2016.
- Caterina Eleonora Bernardinis, Rina (Castiglione delle Stiviere, provincia di Mantova 1908 – Udine 2010),  int. del 24 ottobre 1995.
Bruno Ernesto Vincenzo Bonetti, Gorizia 1968, intervista del 18 dicembre 2016.
- Danila Braidotti, Nila, Fontanabona di Pagnacco 1928, ha vissuto a Udine, nella parrocchia di San Pio X, int. del 13 novembre 2016.
- Miranda Brussich vedova Conighi (Pola 1919 - Ferrara 2013), ha vissuto a Fiume fino al 1946, int. del 21 agosto 2013 a Ferrara.
- Sergio Burelli (Fagagna 1926 - Udine 2017), ha vissuto in altre località del Friuli e, per lavoro, a Udine, int. del 12 ottobre 2016.
Claudio Calligaris, Udine 1954, int. del 19 gennaio 2017.
- N. C., (Udine 1926 - 2015), visse a Fiume e a Udine, int. del 24 febbraio 1996 e del 15 novembre 2005.
- Ezio Cragnolini, Gemona del Friuli, provincia di Udine, 1955, int. del 28 novembre 2007.
- Anna Chiavon, Udine (1937-2003), int. del 5 gennaio 2003 a cura della professoressa Elisabetta Marioni.
- Alberto De Grandi, di origine trentina (1919-2003), int. del 2 agosto 1978 a Zara (Jugoslavia), nome di fantasia, poiché non ho potuto chiedere il consenso al trattamento dei dati.
Chiara Dorini, Fiume 1945, int. del 18 dicembre 2016.
Eva Ebner, Gorizia 1940, int. del 17 novembre 2016.
Fabio Galimberti, Udine 1961, messaggio in Facebook del 24 gennaio 2017.
- Giorgio Ganis, Udine 1956, int. del 13 settembre 2016.
- Signora G., int. del 17 ottobre 2016.
Luciano Gon, Udine 1953, nato e vissuto in Baldasseria, in Via Pradamano, int. del 13 novembre 2016.
- Rosanna Lodolo 1941, int. del 26 gennaio 2017. 
- Teresa Novelli, Udine 1922, int. del 5 ottobre 2016, in presenza della figlia Giulia Marioni.
- Petronio Olivieri, Ovaro, provincia di Udine 1929, emigrato a Vancouver (Canada) nel 1957, int. per e-mail del 4 ottobre 2009.
- Alfredo Orzan (Mossa, in provincia di Gorizia, 1930 - Udine 2017), ha vissuto a San Lorenzo Isontino, studiò a Gorizia e si trasferì a Udine per lavoro, int. del 7 ottobre 2016.
- Alessandro Pirani, Tolmezzo, provincia di Udine, 1957 e vive a Udine, int. del 21 dicembre 2011.
- Franco Pischiutti, Gemona del Friuli 1938, int. dei giorni 8 e 13 dicembre 2016.
- Domenico Pittino, Tarcento, provincia di Udine, 1958, informazioni a cura dell’architetto Franco Pischiutti del 13 dicembre 2016.
- Giorgio Romanello, Udine 1952, int. del 10 novembre 2016.
- Clelia Savino, Udine 1946, int. del 27 ottobre 2016.
- Giorgio Stella, Udine 1947, int. del 5 ottobre 2016.
- Aldo Tardivelli, Fiume, 20 settembre 1925, esule a Genova, int. telefonica e per e-mail nel periodo 20-27 gennaio 2017, con la collaborazione di Claudio Ausilio, delegato provinciale dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia Dalmazia (ANVGD) di Arezzo. 
- Egle Tomissich, Fiume 1931, int. del 18 dicembre 2016.
- Bianca Torre Bianchetta (1929 - 2005), Turriaco, provincia di Gorizia, visualizzazione URL in Internet del 21 settembre 2016.
- Angelo Varutti di Giovanni Maria, Barbe Agnul di Zuan, San Vito di Fagagna, provincia di Udine (1915-2003), int. del 10 settembre 1979 a San Vito di Fagagna.
- Lauretta Zamparo, Udine 1946, int. del 27 gennaio 2015.

