lunedì 8 dicembre 2014

La villeggiatura a Camporosso in Valcanale e a Tarvisio

L’accoglienza turistica nella Valcanale, provincia di Udine, ebbe inizio tra gli ultimi anni dell'Ottocento, stando alla letteratura della Carinzia, e i primi decenni del Novecento, quando furono ospitati i primi villeggianti, presso le camere di alcune trattorie e alberghi. 

 


Fusine in Valromana - Lago Inferiore con il Monte Mangart m. 2673. Edizioni G. Di Lenardo, Fusine in Valromana - Cartolina viaggiata nel 1955. Collezione E. Varutti, Udine.
La situazione statistica delle attività ricettive, essendo le prime esperienze di tal genere, non è per nulla chiara. Nel 1884, secondo Führer durch Kaernten (Guida della Carinzia), di A. Hartleben c'erano a Tarvisio alta due pensioni, mentre a Tarvisio bassa sono segnati due hotel e a Tarvisio centrale una pensione. A Fusine le semplici strutture d'accoglienza erano 2. A Camporosso 2. A Valbruna 2. A Ugovizza 1. A Malborghetto 3. A Bagni di Lusnizza 2. A San Leopoldo 2. A Pontafel 3. Per un totale di pensioni / Gasthaus: 21 ed Hotel 2.
Dieci anni più tardi, Giovanni Marinelli scrive che c'erano solo 6 pensioni.
Nel 1903, secondo la guida turistica Woerl's Reisehandbiicher, paiono il doppio del 1884! Le attività ricettive sono così distribuite: Markt-Tarvis / Tarvisio alta, pensioni / Gastheuser 8, Hotel 1 e 11 affittacamere. Tarvisio bassa 3 hotel e pensioni 1. A Fusine 3 pensioni. A Cave del Predil 2. A Camporosso 4. A Monte Lussari 1. A Ugovizza 2. A Valbruna 2. A Malborghetto 4 pensioni e  1 affittacamere. A Santa Caterina 1. A Bagni di Lusnizza 1. A San Leopoldo 1. A Pontafel 6. Per un totale di pensioni / Gasthaus 36 e Hotel 4.
Perfino la prestigiosa guida turistica Baedeckers Ober Italien, del 1931, prende dei... granchietti, scrivendo che a Tarvisio gli alberghi sono 4, per 151 posti letto e a Pontafel 1, per un totale di 5 attività, dimenticandosi tutte le pensioni o affittacamere! 
 
Cartolina viaggiata nel 1956, edizioni A. Rassati, Tarvisio. Collez. E. Varutti, Udine.

Negli anni Venti c’erano varie osterie a Tarvisio. Erano 31 in tutto, secondo la Guida del Valentinis e tre di esse erano intestate alle famiglie Schönberg. Poi c’erano tre bar e tre caffé. Due soli erano ufficialmente gli alberghi, in base ai dati della Camera di commercio della Provincia del Friuli (che comprendeva Udine e Gorizia). Gli alberghi nel 1921 a Tarvisio erano intestati a Anna Hörtl (il primo) e a Agnese Pleschisilschunsg (il secondo). 
Nel 1935 gli ospiti dell’albergo Spartiacque di Caporosso in Valcanale provenivano, oltre che da Udine, anche da Fiume e da Trieste.
L’albergo Bellavista di Caporosso in Valcanale, nel 1961, era poco più che una casa di contadini con qualche camera per i villeggianti locali, compresi i triestini, pordenonesi e i monfalconesi; c’erano pure degli emiliani, napoletani e romani. Era gestito da Hans Kranner e dai suoi genitori. Poi c’erano suo fratello Edi e la sorella Resi. La famiglia era dedita all’allevamento dei bovini. La vecchia stalla dell’albergo Bellavista, nel 1964, fu adattata a sala da ballo, con la significativa intitolazione del “Toro”. 
I villeggianti effettuavano delle comode passeggiate fino a Tarvisio, che dista 3 km, dove si potevano bere un caffé presso l’albergo Nevada, oppure al vicino albergo Haberl, il cui giardino era pieno di dalie in fiore. Era il più bello di Tarvisio.
L’albergo Bellavista di Camporosso, nel 2011, è uno Sport Hotel a tre stelle con 34 camere. Oltre allo sci, offre passeggiate a piedi e a cavallo, Mountain bike, Dog trekking, golf, tennis ed altro.  

