domenica 3 aprile 2016

La poesie di Galliano Zof, Udin Palaç de Provincie

Il libri antologjic di poesie di Galliano Zof al è stât presentât ai 1di Avrîl dal 2016. Al è sucedût tal Palaç Belgrât, la sede de Provincie di Udin, cul salût uficiâl dal sô president, Pietro Fontanini. Culì a si pues viodi lu invît de Provincie di Udin e presentazion.

Pietro Fontanini al presente il libri di Galliano Zof. Dongje di lui Donatella Urban, assessôr ae Culture dal Comun di Sante Marie la Lungje e, plui in la, Manuela Quaglia, curadore dal volum. E ancje Luigi Geromet, president dal Istitût “Achille Tellini” e Odorico Serena, amì dal poete

Mai la fieste de Patrie dal Friûl, che si celebre a ogni 3 di Avrîl, stant che tal 1077 al è stât screât tant che Patrie dal Friûl, e podeve scomençâ cussì ben tal Salon dal Consei provinciâl di Udin. Il gnûf libri al à par titul: “Il gno jessi tal mont. Il mio stare al mondo. Poesiis. Poesie (1966-2009)”, par cure / a cura di Manuela Quaglia, Istitût “Achille Tellini”, Manzan (UD) / Istituto “Achille Tellini”, Manzano (UD), 2015, di 434 pagjinis. 
L’autôr al è nassût a Sante Marie la Lungje tal 1933 e muart tal 2012. Al è stât un om di scuele, ancje preside e de culture furlane.
Te sô presentazion l’onorevul Fontanini, dopo di vê fat i compliments pe jessude de opare, nol à mancjât di lagnâsi pe sielte grafiche doprade tal libri improntade su dôs grafiis: chê origjinâl di Zof e chê de koinè. «Chest libri al è impuartant pe culture furlane, ma o vin di lâ indevant cuntune grafie uniche – al à dit Pietro Fontanini – propit la Provincie di Udin e à sburtât dai agns otante dal Nûfcent par cjatâ un mût di scrivi che al vadi ben a ducj i furlans, no vin di spaventâ chei che si metin a lei un libri in marilenghe, chei che a si svicinin pe prime volte ae marilenghe mostrantju dôs manieris di scrivi, che a son diferentis di chel uficiâl aromai dal 1996 e ricognossût dai ent publics par dâ un finanziament aes iniziativis di caratar culturâl».
Il public tal Salon di Palaç Belgrât a Udin ai 1n  di Avrîl dal 2016

Oltri a Fontanini al à fevelât Luigi Geromet, president dal Istitût “Achille Tellini”, nassût tal 1992 par meti adun la culture de int e lis tradizions dal popul.  Al è rivât a stampâ nuie mancul che 17 volums sui mîts, su lis liendis dal Friûl storic. Geromet al à dit che: «Zof al è un protagonist de culture e de lenghe furlane e dentri a chest libri a si cjatin plui di 40 agns di impegn leterari e culturâl dal poete». Il president Geromet si à cjapât la colpe de sielte di publicâ il libri di Zof in dôs grafiis diferentis ma al al à dit che è plui impuartant «che si fâsi la presentazion des poesiis di Zof inte suaze de fieste de Patrie dal Friûl».
E à cjapât la peraule dopo Donatella Urban, assessôr ae Culture dal Comun di Sante Marie la Lungje, paîs natîf di Galliano Zof. E à fevelât benissim in marilenghe, ancje se e jere un tic spauride tal principi (e à dit), par vie che i vignive di fâ un intervent istituzionâl in lenghe taliane, par memorâ ben il grant poete Zof. Al è stât miôr cussì. Dome ae fin dal discors  e je passade plancut a cjacarâ par talian, cussì a capivin ducj chei che a jerin in sale. Ma il public al jere di furlans e vonde! «Chestis poesiis – e à concludût la Urban – a son stadis presentadis ancje in paîs tal 2013, cuntune vore di sucès, al è stât un moment di incressite par dute la int di Sante Marie la Lungje». Dopo la assessore e à comunicât che il Comun al à decidût si scrivi la poesie “Jessi” suntun mûr di une cjase dal paîs, parcè che ducj a vegnin a cognossi la impuartance dal poete paisan Zof.