25. Fonti archivistiche e museali
- Archivio dell’Associazione Nazionale ex Deportati Politici (ANED), Roma, Quadro ad olio di Elena Sdrigotti di Udine, intitolato I colori della Shoah, concorso del 2014.
- Archivio della Curia Arcivescovile di Udine, Carteggi Monsignor Nogara, 1940-1945
- Archivio Municipale di Udine, Deliberazione del Commissario 26 settembre 1925. Deliberazione del Podestà del 31 maggio 1940.
- Archivio Osoppo della Resistenza in Friuli (AORF), Udine, Cartella T 1, f 7. Cc 11-12 [dattiloscritti 1946]. Cartella Z – Fototeca, foto n. 71.
- Archivio di Stato di Udine (ASUd),  Questura di Udine, Categoria A 12, Stranieri, b 1. [documenti manoscritti e dattiloscritti 1946 - 1947]
- Archivio di Stato di Udine (ASUd),  Questura di Udine, Categoria E 2, Vigilanza e controllo persone in transito, b 1. [documenti manoscritti e dattiloscritti 1939].
- Museo Storico Ebraico, Amsterdam (Jood Historisch Museum).
- Sinagoga Portoghese “Esnoga”, Amsterdam (PortugeeseIsraelietische gemeente).

26. Collezioni private
- Collezione famiglia Conighi, Udine, giornali d’epoca, 1940-1944.
- Collezione famiglia Riccato, Udine, documento dattiloscritto e il libro: Marcello Tomadini, Venti mesi fra i reticolati, LX tavole con prefazioni di don Pasa e Guglielmo Cappelletti, Vicenza, Editrice Società Anonima Tipografica, 1946.
Collezione famiglia Savino, Udine, fotografie, lettere, ritagli di giornali, 2002-2014.
- Collezione famiglia Zamparo, Scorzè, provincia di Venezia, biglietto manoscritto 1945, diari 1942-1945.
- Collezione personale dell’Autore, fotografia 1942.

27. Mappe topografiche
- Alpi Giulie Occidentali. Tarvisiano, foglio 019, Carta topografica per escursionisti, Udine, Tabacco, 1989.
- Comune di Udine, Istituto Geografico Militare (prima edizione 1882), particolare, 1928.
- Pianta della città di Udine eseguita dalla Sezione Tecnica Municipale, Stabilimento Tipo – Litografico Gustavo Percotto & Figlio, Udine, particolare, 1928.
Udine, Pianta della città, Corpo dei Vigili Urbani, Azienda Municipale dei Trasporti, 1980.

