sabato 3 settembre 2016

70 agns di Fogolâr a Milan, conference a Udin

Nassût tal 1946, il Fogolâr Furlan di Milan al à fat 70 agns. «Il 2016 al è l’an dal 70.n inovâl di fondazion dal nestri Fogolâr a Milan – al à dit Marco Rossi, segretari dal sodalizi furlan di Milan e de Lombardie, che al fevelave par talian – ma al è ancje il 40.n inovâl dal taramot dal Friûl e nô o vin volût dâ un grant jutori ae ricostruzion, alore al è un moment di travuarts che o vin voie di fa fieste par dut l’an».
Udin – Federico Vicario al salude il 70.n inovâl dal Fogolâr Furlan di Milan. A çampe, Marco Rossi. A drete: Anna Pia De Luca e Franco Iacop. 
Fotografie di Elio Varutti

La ocasion par screâ la fieste dal Fogolâr dai milanês di origjin de Furlanie e je stade metude adun de Societât Filologjiche Furlane, li dal salon di onôr “Guglielmo Pelizzo” intal sît di Udin tal Palaç Mantica, in Vie Manin, par une conference stampe ai 2 di Setembar dal 2016.
Presentadôr dal incuintri al jere Dino Persello, artist mataran e om plen di culture, che al à volût lei il statût di fondazion dal sodalizi milanês cussì come che al è stât scrit dal nodâr, metint dentri cualchi peraule in marilenghe. Dopo al à cjapât la peraule Marco Rossi, che al à puartât il salût di Alessandro Secco, president dal Fogolâr Furlan di Milan, che al jere un tic malât. Al à cjacarât ancje il professôr Federico Vicario, president de Societât Filologjiche Furlane.
Il salût dal Ent Friûl tal Mont al è stât puartât da Anna Pia De Luca, vice president dal sodalizi, in un biel furlan, cul acent dal inglês dal Canadà. Al è intervignût ancje Giuseppe Morandini, president de Cjasse di Sparagn dal Friûl Vignesie Julie, par memoreâ che «intal timp di Internet e di WhatsApp al è impuartant chel circul di personis che al cure e al disvilupe i contats cun la tiere di apartignince».
Lis conclusions dal incuintri a son stadis fatis (in lenghe furlane) di Franco Iacop, president dal Consei de Regjon Autonome Friûl Vignesie Julie. «O varès voie di tornâ a fevelâ dal model Friûl – al à dit Iacop – no dome pai taramots, comprendût l’ultin dal Reatin e des Marchis, ma intai compuartaments gjenerâi des personis».
Il prin apontament dal Fogolâr Furlan di Milan al è il conciert dal Côr de Brigade Alpine Julia Congjedâts, cul diretôr Alessandro Pisano, proviodût a Milan par sabide ai 8 di Otubar dal 2016, a lis oris 20,30 inte Sale des Colonis dal Museu Nazionâl di Sience e Tecnologjie “Leonardo da Vinci”, in Vie San Vitôr. Il programe dai alpins al proviôt nuie mancul che 14 cjants, con la sierade dal imni di Mameli.
Giuseppe Morandini, president de Cjasse di Sparagn dal Friûl Vignesie Julie. Fotografie di Elio Varutti

Simpri a Milan sabide ai 12 di Novembar dal 2016, aes oris 16,30 li de Ostarie de Stazion, di Vie Popoli Uniti 26, e vignarà fate la consegne dal Premi Furlan de Diaspore 2016, con proiezion dal video “1976-1946, Friuli ferito” par cure de Societât Filologjiche Furlane e “Guido Mattini racconta i suoi libri”. Dopo si gustarà: “Cene cun l’autôr” li de istesse ostarie di Gunnar Cautero.
Sabide ai 19 di Novembar dal 2016, te istesse Ostarie si ten la presentazion dal romanç “La Tedesca”, di Alessio Alessandrini, cun leturis di Elena Colonna e musichis sielzudis di Marco Rossi. Dopo si mangje ducj insiemi, cun l’ostîr Gunnar Cautero.
Simpri tal mês di Novembar, cul lûc di cjatâ “Fogolâr Furlan di Milano ricorda il 40° anniversario del terremoto” par cure di Dino Persello e Marco Rossi, di seguit “Ognun la conte a so mût”, rapresentazion teatrâl dal grup “Pari opportunità della Carnia – Melie Artico dai Lops”, di une idee e cun la regjie di Dino Persello. Si trate di une satire, ironie, curiositât, cjants spontaniis, ricercjis e contis des tradizion popolârs intes variants des feveladis de Cjargne par cure di siet feminis “scjadenadis” (Elia Ferigo, Livia Sala, Nives Baldacconi, Rosalea Ferrari, Elsa Martin, Solidea Del Negro e Marta Vezzi), con la colaborazion culturâl e tecniche di Celestino Vezzi.

Dino Persello al lei l’at di nassite dal Fogolâr Furlan di Milan fat tal 1946. Fotografie di Elio Varutti

Su chest spetacul Persello al dîs: «A son vot agns che si fâ, i prins cuatri a erin dome barufis, dopo lis splendidis atoris a son cressudis une vore in clâf artistiche e cumò… si barufe di mancul, o vin fat plui di sessante replichis, dutis cun tancj batimans, la int ae fin dal spetacul si ferme a domandâ robis a ogni femine che e jere tal palc, a son ducj emozionâts, al è dome di viodi».

Tra i ultins apontaments dal Fogolâr di Milan, pai siei 70 agns di vite, e tache la “Setemane furlane”. Si ten di lunis ai 10 di Otubar a sabide ai 16 di Otubar dal 2016 li de taronde di Vie Besana, in colaborazion cu la Regjon Friûl Vignesie Julie e il Comun di Milan. E à par titul: “La contrade de ocje, fatorie didatiche, Fane di Pordenon”. Di matine e je la part didatiche e dopo di mangjât, la presentazion di prodots tipics dal Friûl, spetacui, divertiment cul côr ANA dai alpins di Davian di Pordenon. 
Federico Vicario, president de Societât Filologjiche Furlane. Fotografie di Elio Varutti

Una version in lenghe taliane di chest articul e je stade publicade ai 2 di Setembar dal 2016 su infofvg.it cul titul: “70 anni di Fogolâr Furlan a Milano presentati a Udine”.