A chel pont la curadore de publicazion, Manuela Quaglia, e à tacât a fevelâ inte sô bielissime variante cjargnele di Neariis di Sudri. E à fevelât di cheste racuelte di poesiis di Galliano Zof dal 1966 a 2009. «O ai cognossût Galliano Zof tal 2002 – e à dit Quaglia – e jere une persone di grant culture, fevelâ cun lui e jere come lâ a scuele, si imparave tant. Alore mi àn dât a mi il compit di meti adun la sô opare poetiche e o ai lavorâ par plui di un an e mieç cu la colaborazion di Paola, la femine dal poete, che e à savût cjatâ las peraulas justas par voltâ lis poesiis che a jerin par talian. La sielte di doprâ dôs version di grafie no è stade lizere, o vin operât cussì par vie che i materiâi a jerin tancj e in dôs versions, taliane e furlane, cu la grafie di Zof. Lui al veve preparât ancje un menabò, o progjet di stampe, dal libri prime di murî e cussì o vin lavorâ ancje cun chel imprest».
Par Odorico Serena, amì di Galliano, oltri che om di scuele e di culture, sierâ lis relazions de incuintri al è stât un onôr e un impegn. «Pensait – al à dit Serena – che par Gianfranco D’Aronco chest libri al è un regâl pai furlans, tant al è impuartant e dentri o cjatarès lis fotografiis di Carlo Innocenti, un fotograf di sest, come che al voleve Galliano Zof. Dopo al à ilustrât i temis dal libri, come la religjositât, la identitât, la tradizion contadine, la linguistiche, la famee e i afiets. Cheste è je une poesie sociâl».
Ancje il filosof Sergio Sarti al veve esprimût valutazions positivis su la poesie di Zof, che al è stât autôr ancje di didatiche, di architeture spontanie e di teatri. Tal 1988 Zof al è stât tra i fondadôrs dal moviment leterari di “Cjarande”, cun Domenico Zanier e Mario Argante. Al è un fat impuartant memoreâsi di lui tal 939m de nassite de Patrie dal Friûl burint fûr un libri cun dute la sô produzion poetiche.
Par sierâ la biele riunion la Associazion “I Viandants” di Basilian e à fat un zîr di leturis senichis ispiradis ae opare poetiche di Galliano Zof.
---
BIOGRAFIE - Galliano Zof, nassût ai 26 di Avost dal 1933, indotorâts in Letaris modernis e dopo in Filosofie, al à simpri vivût a  Sante Marie la Lungje. Al è stât insegnant di materiis leterariis e preside di scuele mezane. Cuant che al jere preside a Manzan al à dât un grues jutori aes iniziativis promovudis de aministrazion comunâl e al è stât te zurie dal premi leterari "Caterina Percoto".

Passionât di storie e des tradizions dal Friûl al è stât un dai fondadôrs dal Istitût pe Ricercje e la Promozion de civiltât furlane “Achille Tellini". Tal 1967 al à fat cun Mario Argante e Domenico Zannier il moviment leterari "La Cjarande". Al à scrit, tra lis altris "De bande dai Siôrs" e "Contadinance", dulà che al denunzie lis cundizions di miserie, la fadie e i dolôrs dal popul contadin. Zof al è stât un sclet poete in marilenghe, nol à mai neât lis sô origjins semplicis, anzit a ‘nd à esaltât i siei valôrs. Al è muart ai 9 di Avost dal 2012.
---
Servizi gjornalistic e des fotografiis di Elio Varutti

La Associazion “I Viandants” di Basilian e à fat un zîr di leturis senichis ispiradis ae opare poetiche di Galliano Zof.