28. Filmografia
https://www.youtube.com/watch?v=vJhi3f4BbCY

29. Bibliografia di riferimento 
Fabio Amodeo, Mario J. Cereghino, L’Italia della Shoah. Gli ebrei, il fascismo e la persecuzione nazista, Udine-Trieste, Editoriale FVG, 2008.
- Atlante delle linee ferroviarie dismesse, Roma, Ferrovie Italiane, Rete Ferroviaria Italiana, 2016.
Un attentato a Gerusalemme compiuto da bande ebraiche”, «Il Piccolo di Trieste», 7 marzo 1943 – XXI, p. 3.
Zygmunt Bauman, Modernity and the Holocaust” 1989. Traduzione italiana: Modernità e olocausto, Bologna, il Mulino, 1992.
- Marco Bencich, “Il Sionismo a Trieste dalle origini agli anni Trenta”, in Miriam Davide, Pietro Ioly Zorattini (a cura di), Gli ebrei nella storia del Friuli Venezia Giulia. una vicenda di lunga durata, Atti della Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah, IV, Firenze, Giuntina, 2016, pp. 221-235.
- Rina Bernardinis, Nel mio autunno ricordo, Udine, Giovanni Aviani, 1982.
Mario Blasoni, “Chiara Dorini, ritorno a Fiume dopo 60 anni”, «Messaggero Veneto» del 28 giugno 2004. 
- Silva Bon Gherardi, La persecuzione antiebraica a Trieste (1938-1945), Udine, Del Bianco, Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione nel Friuli Venezia Giulia, 1972.
Bruno Bonetti, I Bonetti di Dalmazia negli ultimi duecento anni, Udine, 2013, videoscritto in formato PDF, con immagini in b/n e a colori.
- Renata Broggini, La frontiera della speranza. Gli ebrei dall’Italia verso la Svizzera 1943-1945, Milano, Mondadori, 1998.
Rina Brumini, “Gli Ebrei di Fiume”, «La battana», XLV, Fiume / Rijeka (Croazia), rivista trimestrale di cultura, ottobre-dicembre 2008, pp. 83-116.
- Maurizio Buora, Guida di Udine. Arte e storia tra vie e piazze, Trieste, Lint, 1986.
Francesco Cargnelutti, Preti patrioti durante la resistenza in Friuli. Settembre 1943 – maggio 1945, Udine, AGRAF, 1965.
- Liliana Cargnelutti, “Dal campo di Dachau: memorie di Paolo Spezzotti”, in Paolo Spezzotti, La marcia da Dachau a Udine con Marco Cristofoli e Alfredo Milocco (10-20 maggio 1945), op. cit., (pp. 15-31).
- Carlo, “Parla un reduce di Dachau”, «Libertà», 27 giugno 1945, p. 3.
- Adonella Cedarmas, La comunità israelitica di Gorizia 1900-1945, Udine, Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, 1999.
Antonio F. Celotto, Zilio Ziliotto, I giorni amari di Borso del Grappa, Bassano del Grappa, provincia di Vicenza, Editrice artistica Bassano, 2015.
- Winston Churchill, The Second World War, vol. VI, Cassell and Company Ltd, London, 1950-1954.
Vettor Maria Corsetti, “Kadima, da Pellestrina fino alla Terra promessa”, «Il Gazzettino», 15 marzo 2017, p.18.
Roberto Curci, Via San Nicolò. Traditori e traditi nella Trieste nazista, Bologna, Il Mulino, 2015.
Miriam Davide, Pietro Ioly Zorattini (a cura di), Gli ebrei nella storia del Friuli Venezia Giulia. una vicenda di lunga durata, Atti della Fondazione Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah, IV, Firenze, Giuntina, 2016.
Renzo De Felice, Storia degli ebrei italiani sotto il fascismo (1.a edizione: Torino 1961), Torino, Einaudi, 1993, 4.a ristampa.
Francesco De Gregori, “Introduzione d’un libro interrotto dalla morte”, «La Panarie», XVII, n. 95, gennaio-febbraio 1949, pp. 50-58.