Albergo Schnablegger di Tarvisio, anni 1920-1930. Cartolina con sovrastampa su scritta in lingua tedesca


Ha scritto tra i suoi ricordi un turista: “Tra gli altri sport, ho ricordato il pietoso episodio della scherma. Me la cavai meglio con lo sci. Mi portarono la prima volta a Tarvisio nel mitico inverno polare del ’29, quando la mattina in camera (albergo Schnableger) si doveva rompere il ghiaccio nella brocca per potersi lavare, cosa che non credo di aver fatto. Incominciai a sciare e continuai fino, credo, al ’35, migliorando gradualmente ma sempre col vecchio stile alpino, tanto campetto e tanto spazzaneve. Andavamo col treno bianco: partenza alle 5 da Trieste ed arrivo a Tarvisio verso le 9. Ci fermavamo di solito a Valbruna. Per le vacanze di Natale siamo stati a Sappada, Valbruna, Corsara, fino alle ultime, a Cortina”. (Vedi: http://www.congedatifolgore.com/it/storie-di-leoni-e-da-leoni/).

----
(version furlane) 

I  VACANCÎRS A CJAMPAROS E TARVIS 

Il bon acet turistic inte Val Cjanâl, provincie di Udin, al à tacât intai ultins agns dal Votcent, stant ae leterature de Carinzie, e i prins agns dal Nûfcent, cuant che a forin ospitâts i prins vacancîrs, intes cjamaris di cualchi famee di contadins, tes ostariis e intai albiercs. 
La situazion statistiche des ativitâts dal bon acet, jessint lis primis esperiencis dal gjenar, no è par nuie clare. Tal 1884, stant a Führer durch Kaernten (Vuide de Carinzie), di A. Hartleben, a jerin a Tarvis alte dôs pensions, mentri a Tarvis basse a son segnalâts doi albiercs e a Tarvis centrâl une pension. A Fusinis lis semplicis struturis dal bon acet a erin 2. A Cjamparòs 2. A Valbrune o Cjalavai 2. A Ugovize 1. A Malborghet 3. A Lusniz 2. A Sant Liopolt 2. A Pontafel 3. Par un totâl di pensions / Gasthaus: 21 e albiercs 2. Giovanni Marinelli, tal 1994, al scrîf che a'nd'erin dome 6 pensions.
Tal 1903, secont la vuide turistiche Woerl's Reisehandbiicher, a somein il dopli dal 1884! Lis ativitâts dal bon acet a son cussì distribuidis: Markt-Tarvis / Tarvis alte, pensions / Gastheuser 8, Hotel 1 e 11 fitarûi di cjamaris. Tarvis basse 3 hotel e pensions 1. A Fusinis 3 pensions. A Cjavis dal Predil 2. A Cjamparòs 4. A Mont Lussari 1. A Ugovize 2. A Valbrune o Cjalavai 2. A Malborghet 4 pensions e  1 fitarûl di cjamaris. A Sante Catarine 1. A Lusniz 1. A Sant Liopolt 1. A Pontafel 6. Par un totâl di pensions / Gasthaus 36 e Hotel 4.
Parfin la lustrissime vuide turistiche Baedeckers Ober Italien, dal 1931, a cjape un fal, cul scrivi che a Tarvis i albiercs a son 4, par 151 puescj jet e a Pontafel 1, par un totâl di 5 ativitâts, cence nomenâ dutis lis pensions!  
Tai agns Vincj a erin une vore di ostariis; a jerin 31 in dut, secont de Guida dal Valentinis e trê a jerin intestadis aes fameis Schönberg. Dopo a jerin trê bar e trê café. Dme doi a jerin i albiercs, stant a ce che e à publicât la Cjamare di cumierç dal Friûl (che e cjapave dentri Udin e Gurize in chei agns). 
I albiercs tal 1921 a Tarvis a jerin il prin di Anna Hörtl e il secont di Agnese Pleschisilschunsg. Tal 1935 i ospits dal albierc “Spartiacque” di Cjamparòs a vignivin oltri che di Udin, ancje di Flum dal Cuarnâr e di Triest.
 
Tarvisio, Boscoverde,
Casermette, cartolina viaggiata nel 1960. Collezione E. Varutti, Udine.


Lu albierc “Bellavista” di Cjamparòs, tal 1961, al jere pôc di plui di une cjase di contadins cun cualchi cjamare pai vacancîrs di chenti, cumprindûts i triestins, i pordenonês e i monfalconês; a’nd’jerin ancje de Emilie, napoletans e romans. E veve il maneç la famee di Hans Kranner cui siei gjenitôrs. Dopo a jerin so fradi Edi e sô sur Resi. La famee e veve vacjis di governâ. Inte vecje stale dal Albierc “Bellavista”, tal 1964, e fo adatade a sale di bâl, cul non significatîf di “Taur”. 
I vacancîrs a fasevin cjaminadis fin a Tarvis, che al è a stâ a trê chilometris, dulà che a podevin cjoli un  cafè tal albierc “Nevada”, o pûr li dongje tal albierc “Haberl”, che al veve un zardin plen di gjorgjinis. Al jere il plui biel di Tarvis. 
Lu albierc “Bellavista” di Cjamparòs, tal 2011, al è un Sport Hotel di trê stelis con 34 cjamaris. Oltri che il schi, al ufrìs cjaminadis a pîts e cul cjavâl, Mountain bike, Dog trekking, golf, tennis e altri.  

