lunedì 5 settembre 2016

Friûl ferît, lis fotos di Riccardo Viola in mostre

Udin – E à par titul «Friûl ferît / Friuli Ferito. Il terremoto del 1976 nelle fotografie di Riccardo Viola». E je une mostre fotografiche metude adun inte “Cjanive de Filologjiche”, in Vie Manin 18/a, li dal sît de Societât Filologjiche Furlane, screade ai 2 di Setembar dal 2016.

Gianfranco Ellero al presente la mostre des fotografiis di Riccardo Viola screade inte Cjanive de Fiologjiche a Udin

«Cheste esposizion – al à dit il professôr Federico Vicario, president de Societât Filologjiche Furlane – e je za stade in mostre a Vençon pal 40.n inovâl dal taramot dal Friûl, dopo e je stade proponude a Osôf e Lignan, cumò le vin culì, tal Palaç Mantica inte sede di Udin dal nestri sodalizi dai 5 fintremai ai 11 di Setembar dal 2016, ancje cu lis primis pagjinis dai gjornâi dal timp».

Gianfranco Ellero e Federico Vicario

Dopo al à fevelât il professôr Gianfranco Ellero, curadôr de rassegne e confradi di Riccardo Viola, muart masse adore. «A volevin jessi ancje chi a Udin, intun periodi di grant moviment di int par “Friuli Doc” – al à dit Ellero – ancje se chest piçul spazi nol rive a tignî dentri lis passe 250 fotografiis in blanc e neri scatadis di Viola tra il 15 e il 20 di Mai dal 1976».
In mostre si viôt il Domo di Glemone cu la tor che e somee la ponte di une lance, dopo la sgorlade dal taramot. E je la glesie di Valerian “sclopade” parcè che i è colât dentri il cjampanili. «O dovès capî che par la fotografie dal Cjiscjel di Prampar – al à dit Ellero – il brâf Riccardo Viola al à scugnût lâ insom di une culine di claps e pieris dal Cjiscjel sdrumât». Chest a è il prin reportage fotografic dal taramot in Friûl, parcè dome dopo a son rivâts i esperts dal Ministeri e di altris ents publics.
«Viola nol jere un fotograf di sensazion – al à sierât Ellero – nol sbarave scats par jemplâ lis pagjinis di cualchi gjornâl di figuris, cheste e je une mostre dal cidin, no si cjate un om o une femine tes imagjinis, ma dome secuencis dal disastri tes oparis di art, oltri che su la vite e la comunitât. Lui al veve chel di documentâ i fats, cuntun voli dut particolâr».

Public ae mostre di fotografiis di Riccardo Viola. In prim plan Giuseppe Bergamini e, tal mieç, Eddi Bortolussi

Al à cjapât la peraule dopo Giuseppe Bergamini, diretôr dal Museu Diocesan e des Galariis dal Tiepolo, memoreant che il «gust pe art di Viola al passe ancje a nô altris, parcè lui al è stât un fotograf straordenari e modest, che jo lu ai cognossût e i ai dât la incjarie di fâ chestis fotografiis propri 40 agns indaûr, pes rivistis de Societât Filologjiche Furlane».
Par sierâ la scree de mostre al è intervignût Feliciano Medeot, diretôr de Societât Filologjiche Furlane, par mostrâ un video di Andrea Tomasin, fat cui materiâi fotografics di Riccardo Viola, di 15 minûts, in vision pal public inte istesse “Cjanive” de Filologjiche.
I oraris di visite a son dai 5 ai 11 di Setembar 2016: lunis, martars e miercus, des oris 10,30 aes 12,30  des 16,00 aes 18,00. Joibe, vinars, sabide e domenie des oris 10,30 aes 12,30 e des 16,30 aes 18,30. La rassegne e gjolt dal patrocini de Fondazion CRUP. E je stade inmaneade de Filologjiche cul jutori de Regjon Autonome Friûl Vignesie Julie e la colaborazion de Associazion Comuns Taramotâts e Sindics de Ricostruzion dal Friûl, dal Centri di Ricercje e Archiviazion de Fotografie (CRAF) di Spilimberg e dal studi Foto Viola di Mortean.



Servizi gjornalistic e fotografic di Elio Varutti
-----
La version par talian di chest articul si pues viodile culì:
--------
Udine - Si intitola «Friûl ferît / Friuli Ferito. Il terremoto del 1976 nelle fotografie di Riccardo Viola». È una mostra fotografica allestita nella “Cjanive de Filologjiche”, in Via Manin 18/a, nei sotterranei della Società Filologica Friulana, inaugurata il 2 settembre 2016.
«Questa esposizione Friûl ferît – ha detto il professor Federico Vicario, presidente della Società Filologica Friulana – è già stata in mostra a Venzone, per il 40° anniversario del terremoto in Friuli, poi è stata riproposta a Osoppo e Lignano Sabbiadoro, adesso è anche qui, a Palazzo Mantica nella sede di Udine del nostro sodalizio dal 5 al giorno 11 settembre 2016, anche con le prime pagine dei giornali del tempo».
Poi ha parlato il professor Gianfranco Ellero, curatore della mostra fotografica e amico fraterno dello scomparso prematuramente Riccardo Viola a 79 anni. «Volevamo esserci anche qui a Udine, in un periodo di grande movimento di persone per Friuli Doc – ha detto Ellero – nonostante questo spazio limitato non possa contenere le oltre 250 fotografie in bianco e nero scattate da Viola tra il 15 e il 20 maggio 1976».
In mostra c’è il Duomo di Gemona col moncherino del campanile, dopo la tremenda scossa. C’è la chiesa di Valeriano “scoppiata” perché le è caduto il campanile dentro. «Dovete capire che per la fotografia al Castello di Prampero – ha spiegato Ellero – il bravo Riccardo Viola si è dovuto arrampicare su una grossa collina di detriti». Questo è il primo reportage fotografico del terremoto in Friuli, perché solo dopo sono arrivati gli esperti del Ministero e di altri enti preposti.
«Viola non era un fotografo sensazionalista – ha concluso Ellero – non sparava scatti per riempire le pagine di qualche giornale illustrato, questa è una mostra del silenzio, non trovate molti umani in queste immagini, ma solo sequenze del disastro sulle opere d’arte, oltre che sulla vita e la comunità. Lui amava documentare i fatti, con un esclusivo angolo visuale».
Ha preso la parola anche Giuseppe Bergamini, direttore del Museo Diocesano e Gallerie del Tiepolo, ricordando che il «gusto per l’arte di Viola passa anche a noi, perché lui è stato un fotografo straordinario e modesto, che io ho conosciuto e incaricato di fare queste fotografie proprio 40 anni fa, per le riviste della Società Filologica Friulana».
In chiusura dell’inaugurazione dell’esposizione è intervenuto Feliciano Medeot, direttore della Società Filologica Friulana, per mostrare un originale video di Andrea Tomasin, con i materiali fotografici di Riccardo Viola, della durata di 15 minuti, in visione per il pubblico nella stessa “Cjanive” (o cantina) della Filologica.

Gli orari di visita sono dal 5 al giorno 11 settembre 2016: lunedì, martedì e mercoledì, dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 16,00 alle 18,00. Giovedì, venerdì, sabato e domenica dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 18,30. La rassegna ha il patrocinio della Fondazione CRUP. È stata organizzata dalla Filologica col contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e la collaborazione dell’Associazione Comuni Terremotati e Sindaci della Ricostruzione del Friuli, del Centro di Ricerca e Archiviazione della Fotografia (CRAF) di Spilimbergo e dello studio Foto Viola di Mortegliano.