- Maddalena Del Bianco Cotrozzi, La vita privata degli ebrei nei territori della Casa d’Austria e nel Friuli Veneto in Età Moderna, in Il mondo ebraico. Gli ebrei tra Italia nord-orientale e Impero asburgico. Dal Medioevo all’Età contemporanea, Pordenone, Studio Tesi, 1990.
- Maddalena Del Bianco Cotrozzi, “Fonti e ricerche per la storia degli ebrei nel Friuli degli Asburgo e della Repubblica di Venezia”, in Pier Cesare Ioly Zorattini (a cura di), Percorsi di storia ebraica. Atti del convegno internazionale Cividale del Friuli – Gorizia, 7/9 settembre 2004, op. cit., pp. 85-100.
- Giovanni Battista Della Porta, Toponomastica storica della città e del Comune di Udine, Nuova edizione a cura di Leila Sereni con note linguistiche di Giovanni Frau, Udine, Società Filologica Friulana, 1991.
- Daša Drndić, Sonnenschein, Zaprešić, Fraktura, 2007-2012 (traduzione italiana: Trieste, Milano, Bompiani, prima edizione: gennaio 2015, terza ediz.: giugno 2015).
- “Gli Ebrei della Slovacchia debbono dichiarare i loro beni”, «Il Piccolo», 4 settembre 1940 – XVIII, p. 3.
Flavio Fabbroni, La deportazione dal Friuli nei campi di sterminio nazisti, Udine, Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, 1984.
- Roberto Farinacci, La Chiesa e gli Ebrei, Cremona, Stabilimento tipografico società editoriale Cremona Nuova, 1938-XVII.
- Marcello Flores, Simon Levis Sullam, Marie-Anne Matard-Bonucci, Enzo Traverso, Storia della Shoah in  Italia. Vicende, memorie, rappresentazioni, volume II, Torino, Utet, 2010.
Anna Foa, “Ritorno a Gerusalemme”, «Iter. Scuola cultura società», III, n. 7, gennaio-aprile 2000, pp. 16-20.
- Chiara Fragiacomo, Daniele D’Arrigo (a cura di), Alfonso Zamparo. Siamo tornati uomini. Scritture di una deportazione, Udine, Associazione Nazionale ex Deportati Politici (ANED), Sezione Provinciale di Udine, 2015.
Fabio Galluccio, I lager in Italia. La memoria sepolta nei duecento luoghi di deportazione fascisti, (1.a edizione: 2002), Civezzano (TN), Nonluoghi, 2003.
Giorgio Ganis, “La sinagoga di Porta Manin”, «La Vita Cattolica», Cultura, 11 gennaio 2017, p. 3.
- Sergio Gentilini, “Ricordo di Tomadini”, «Messaggero Veneto», 27 aprile 2003. 
- Raul Hilberg, The Distruction of the European Jews, Holmes & Meier, New York, London, 1985 (traduzione italiana: La distruzione degli ebrei d’Europa, Torino, Einaudi, 1995. Nuova edizione riveduta e ampliata: 1999).
- Franco Iaiza, Il Passato leggermente remoto, Udine, Fulvio, 1996.
- Raffaella Ianuale, “Venezia e gli ebrei perseguitati. Così salvarono mia mamma”, «Il Gazzettino», Cultura & società, 21 gennaio 2017, p. 20.
- “L’immigrazione ebraica in Palestina. Un comunicato di Cunningham”, «Libertà», 1° febbraio 1946, p. 1.
- Pier Cesare Ioly Zorattini (a cura di), Percorsi di storia ebraica. Atti del convegno internazionale Cividale del Friuli – Gorizia, 7/9 settembre 2004, Associazione Italiana per lo Studio del Giudaismo, Udine, Forum, 2005.
- Pietro Ioly Zorattini, Gli ebrei a Udine tra Otto e Novecento, Udine, Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, 2002.
- Istituto per gli Studi Ebraici della Mitteleuropa, Associazione Amici di Israele, Le-zikkaron. In memoria. Per non dimenticare i deportati della comunità ebraica di Gorizia nel cinquantesimo anniversario 23 novembre 1943, Monfalcone, provincia di Gorizia, Edizioni della Laguna, 1994.