-----


Inizio delle ricerche: Gruppo di studio della classe 5^ C Turistica, anno scolastico 2012-2013, sotto la guida della professoressa Maria Pacelli, Italiano e Storia, e del prof. Elio Varutti, Discipline economico aziendali, che ha seguito il Networking (2014). Versione friulana di Cinzia Melchior, di San Daniele del Friuli e di Mattia Munaro, di San Vito di Fagagna, provincia di Udine, della classe 3^ H Enogastronomia, anno scolastico 2014-2015 - dott.ssa Anna Maria Zilli, dirigente scolastico. ISTITUTO STATALE D’ISTRUZIONE SUPERIORE “BONALDO STRINGHER” Udine - Progetto Lingua e Cultura Friulana, in collaborazione con Progetto Secolo breve in Friuli Venezia Giulia, cofinanziato dalla Fondazione CRUP.
-----
Il Grup di studi de classe 5^ C Turistiche e à tacât lis ricercjis intal an scolstic 2012-2013, sot la vuide de professore Maria Pacelli, Italian e Storie, e dal professôr Elio Varutti, Dissiplinis economichis e aziendalis, che al à rincurât ancje il Networking (2014). Version furlane dai arlêfs de classe 3^ H Enogastronomie Cinzia Melchior, di San Denêl e di Mattia Munaro, di San Vît di Feagne, provincie di Udin, an scolastic 2014-2015 - dotore Anna Maria Zilli, dirigjent scolastic. ISTITÛT STATÂL D’ISTRUZION SUPERIÔR “BONALDO STRINGHER” Udin - Progetto Lingua e Cultura Friulana, in colaborazion cul Progetto Secolo breve in Friuli Venezia Giulia, cofinanziât de Fondazione CRUP.

-------



Il personaggio. KAJETAN SCHNABLEGGER (1843-1894)

Kajetan Schnablegger, secondo gli storici della valle, è il fautore del turismo d'élite in Valcanale. Il monumento col suo busto è situato nel giardinetto di via della Stazione a Tarvisio. Nacque nel 1843 a Weissenfels (Fusine in Valromana) da Leopold  Schnablegger, industriale proprietario della miniera privata di piombo e zinco a Raibl, Cave del Predil. Frequentò la scuola di montagna di Leoben, in Stiria. 
 

Special thanks for this photo to Imre Lakat
Alla morte del padre, avvenuta nel 1876, rilevò l'azienda paterna e divenne il personaggio più in vista della valle. La sua dimora era a Tarvisio Bassa nel palazzetto Struggl (dismessa caserma di Finanza). Sposò Emilie Pirker di Villacco / Villach ed ebbe da lei quattro figli. Proprietario di terreni, malghe, boschi e di molti edifici, tra cui alberghi di rango a Tarvisio, Cave del Predil, Malborghetto e Pórtschach, fu sindaco per molti anni di Tarvisio e consigliere regionale della Carinzia. 
Grande animatore di varie associazioni locali (sport, alpinismo, caccia), fu anche membro della Camera carinziana di commercio. Il suo maggiore impegno e merito fu la promozione del turismo d'élite in Valcanale tramite le sue strutture e le sue conoscenze in ambito danubiano. Introdusse iniziative assai innovative per l'epoca. Installò bagni e docce d'acqua solforosa nel suo albergo di Malborghetto, iniziò negli altri hotel la pratica delle cure per i clienti con metodi naturali (bagni con aghi di pino, cura del fieno ed altro). Propose i percorsi turistici e pubblicizzò per primo con i depliant le sue strutture alberghiere. Morì accidentalmente in miniera nel 1894. La sua azienda fu venduta nel 1900 agli industriali carinziani Henken von Donnersmark.

Tarvisio, Colonia Pontificia - Edizioni N. Brandalise, Tarvisio. 
Cartolina viaggiata nel 1953. Collezione E. Varutti, Udine.


Bibliografia / Bibliografie 

- Baedeckers, Ober Italien, 1931.


- Storia e prospettive turistiche del comprensorio, a cura di R. Domenig, Tarvisio (UD), Azienda autonoma e turismo del Tarvisiano e di Sella Nevea, 1986.

- Führer durch Kaernten (Guida della Carinzia), A. Hartleben, Wien, 1884.
 
- Giovanni Marinelli, Guida del Canal del Ferro, Udine, Società Alpina Friulana, 1894.

- Testimonianza orale e documentaria della famiglia C. di Ferrara.

- G. Valentinis, Guida commerciale industriale e professionale del Friuli, Udine, Passero, 1921.

- Woerl's Reisehandbiicher, Leipzig, 1903.