- Christina Köstner, Klaus Voigt (cur), Österreichisches Exil in Italien 1938-1945, Vienna, Mandelbaum Verlag, 2009. Traduzione italiana di Loredana Melissari: «Rinasceva una piccola speranza». L’esilio austriaco in Italia (1938-1945), Udine, Forum, 2010.
D.L., “L’ultimo conforto ai deportati nella stazione di Udine e di Tarcento”, «Messaggero Veneto» del 14 ottobre 1968.
- Giancarlo Lancellotti, “Archivi e memorie delle famiglie Stock e Berger di Trieste”, in Cristina Benussi (a cura di), Storie di ebrei fra gli Asburgo e l’Italia. Diaspore / Galuyyot, Udine, Gaspari, 2003, (pp. 139-143).
- Walter Laqueur (a cura di), Dizionario dell’Olocausto, edizione italiana a cura di Alberto Cavaglion, Torino, Einaudi, 2004.
Alberto Lauber, “All’inferno e ritorno. Nipote ti racconto l’orrore dei lager”, «Messaggero Veneto», Culture, 24 gennaio 2017, pp. 46-47.
- «Libertà», quotidiano della provincia di Udine, 1945-1947.
Fabio Lo Bono, Popolo in fuga. Sicilia terra d’accoglienza. L’esodo degli italiani del confine orientale a Termini Imerese, Lo Bono editore, Termini Imerese, città metropolitana di Palermo, 2016.
- Bruno Maida, La Shoah dei bambini. La persecuzione dell’infanzia ebraica in Italia 1938-1945, Torino, Einaudi, 2013.
- Claudio Magris, Non luogo a procedere, Milano, Garzanti, 2015.
- Valerio Marchi, Il dottor Sachs. Un medico ebreo in Friuli e la sua famiglia tra Otto e Novecento, Comune di Gonars, Udine, Kappa Vu, 2008.
- Valerio Marchi, “Il cuore ebreo del signor Morpurgo. Elio Morpurgo e gli ebrei di Udine: frammenti di una storia difficile” , «Metodi & Ricerche», N.S. XXVIII, n. 1 gennaio-giugno 2009, pp. 197-231.
- Valerio Marchi, «Una degna figlia di Israele». Lina Gentilli di Giuseppe (San Daniele del Friuli 1883 – Venezia 1901), Udine, Kappa Vu, 2009.
Valerio Marchi, “Gli ebrei a Udine dalle guerre d’indipendenza alla persecuzione nazifascista”, in Miriam Davide, Pietro Ioly Zorattini (a cura di), Gli ebrei nella storia del Friuli Venezia Giulia. Una vicenda di lunga durata, op. cit., pp. 165-180.
Valerio Marchi, “Giorno della Memoria. Gli ebrei in Friuli: Noi Gentilli vittime nel vortice della Shoah”, «Messaggero Veneto», Culture, 16 gennaio 2017, p. 27.
- Tristano Matta, Il lager di San Sabba dall’occupazione nazista al processo di Trieste, Istituto Regionale per la Storia del Movimento di Liberazione nel Friuli Venezia Giulia, Trieste, Beit, 2012.
René Robert Moehrle, “Fascismo, antislavismo e antisemitismo: i rapporti dei consoli tedeschi a Trieste 1919-1945, in Miriam Davide, Pietro Ioly Zorattini (a cura di), Gli ebrei nella storia del Friuli Venezia Giulia. Una vicenda di lunga durata, op. cit., pp. 237-253.
- G. Natti Dubois, Ebrei e cattolici in Italia, Udine, Arti Grafiche Friulane, 1937-XVI.
Roberto Olla, Lenonpersone. Gli italiani nella Shoah, Roma, RAI ERI (1.a edizione: 1999), 2000.
- Amos Oz, Sippur ‘al ahava we-hoshekh, 2002 (titolo in ebraico citato da Gabriella Steindler Moscati), traduzione italiana dall’inglese: Una storia di amore e di tenebra, Milano, Feltrinelli, 1^ edizione 2003, 9^ edizione 2011. Titolo originale inglese: A Tale of love and Darkness, 2002.
Bruno Palmano, “Al Grande Albergo di Via Spalato”, «Avanti cul Brun!», n. 46, 1946, pp. 99-107.
- Pietro Pascoli, “Flossembürg: fossa per vivi. Perfino il conforto della fotografia dei figlioli era negato alle vittime dell’odio teutonico”, «Libertà», 27 gennaio 1946, p. 3.
- Ferdinando Pascolo “Silla”, Che strano ragazzo. Dalla sacca del Don al carcere repubblichino per una nuova Italia (prima edizione: 2011), Udine, Aviani & Aviani, 2013.
- Maria Pelaia, “Ancora di Kitzmüller”, «Libertà», 29 maggio 1946, p. 2.
Giacomina Pellizzari, “Le storie. Portavo da mangiare ai deportati sui treni”, «Messaggero Veneto», Cronaca di Udine, 15 gennaio 2017, p. 24.
Giacomina Pellizzari, “Shoah in Baldasseria. Quando si fermavano i treni dei deportati”, «Messaggero Veneto», Culture, 24 gennaio 2017, p. 47.
- Bruno Piazza, Perché gli altri dimenticano, Collezione Universale economica n. 216, Milano, Feltrinelli, 1956. Quinta edizione: Feltrinelli, 1995.
- Liliana Picciotto Fargion, Il libro della memoria. Gli ebrei deportati dall’Italia (1943-1945), 1^ edizione 1991, Milano, Mursia, 2002.
- Liliana Picciotto, L’alba ci colse come un tradimento. Gli ebrei nel Campo di Fossoli. 1943-1945, Milano, Mondadori, 2010.
- Gino Pieri, “Ritornano gli ebrei", «Libertà», 7 ottobre 1945, p. 3.
- Gino Pieri, “Una esecuzione in carcere. 9 aprile 1945”, «Ce Fastu?», 1-6, 31 dicembre 1945, pp. 2-6.
- Gino Pieri, Storie di partigiani (prima edizione: Udine, Del Bianco, 1945), 2^ edizione 1946.
- Mario Quargnolo, Vecchia Udine, Società Veneta Editrice, Udine, 1982.
- Luigi Raimondi Cominesi, Dossier Szörényi. Olocausto di una famiglia. Liliana Schmidt. Una ragazza ebrea a San Daniele del Friuli nel 1944, San Daniele del Friuli, provincia di Udine, Comune di San Daniele del Friuli, Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, ANPI, 1996.
- Luigi Raimondi Cominesi, Modotti Mario “Tribuno”. Storia di un comandante partigiano, Udine, Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, 2002.
- Isabella Reale, “Cagli, o la libertà dell’immaginazione”, in I. Reale (a cura di), Cagli. Immaginare la libertà, Comune di Udine, Galleria d’Arte Moderna, Firenze, Il Fiorino, 1989
Elio Romano, “Il Giorno della Memoria”, «Prosecuzione». Trimestrale della Associazione Nazionale della Polizia di Stato, Sezione di Udine, n. 16, febbraio 2006.
- Annie Sacerdoti (a cura di), Itinerari ebraici. I luoghi, la storia, l’arte, Venezia, Marsilio, Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia, 1998. 
- Michele Sarfatti, Gli ebrei nell’Italia fascista. Vicende, identità, persecuzione, Torino, Einaudi, 2000.
- William L. Shirer, The Rise and Fall of the Third Reich, 1959-1960, traduzione italiana: Storia del Terzo Reich, vol. II (1^ edizione: 1962), Torino, Einaudi, 1997.
Livio Isaak Sirovich, Non era una donna, era un bandito. Rita Rosani, una ragazza in guerra (1.a edizione: 2014), Verona, Cierre edizioni, 2015.
Tivadar Soros, Maskerado ĉirkaủ la morto – Nazimondo en Hungarujo, J. Régulo 1965. Seconda edizione in esperanto: Rotterdam 2001. Prima edizione in inglese: Edinburgh 2000. Seconda edizione in inglese: New York 2001. Traduzione dall’esperanto in italiano: Ballo in maschera a Budapest. Scherzando con la morte, Udine, Gaspari, 2011.
- Paolo Spezzotti, La marcia da Dachau a Udine con Marco Cristofoli e Alfredo Milocco (10-20 maggio 1945), Udine, Associazione Nazionale ex Deportati Politici (ANED), Sezione Provinciale di Udine, 2009.
- Gabriella Steindler Moscati, “Memorie familiari e discorso storico nella prosa autobiografica israeliana d’oggi”, in Cristina Benussi (a cura di), Storie di ebrei fra gli Asburgo e l’Italia. Diaspore / Galuyyot, Udine, Gaspari, 2003, pp. 37-43.
- Gianni Strasiotto, “Don Cristante: giusto fra le nazioni?”, «Sot la Nape», 2, Avrîl-Jugn 2011, pp. 86-88.
Mauro Tabor, “Lo strappo della Shoah, la chiusura e a lenta riapertura all’esterno in un’ottica di continuità”, in Miriam Davide, Pietro Ioly Zorattini (a cura di), Gli ebrei nella storia del Friuli Venezia Giulia. Una vicenda di lunga durata, op. cit., (p. 331-338).
Italo Tibaldi, Compagni di viaggio. Dall’Italia ai Lager nazisti. I «trasporti» dei deportati 1943-1945, Milano, Franco Angeli, Consiglio Regionale del Piemonte, (1.a edizione: 1994), 1995.
- Gerardo Unia, Scacco a Eichmann. Un italiano salva migliaia di ebrei dalla ferocia nazista, Cuneo, Nerosubianco, 2012.
- Gualtiero Valentinis, Guida delle industrie e del commercio del Friuli, Udine, Tipografia Fratelli Tosolini, 1910,
- Elio Varutti, “Fiume 1943”, «Il Manifesto», 5 luglio 2001 (riguardo all’intervista sugli ebrei alla signora N.C., che viveva a Fiume nel 1943).
- Paolo Veneziano, “L’emigrazione clandestina degli ebrei austriaci dalla Riviera dei Fiori alla Costa Azzurra (1938-1940)”, in Christina Köstner, Klaus Voigt (cur), Österreichisches Exil in Italien 1938-1945, Vienna, Mandelbaum Verlag, 2009, cit.
Mariella Vivaldi, La porta della salvezza. Una donna e sua figlia in fuga dai nazisti, Venezia, Marsilio, 2000. 
- Corrado Vivanti (a cura di), Storia d’Italia, Annali XI, Gli ebrei in Italia. Dall’emancipazione a oggi, tomo 2, Torino, Einaudi, 1997.
Klaus Voigt, “Austriaci in esilio in Italia (1938-1945)”, in Christina Köstner, Klaus Voigt (cur), Österreichisches Exil in Italien 1938-1945, Vienna, Mandelbaum Verlag, 2009, cit.
- Giuseppe Vollono, “Il Giorno della Memoria. Quale ricordo in Polizia?”, «Noi Polizia», n. 2, 2002.
- Susan Zuccotti, Il Vaticano e l’Olocausto in Italia, Milano, Bruno Mondadori, 2001.
Italo Zuliani Paride, “Mauthausen e Ebensee”, «Il volontario della libertà. Quindicinale dell’Associazione Nazionale Partigiani Italiani per il Friuli», 1 aprile 1946, p. 3.
- August Walzl, Die Juden im Kärnten und das Dritte Reich, Klagenfurt, Universitätsverlag Carinthia, 1987 (traduzione italiana: Gli ebrei sotto la dominazione nazista. Carinzia Slovenia Friuli Venezia Giulia, Udine, Istituto Friulano per la Storia del Movimento di Liberazione, 1991).

30. Sitologia di riferimento


- Tra le varie fonti si veda: La brigata ebraica.

- Sulla storia del partigiano Luigi Barbarino, Matiònow, di Resia si possono leggere due brani:

- Sulla vicenda di Bruno Riccato, vedi:  “Nonno Bruno internato in Germania nel periodo 1943-1945”.

Su Alfonso Zamparo, scampato a Dachau, vedi il resoconto di un'attività scolastica originale: Giornata della Memoria allo Stringher 2015.


- Sulla giornata del 26 gennaio 2017 nella sala parrocchiale di San Pio X a Udine, per la rassegna del Comune di Udine sulla Giornata della Memoria vedi il Power Point di Elio Varutti: Ebrei a Udine sud.

Chi volesse leggere un articolo sulla serata di presentazione di questo saggio, veda: Giornata della Memoria 2017 a Udine sud.
 ----

Testo e networking di Elio Varutti. Le fotografie, ove non altrimenti indicato, sono di Elio Varutti.
Udine, incrocio Via Monfalcone con Via Capriva, vicino allo scalo ferroviario da dove passarono i treni carichi di ebrei.